di Marco Riccardi - 07 July 2018

Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

Una catena da buttare non è il solo problema che emerge nei primi 12.000 km della nostra maratona. L'analisi dell'olio motore mostra una preoccupante usura...
  • Salva
  • Condividi
  • 1/24 Long Test Kawasaki Versys 650

    Dei problemi di allungamento della catena di trasmissione finale vi abbiamo già parlato al tagliando dei 6.000 km. L'usura è continuata e la catena ha richiesto la sua sostituzione con una nuova a soli 12.000 km, quando, per fare un esempio, quella montata sulla Yamaha Tracer è arrivata a 30.000 km mentre quella della Honda Africa Twin si è macinata 48.000 km! Ma è emersa una situazione potenzialmente più grave, un presunto deterioramento precoce che potrebbe condizionare la marcia della Kawasaki verso il traguardo dei 50.000 km.

    Il motore della Versys, non solo sta cominciando a perdere potenza e coppia, ma dall'analisi dell'olio, effettuata dal laboratorio Mecoil di Firenze, emerge un'usura anomala delle bronzine. Il campione d'olio prelevato dal motore della Versys a 12.000 km ha acceso gli allarmi dei macchinari di analisi del laboratorio fiorentino per la evidente presenza nell'olio di un eccesso di alluminio, piombo e rame; incrementi notevoli e compatibili con un problema di usura dei cuscinetti radenti (quelle che comunemente sono le bronzine) montati su bielle, albero motore e masse antivibrazioni.

    Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

    Nei tre Long Test che abbiamo portato a termine sino a ora (Yamaha Tracer 900, Honda Africa Twin e BMW R 1200 RT) e in quello ancora in corso con la Suzuki V-Strom 1000 XT, le analisi di Mecoil non hanno mai evidenziato simili e anomale condizioni in ognuno dei campioni di olio analizzati. A 18.000 km preleveremo ancora l'olio del motore della Versys sottoponendolo a nuovi esami per verificare se questa eccessiva usura va a continuare oppure l'anomalo fenomeno si sta attenuando.

    Per conoscere tutti i dettagli di come sta proseguendo il Long Test della Kawasaki Versys 650, vi rimandiamo alle pagine di Motociclismo di luglio, in edicola in questi giorni, dove trovate il report completo della nostra prova di durata comprensivo di tutti i dati rilevati dal nostro centro prove.

    Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

    Compagni di viaggio

    Compagna di viaggio in questo long test è Continental: la gomma scelta per la Versys 650 è la ContiRoad Attack3 che si caratterizza per la precisione di inserimento in curva data dalla sua carcassa rigida e da un profilo del battistrada che la rende veloce nel cambio di direzione. L'altra scelta è caduta su Alemasat, che propone un nuovo concetto di antifurto. Il valore aggiunto di questo sistema deriva dalla possibilità di monitorare in diretta il tentativo di furto oppure localizzare la moto dal proprio smartphone, grazie alla app dedicata.

    Il nostro tester "Culo di Pietra" indossa:

    • Completo Rev'it! Dominator GTX, con giacca multistrato impermeabile (Gore-tex) che presenta la possibilità di adattarsi rapidamente alle varie condizioni ambientali.
    • Stivali scelti sono i Discovery Outdry, leggeri e comfortevoli e sempre in ottica sicurezza.
    • Paraschiena Rev'it! Seesoft (livello 2),basato su una serie di strati che hanno la possibilità di scivolare tra di loro attutendo l'impatto sulla schiena.
    • Casco Arai QV-Pro: deriva nella forma e nella calotta dal top di gamma, lo sportivo RX-7V. Si caratterizza per il sistema PSS che posiziona un visierino oscurante all'esterno di quella principale. 4.
    • Interphone Tour di CellularLine: si distingue per elevata autonomia (23 ore di conversazione), qualità audio e la facilità d'uso anche con i guanti.
    • Il dispositivo Woolf, il primo sistema "indossabile" pensato per le due ruote che avvisa della presenza dei vari punti di rilevamento della velocità (velox fissi, tutor autostradali e postazioni mobili standard) e pure dei semafori con telecamera. Fisicamente Woolf è un braccialetto in pelle che emette una vibrazione al polso con una frequenza crescente quando ci si avvicina a un "velox". Questo avviene tramite GPS e una connessione (via Bluetooth) con una App, che può essere scaricata dai vari store di Android e iOS, che si avvale di un sistema di mappatura che copre oltre 70 Paesi.

    Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime prove