Cal Crutchlow: strepitosa prima pole ad Assen

La spettacolare Q2 MotoGP del GP di Olanda 2013 riserva grandi sorprese. Dopo molti cambi al vertice, negli ultimi secondi Crutchlow chiude un giro strepitoso e si mette dietro Bradl, Marquez, Rossi e Pedrosa (caduto pure lui…). Disastro Dovi

Cal crutchlow: strepitosa prima pole ad assen

Le qualifiche che devono decidere la composizione della griglia di partenza (qui gli orari TV della gara) cominciano con la Q1, che deve decretare i due piloti che andranno ad affiancare i migliori 10 delle PF nella Q2. Normalmente affare tra CRT o poco più, stavolta a combattere ci sono anche le Ducati ufficiali di Hayden e Dovizioso. In testa a tutti ci va però De Puniet, con la ART, mentre il suo compagno di squadra Espargaro era già di diritto in Q2. Il secondo posto disponibile se lo giocano le Ducati ufficiali e quella di Iannone, ma anche la CRT di Barbera. Alla fine sarà Hayden a spuntarla, mentre Dovizioso fa la peggior qualifica da quando corre in MotoGP e si vede sfilare anche da Iannone (che rimedia anche una caduta mentre tenta l’impresa) e Barbera, con cui a fine turno è inviperito (con tanto di calcetto rifilato dopo la bandiera a scacchi…) perché lo avrebbe ostacolato pesantemente. Ai box commenterà anche dicendo “per me lo fa apposta…”. Chiaramente a parlare è più che altro la delusione, perché tutti conosciamo Andrea come un ragazzo tranquillo.

 

CRASH ANCHE PER PEDROSA, POI FINALE SCOPPIETTANTE CON LA PRIMA POLE DI CAL

La Q2 è veramente tirata e spettacolare, con moltoi piloti che si mettono in luce su una pista che è sì asciutta ma fredda. Evidentemente non è un problema da poco per le ipersensibili gomme di oggi. A farne le spese è Pedrosa, che cade malamente alla curva 9. Il pensiero va immediatamente al volo di Lorenzo e alla caduta di Marquez, entrambe risoltesi con fratture. Più grave quella alla clavicola di Lorenzo (che però tenterà di partecipare alla gara), evidentemente sopportabili quelle alle dita di Marquez. Ma per Dani fortunatamente non ci sono conseguenze, se non quella di doversi perdere gli ultimi minuti delle qualifiche. La seconda moto è infatti settata per la pioggia, e comunque in quel momento Pedrosa è primo e manca veramente poco alla bandiera a scacchi. Già, peccato che in quei due minuti finali ben 4 piloti gli passino davanti. Prima Valentino Rossi, immediatamente superato da un determinato Bradl, poi è la volta di Marquez e infine quella di uno strepitoso Cal Crutchlow, che stampa la sua prima pole in MotoGP. Muso lungo ai box per Dani, mentre tutti gli altri hanno motivi per sorridere. Forse un po’ meno Valentino, che manca di nuovo la prima fila, anche se per meno di un decimo. A dire la verità nemmeno Cal è contentissimo, tanto che dichiara di non essere soddisfatto di come va la moto e che durante la notte cercheranno una soluzione. Sinceramente da fuori sembrava tutto perfetto, ma avrà di certo ragione lui, che probabilmente ha messo molto cuore per ovviare a qualche problema che non ha spiegato.

 

Ora non resta che attendere la gara e ricordate che avete ancora molto tempo per fare il vostro pronostico giocando a FantaMOTOCICLISMO (cliccate sul pulsante arancione).

 

 

GP Olanda 2013: griglia di partenza MotoGP

Pos.

Pilota

Nazione

Moto

1

Cal CRUTCHLOW

GBR

Yamaha

2

Marc MARQUEZ

SPA

Honda

3

Stefan BRADL

GER

Honda

4

Valentino ROSSI

ITA

Yamaha

5

Dani PEDROSA

SPA

Honda

6

Bradley SMITH

GBR

Yamaha

7

Aleix ESPARGARO

SPA

ART

8

Alvaro BAUTISTA

SPA

Honda

9

Randy DE PUNIET

FRA

ART

10

Nicky HAYDEN

USA

Ducati

11

Michele PIRRO

ITA

Ducati

12

Jorge LORENZO

SPA

Yamaha

13

Andrea IANNONE

ITA

Ducati

14

Hector BARBERA

SPA

FTR

15

Andrea DOVIZIOSO

ITA

Ducati

16

Danilo PETRUCCI

ITA

Ioda-Suter

17

Karel ABRAHAM

CZE

ART

18

Colin EDWARDS

USA

FTR Kawasaki

19

Bryan STARING

AUS

FTR Honda

20

Claudio CORTI

ITA

FTR Kawasaki

21

Yonny HERNANDEZ

COL

ART

22

Michael LAVERTY

GBR

PBM

23

Lukas PESEK

CZE

Ioda-Suter

24

Ivan SILVA

SPA

FTR

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA