I segreti del motore della Ducati Monster

Il motore della Ducati Monster è il conosciuto Testastretta 11° di 937 cc. Le differenze col propulsore che equipaggia la Monster 821 sono numerose. Potenza e coppia massime crescono

1/56

Il motore della Ducati Monster è il conosciuto Testastretta 11° di 937 cc con cui la Casa di Borgo Panigale equipaggia anche Hypermotard 950 e SuperSport 950. È un bicilindrico a L raffreddato a liquido, alimentato attraverso iniezione elettronica. I corpi farfallati sono ride by wire e hanno diametro di 53 mm. La distribuzione è a doppio albero a camme in testa con comando delle valvole di tipo desmodromico. La lubrificazione è forzata a carter umido. La frizione è antisaltellamento. Il cambio è a sei marce.

Le differenze col Testastretta 11° che equipaggia la Monster 821 sono numerose. L’airbox è differente, come l’intero impianto di scarico. Il radiatore è stato riposizionato. La nuova cilindrata è dovuta a un alesaggio maggiore (94 mm contro 88), mentre è invariata la corsa (67,5 mm). Sono nuovi i pistoni e le bielle (170 grammi più leggeri rispetto ai componenti del Testastretta di 821 cc), le teste (- 440 g), le bobine, l’alternatore. Il rapporto di compressione è di 13,3:1 contro 12,8:1. Tutti i coperchi del motore sono dedicati a questa applicazione; quelli delle teste sono in magnesio, quelli di frizione e alternatore pesano complessivamente 900 grammi in meno. La frizione è sempre antisaltellamento, in bagno d’olio, ma si tratta di una nuova unità molto più leggera (- 1.440 g), che richiede il 20% di sforzo in meno per essere azionata e che ha comando idraulico anziché a cavo. La pompa al manubrio è radiale, Brembo.

Il cambio è dotato di un nuovo tamburo selettore (- 110 g) ed è ora elettronico bidirezionale. I rapporti della trasmissione primaria e delle sei marce non cambiano, mentre la trasmissione finale è più “lunga”: la corona passa da 46 a 43 denti (il pignone è da 15 denti). Al netto di alcune parti più pesanti, il motore è 2.600 grammi più leggero di quello della Monster 821. Potenza e coppia massime crescono da 109 CV (80,1 kW) a 9.250 giri/min a 111 CV (81,6 kW) a 9.250 giri/min e da 86 Nm (8,8 kgm) a 7.750 giri/min a 93 Nm (9,5 kgm) a 6.500 giri/ min. L’omologazione è Euro 5. Il cambio olio è previsto ogni anno o, se percorsi in un tempo inferiore, ogni 15.000 km. Il controllo del gioco valvole è previsto ogni 30.000 km.

1/55

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA