Jonathan Rea: “Weekend perfetto, mi godo il momento”

La soddisfazione quasi incredula del doppio vincitore; l’ottimismo di Haslam; lo strano realismo di Sykes; Lowes contento a metà, come Guintoli; giovani soddisfatti (VD Mark e Torres); Ducatisti con sensazioni contrastanti…

Jonathan rea: “weekend perfetto, mi godo il momento”

Archiviato il round thailandese della SBK 2015, le due gare che hanno visto la doppietta della Kawasaki di Rea (qui le cronache di Gara 1 e Gara 2, nonché le foto), inframezzate dalla clamorosa vittoria di Ratthapark Wilairot in Supersport. L’appuntamento al Chang International Circuit verrà ricordato anche per le generosissime prestazioni di Troy Bayliss, alla sua seconda uscita sulla Panigale ufficiale come sostituto dell’infortunato Davide Giugliano. Seconda e ultima: Troy ha annunciato il ritiro definitivo dalle corse SBK. E poi le difficoltà di Sykes, VD Mark che non ha timori reverenziali verso il compagno di squadra Campione del Mondo in carica, Haslam veloce e concreto, Lowes che fa volare la Suzuki, Davies due volte a terra nel tentativo di arginare i limiti della Ducati su questa pista, dove il migliore delle Rosse è stato Baiocco… Le dichiarazioni dei protagonisti (manca quella di Troy, che trovate qui).

 

Jonathan rea

Per me è stato un weekend perfetto, con la pole e due vittorie. La moto può sempre migliorare ma, all’inizio del fine settimana, la Ninja era già ad un livello davvero buono, così il mio passo è stato veloce e non siamo stati costretti ad esplorare soluzioni in cui ci saremmo potuti perdere. Il nostro setting di base ora è buono e mi dà la giusta fiducia per spingere al limite e capire la moto. Non ho fatto tante doppiette in carriera, ma ho avuto la fortuna di conquistarne qualcuna. Non me ne capitano molte quindi voglio assaporare il momento, lasciare le riflessioni a domani e godermi questi giorni.

 

Leon haslam

Il team ha lavorato alla grande, tra le due gare abbiamo fatto un grosso passo in avanti. Semplicemente Rea oggi era troppo veloce. Abbiamo scelto di utilizzare la gomma anteriore più dura, magari con la morbida potevamo essere più veloci nelle prime fasi ma non ci dava garanzie in termini di tenuta sulla distanza. In ogni caso sono contento di questo weekend, specialmente perché rispetto a venerdì siamo cresciuti davvero molto, e non vedo l’ora di andare ad Aragon. Sempre sul podio nelle prime due tappe della stagione è sicuramente un gran punto di partenza.

Tom sykes

Il primo podio della stagione in Gara 1 dice che ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Un passo alla volta, un podio non è male, considerato il feeling che ora ho con la moto: non sono ancora in grado di fare con lei quel che vorrei. Quando è così, non ci sono risposte che puoi dare per giustificare il fatto che altri ti hanno battuto. Abbiamo provato di tutto e la terza posizione è accettabile per il nostro attuale livello. Durante il primo giro di Gara 2 sono stato toccato, col risultato di arretrare un po’. Abbiamo poi avuto qualche piccolo problema, per quello, come una certa difficoltà a gestire l’entrata in curva. Ma continueremo a lavorare per migliorare la moto.

 

Alex lowes

Sono davvero felice di essere tornato sul podio: questo terzo posto per noi significa molto dopo Phillip Island! Oggi a dire la verità i podi potevano essere due, ma ho fatto un piccolo errore in Gara 1 perché ero determinato a prendere Leon e la seconda posizione. Il team ha lavorato duramente ma il risultato è che siamo di nuovo nel gruppo dei migliori e, se riusciamo ad essere un po’ più costanti, continuando a fare per il resto dell’anno quel che abbiamo fatto oggi, per noi sarà una grande stagione. Non so niente della bandiera gialla in Gara 1 (Alex e Bayliss sono stati penalizzati di una posizione per aver sorpassato al 14 giro in regime di bandiera gialla, ndr), ma è stato un peccato: Salom è andato fuori pista alla curva 4, chiudendo il gas. A quel punto io e Troy l’abbiamo ovviamente superato. Poi, giunti alla curva successiva, c’era la bandiera gialla… Sinceramente non ci ho pensato molto, anche se sono deluso perché due risultati da Top 6 sarebbero stati buoni. Quindi solo per un errore non è stato un grande weekend, ma sono molto contento di Gara 2: sono stato aggressivo alla partenza, ma poi ho fatto una gara costante. È il modo migliore per ringraziare la squadra per il lavoro fatto.

 

Jordi torres

Sono davvero felice per il lavoro che abbiamo svolto in questo weekend, perché pur avendo perso un turno siamo riusciti a recuperare alla grande. Le FP2 sono importanti per me, perché nella prima sessione imparo la nuova pista mentre la seconda mi serve a impostare la base su cui lavorare, poi al sabato devi pensare ad essere veloce per la qualifica e la Superpole. Quando mi sono ritrovato dietro a Sykes ho ripensato a Phillip Island, dove sono scivolato proprio per sorpassarlo, ed ho scelto di stare tranquillo e studiarlo in Gara1 senza rischiare. Questo mi è servito in Gara2, alla fine la posizione è sempre quella ma sto imparando giro dopo giro. Dico sempre che la Aprilia RSV4 è fatta per vincere, solo quando arriverò a questo traguardo potrò essere contento al 100%.

 

Michael vd mark

In Gara 1 abbiamo avuto un piccolo problema che ha causato il ritiro, ma sono cose che succedono. Tuttavia è stato un peccato perché, a quel punto della gara, stavo andando sempre più forte. In Gara 2 mi sentivo bene ma la partenza non è stata perfetta. Ho fatto anche un po’ di errori nel primo paio di giri e sono andato largo in un punto, quindi ho dovuto ricominciare al lottare. Alla fine ho fatto una bella battaglia con Sylvain e mi sentivo più veloce di lui, ma non così veloce da andargli via. Così ho deciso di stare dietro, cercando di passarlo all’ultimo giro. È stata una battaglia bella e pulita e, anche se ho tagliato il traguardo per primo, sono stato retrocesso di una posizione per aver oltrepassato il margine della pista cercando il sorpasso all’ultima curva. Gara 2 mi è piaciuta e credo che torniamo in Europa con molte cose positive che ci porteremo alla prossima gara.

 

Sylvain guintoli

Naturalmente ho fatto del mio meglio in Gara 1, ma il nostro passo era troppo lontano da quello del gruppo dei leader. Alla fine ho finito per fare gara solitaria al 5° posto. Gara 2 è stata più divertente, anche se abbiamo avuto un problema tecnico che mi ha costretto a partire ultimo. Ma sono scattato benissimo e ho fatto bene le prime due curve. Ero gasatissimo, anche troppo: infatti alla curva 5 ho frenato troppo tardi, perdendo tre posizioni. Alla fine c’è stata una grande battaglia col mio compagno di squadra, una cosa divertente. Verso fine gara ho fatto il mio miglior giro, probabilmente anche più veloce che in qualifica. Sembrava tutto perfetto, ma è difficile essere costante. Sono solo alla mia seconda gara con questa moto e ancora soffro per l’infortunio al collo, specie in queste condizioni estreme. Ma siamo stati in due circuiti con caratteristiche diverse e in entrambi abbiamo visto che il nostro passo non è buono come quello dei rivali. Quindi da questa base dobbiamo partire per migliorare nelle aree chiave. Per ora non lottiamo per la vittorie, ma stiamo lavorando alla ricerca di soluzioni che permettano di ottenere i risultati che vogliamo.

 

Chaz davies

Sono molto dispiaciuto per le gare di oggi. È stato molto difficile ed ho dovuto spingere molto, girando sempre al limite, per poter restare con gli altri. Il fatto che ci sono tre rettilinei ci ha proprio limitato qui oggi... Abbiamo fatto delle modifiche per la seconda gara e la moto è migliorata, ma purtroppo la seconda gara è andata più o meno come la prima. La caduta è stata diversa, ho perso aderenza al posteriore entrando nella curva 3, ma la seconda parte di gara è stata simile, ho cercato di recuperare più posizioni possibili. I tempi sul giro sono stati buoni, e quando giro da solo trovo molte meno difficoltà. Quando lotto con gli altri invece faccio molta fatica nella prima accelerazione e in rettilineo perdendo troppo terreno ed essendo poi costretto a forzare molto gli ingressi. Confido nei ragazzi di Borgo Panigale e sul loro prezioso lavoro per trovare più potenza in vista delle prossime gare…

 

Matteo baiocco

Sono contento per aver fatto due gare in continua crescita, anche durante le qualifiche abbiamo visto che potevamo sempre stare nei primi otto e in gara ci siamo riusciti. Ho fatto due buone partenze tenendo il ritmo fino ala fine. Sono cresciuto molto rispetto alla prima gara di Phillip Island e adesso andiamo ad Aragon con il morale alto. Sono anche molto contento per i ragazzi del Team che hanno lavorato tanto, la moto andava forte ed essere arrivati primi delle Ducati fa felici sia me che la squadra.

 

Leandro mercado

Sono molto contento. È stato un weekend veramente positivo. Da venerdì ad oggi il mio feeling con la moto è cresciuto molto. Gara 1 è andata bene anche se avevo alcuni problemi sul davanti. In vista di Gara 2 abbiamo apportato alcune modifiche e questo mi ha permesso di avere un passo migliore. È stata una bella lotta con Baiocco, Salom e con Troy Bayliss. Verso fine gara ho provato a stare con loro, ma il gap è cresciuto e non sono riuscito a rimanere lì fino alla fine. Sono soddisfatto dei passi avanti che stiamo facendo. Spero continueremo così anche nelle prossime gare. Ovviamente ci sono ancora aspetti che dobbiamo migliorare, ma sono contento perché abbiamo fatto già grandi progressi. Ringrazio tutto il team per il lavoro svolto e tutti colori che mi hanno aiutato ad essere qui.

 

Nico terol

È stato un weekend dove ho fatto un po’ più fatica rispetto a quello che pensavo, non sono riuscito ad interpretare al meglio il tracciato come avrei voluto. Questo mi dà lo stimolo per lavorare ancora di più, la squadra ha lavorato molto bene cercando e provando diverse soluzioni e infatti in gara 2 ho avuto un feeling migliore con la moto e mi sono migliorato un po’. Ora penso ad Aragon, un circuito che mi piace molto e dove voglio fare due belle gare davanti ai miei tifosi.

 

Randy de puniet

Sono stato in difficoltà fin dal primo giorno, abbiamo avuto problemi in frenata e cercato la soluzione provando molte cose. Gara 1 andava bene, ero 10° dopo 12 giri e abbastanza vicino ala Top 6. Nonostante non fossi confidente come avrei voluto, i tempi sul giro miglioravano molto. Poi sono tornati i problemi ai freni e ho chiuso 13°. Purtroppo in Gara 2 ho rotto il motore. Gara da dimenticare, dobbiamo ripartire da zero ad Aragon. Gli unici punti positivi sono il fatto che io sia in forma e impaziente di guidare tra 10 giorni a Calafat, per provare il nuovo sistema Magneti Marelli, ogni step è molto importante per noi. La squadra ha lavorato bene ed è stato grande il podio di Alex, perché ora sappiamo che ce la possiamo fare. Basta mettere tutti i tasselli al posto giusto.

 

Sylvain barrier

È stata una giornata difficile. Ieri pensavo di aver risolto i miei problemi di assetto, ma oggi in gara non ho trovato il feeling con l’anteriore e non sono riuscito a guidare come avrei voluto. Per gare i miei tecnici hanno provato a cambiare qualcosa, ma le cose non sono cambiate di molto. Mi spiace non aver potuto ottenere dei risultati migliori, ma non siamo riusciti a trovare l’assetto giusto per questa pista che non conoscevamo e che si è rivelata più difficile del previsto. Ma giriamo pagina e pensiamo alla prossima gara di Aragon, dove siamo determinati a conquistare i risultati che ci competono.

 

Niccolò canepa

Fine settimana difficilissimo. Una pista troppo facile per tutti e con troppi rettilinei....e ancora tanto da fare per migliorare la velocità della moto e l'affidabilità. Nei tratti guidati riesco spesso ad essere più veloce ti tanti piloti della top ten, ma ancora non basta! Aspetto con ansia le piste più favorevoli e spero che non ci saranno più ritiri! Mi dispiace per tutti i tifosi e gli sponsor, ma ci rifaremo!

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA