Honda ADV350 2022: come va, pregi e difetti

Coniuga lo stile adventure del fratello maggiore X-ADV con le caratteristiche di uno scooter cittadino. Ricca la dotazione di serie, che prevede parabrezza regolabile in altezza, controllo di trazione, smart key e display LCD con connettività integrata. L’abbiamo messo alla prova. Ecco le prima impressioni di guida, con i pregi e i difetti dell’Honda ADV350 2022

1/20

Honda ADV350 2022

1 di 4

Il nuovo Honda ADV350 2022 è il fratellino minore dello scooter adventure di successo X-ADV. È spinto da un motore monoalbero SOHC di 330 cc eSP+ (enhanced Smart Power+) a quattro valvole, che eroga una potenza massima di 29,2 CV e una coppia massima di 31,5 Nm. Al telaio tubolare in acciaio sono abbinati una forcella a steli rovesciati da 37 mm e una coppia di ammortizzatori posteriori. I cerchi sono in lega da 15” e 14” e montano pneumatici tubeless con battistrada semi‑tassellato da 120/70-15” e 140/70-14”. La frenata è affidata al disco singolo da 256 mm all’anteriore e al disco posteriore da 240 mm. 186 kg il peso in ordine di marcia.

Ricca la dotazione di serie, che prevede parabrezza regolabile in altezza (4 posizioni, 133 mm di escursione), vano sottosella che può ospitare due caschi integrali, vano portaoggetti dotato di presa USB-C, smart key, controllo di trazione e display LCD con connettività integrata. Ma per tutti i dettagli del nuovo Honda ADV350 vi rimandiamo al nostro articolo di presentazione.

Ora è arrivato il momento di salire in sella. Nelle pagine successive trovate le prime impressioni di guida, con i pregi e i difetti dello scooter, il prezzo, le colorazioni e gli accessori disponibili e la scheda tecnica completa.

Il nuovo arrivato, nato sulla base del Forza 350, è massiccio e già ad una prima occhiata dà la sensazione di essere più muscoloso del fratello. La sella è ben imbottita e non troppo cedevole e la sua altezza di 795 mm dal suolo permette a tutti di poggiare bene entrambi i piedi a terra. Una chicca: il suo rivestimento è antiscivolo. Una volta in movimento si apprezza la posizione di guida confortevole, che permette di non piegare troppo le gambe. Di spazio per muovere i piedi avanti e indietro ce n’è, peccato solo per l’ingombrante tunnel centrale che limita i movimenti laterali (problema comune a tanti scooter di questa categoria). Inoltre, guidando con i piedi in posizione avanzata questo obbliga a tenere le punte verso l’esterno. Il fatto che il manubrio sia leggermente più in alto e più largo di quello del Forza 350 offre un maggior controllo del mezzo, soprattutto nelle manovre strette e alle basse velocità. E poi da un senso da “moto” vedere il manubrio in stile enduro con quella forcella massiccia al di sotto.

Ci è piaciuto molto il comportamento della forcella, a steli rovesciati e con doppia piastra di sterzo: è ben sostenuta e non va a pacco nemmeno sulle buche più profonde, è ben frenata e per niente cedevole. Riesce a ben digerire anche la asperità più marcate del fondo stradale. La coppia di ammortizzatori posteriori, con il loro scenografico serbatoio del gas separato, ha invece una risposta leggermente più secca. Tra le curve l’ADV350 si dimostra agile, anche se il suo baricentro leggermente più alto rispetto al “fratello” gli fa perdere un po’ di sicurezza nello scendere in piega. La frenata non è molto incisiva, ma è ben modulabile. È inizialmente dolce, per poi acquistare mordente strizzando le leve. Eccellente il funzionamento dell’impianto ABS, che entra in funzione solo quando ce n’è davvero bisogno e mai in maniera troppo invasiva.

Nello scatto dal semaforo l’ADV350 è brillante e offre una ripresa briosa, il tutto accompagnato da un suono “cupo”. La progressione è fluida e lineare e l’attacco dell’acceleratore non è mai brusco. Una gran comodità soprattutto quando si deve zigzagare nel traffico stando in “surplace”. 145 km/h la velocità massima indicata dal tachimetro. Ma oltre alle prestazioni, uno degli aspetti che più ci hanno colpito di questo propulsore è la quasi totale assenza di vibrazioni. Nonostante la potenza non sia elevata, da apprezzare la presenza del traction control (settabile su due livelli e disattivabile), che in condizioni di aderenza precaria, come il classico pavé bagnato, può essere di grande aiuto. Chiudiamo il capitolo motore con un accenno ai consumi, al termine del nostro test di 180 km, effettuato nei dintorni di Marsala, il computer di bordo indicava 4,3 litri per 100 km. Considerando gli 11,7 litri di capacità del serbatoio abbiamo quindi un’autonomia di circa 270 km (tenendo un’andatura sportiva).

Ottima la capacità del vano sottosella. È davvero molto capiente (48 litri): è in grado di ospitare due caschi integrali più altri piccoli oggetti. E per evitare che gli oggetti al suo interno se ne vadano in giro per i fatti propri mentre si è in movimento è presente un separatore in plastica sistemabile in diverse posizioni, che permette di suddividere lo spazio e di bloccare gli oggetti al loro posto. Capienza simile per il bauletto posteriore (50 litri), di serie sull’ADV350, e in grado anch’esso di ospitare due caschi integrali. A nostro avviso, però, il bauletto appesantisce la linea del mezzo e forse dovrebbe essere proposto esclusivamente come optional, consentendo così di risparmiare qualche euro a coloro che non desiderano questo accessorio (considerando appunto che il sottosella è già molto capiente). Come per il Forza 350, che è disponibile in versione "base" e in versione "Deluxe", con bauletto e sistema di connettività. Peccato anche che su uno scooter di questo livello ancora manchi la luce di cortesia all’interno dei vani.

Dove l'ADV350 non ci ha convinto a pieni voti è il riparo aerodinamico: il parabrezza si può regolare su quattro livelli (133 mm di escursione) e anche con il plexiglas alla massima altezza si ha la parte alta del casco esposta. Lo stesso possiamo dire di spalle e braccia, che restano scoperte. Peccato che sparisce anche la regolazione elettronica del parabrezza, presente sul Forza 350, per lasciare spazio ad una regolazione manuale, da effettuare a scooter fermo. Apprezzabile invece la presenza dei paramani, che oltre ad offrire un look più “adventure” al veicolo riparano dal freddo durante la marcia.

Di chiara impostazione adventure il cockpit: uno schermo LCD che riporta tutte le info di viaggio in caratteri bianchi su sfondo nero. Una versione “semplificata” della strumentazione a colori del fratellone X-ADV. Il display è ben leggibile, e anche in pieno solo non presenta riflessi fastidiosi. Di serie è presente il sistema di connettività Honda Smartphone Voice Control system, che serve a collegare lo smartphone al veicolo ed impartire comandi vocali ottenendo informazioni nelle cuffie. Peccato che l’App Honda RoadSync che serve per il funzionamento del sistema sia disponibile solo per il sistema Android e non per iOS, tagliando fuori tutti i possessori di iPhone. Inoltre, una della funzionalità più usate quando si connette un cellulare allo scooter/moto è quella del navigatore, che qui fornisce solo indicazioni audio negli auricolari, senza mostrare la mappa sul display. Forse una funzione po’ superflua, quindi, visto che per fare lo stesso basterebbe il telefonino in tasca con Google Maps e gli auricolari connessi al cellulare.

1/5

Honda ADV350 2022

Il nuovo Honda ADV350 2022 è in vendita ad un prezzo di 7.240 euro c.i.m. (con bauletto posteriore incluso) ed è disponibile nelle seguenti colorazioni:

  • Spangle Silver Metallic
  • Mat Carbonium Gray Metallic
  • Mat Carnelian Red Metallic

La gamma di accessori originali Honda per l’ADV350 include:

  • Portapacchi posteriore (installazione diretta)
  • Smart-Top Box da 50 L
  • Borsa bauletto interna
  • Manopole riscaldabili
  • Lucchetto U-lock
  • Cover da esterno

Il prezzo presente in questo articolo è da considerarsi con la formula “chiavi in mano”, comprensiva di “messa in strada”, che Motociclismo quantifica in 250 euro.

1/20

Honda ADV350 2022

MOTORE
TipoMonocilindrico, 4 tempi, 4 valvole (SOHC), raffreddato a liquido, EURO5
Cilindrata330 cc
Alesaggio x corsa77 x 70,8 mm
Rapporto di compressione10.5:1
Potenza max 29,2 CV (21,5 kW) @ 7.500 giri/min
Coppia max31,5 Nm @ 5.250 giri/min
Rumorosità (dB)L-urban 75,5 db / L-wot 80,2 db
Capacità totale olio 1,8 L
ALIMENTAZIONE
CarburazioneIniezione elettronica Honda PGM-FI
Capacità serbatoio benzina11,7L

Emissioni CO2

79 g/km

Consumi 29,4 km/L (3,4 L/100 km)
IMPIANTO ELETTRICO
AvviamentoElettrico
Capacità batteria12V-9.1 AH
TRASMISSIONE
FrizioneAutomatica centrifuga, a secco
Tipo di cambioCVT
Trasmissione finaleCinghia V-Belt
TELAIO
TipoTubolare in acciaio
CICLISTICA
Dimensioni (L x Lx A)2.200 x 895 x 1.430 mm (1.295 mm con parabrezza in posizione bassa)
Interasse1.520 mm
Inclinazione canotto26,5°
Avancorsa90 mm
Altezza sella795 mm
Altezza da terra145 mm
Peso con il pieno186 kg
SOSPENSIONI
Tipo ant.Forcella a steli rovesciati da 37 mm (corsa 125 mm)
Tipo post.Ammortizzatori con serbatoio del gas separato (escursione ruota 130 mm)
RUOTE
Tipo ant15 pollici a sei razze sdoppiate in alluminio pressofuso
Tipo post.14 pollici a sei razze sdoppiate in alluminio pressofuso
Cerchio ant.3.5”
Cerchio post.4.0”
Pneumatico ant.120/70 R15 M/C
Pneumatico post.140/70 R14 M/C
FRENI
Tipo ABS A 2 canali
AnterioreDisco di 256 mm, pinza Nissin a 2 pistoncini
PosterioreDisco di 240 mm, pinza Nissin a 1 pistoncino
ELETTRONICA DI BORDO
CruscottoFull LCD, connettività Honda Smartphone Voice Control system
Sistema di sicurezzaImmobilizer
Impianto luciFull-LED
Funzioni aggiuntiveHSTC (Honda Selectable Torque Control) e ESS (Emergency Stop Signals)

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA