Ducati in vendita: la compra Harley-Davidson?

Il gruppo Volkswagen/Audi ha messo in vendita Ducati per un controvalore stimato in circa 1,5 miliardi di euro. A luglio si valutano le offerte e spunta l’importante nome di Harley-Davidson, che avrebbe incaricato Goldman Sachs di mettere a punto la transazione
1/28 Ducati XDiavel 2016: la prima moto di Borgo Panigale con la trasmissione secondaria a cinghia

Pronto, Bologna? Qui Milwaukee…

L’attività di Ducati procede a ritmo frenetico, sia sul versante sportivo, dove si segnalano le vittorie di Dovizioso in MotoGP e la prima di Melandri in SBK, ma anche su quello della produzione. In attesa dei dati di mercato di giugno, la Casa di Borgo Panigale ha archiviato un primo semestre 2017 piuttosto buono, ma non dorme certo sugli allori. Proprio in questi giorni sono state infatti presentate alcune novità per modelli di grande successo e iconici. Parliamo delle due nuove Scrambler viste a Wheels&Waves e della Multistrada 1200 Enduro PRO. Poi per il 7 luglio è previsto il debutto a Laguna Seca per la Panigale “last edition”, che apre la strada alla futura sportiva col motore V4 (anche se le scarne informazioni diramate da Bologna permettono solo supposizioni).
Proprio dagli Stati Uniti arriva un’altra notizia molto importante, che riguarda Ducati ma dal punto di vista finanziario: Harley-Davidson sarebbe interessata all’acquisto e avrebbe dato mandato a Goldman Sachs di mettere a punto la transazione

Audi vende

Ricordiamo che il Marchio Ducati è in vendita, notizia in circolazione da tempo ma che da un paio di mesi è diventata “ufficiale”. Audi vuole liberarsene così da eliminare attività non strategiche per il Gruppo VW, che raggiungerebbe soprattutto l’obbiettivo di incamerare fondi con i quali coprire le… spese derivate dal “dieselgate”.
Ducati fu acquistata dal gruppo VW, ad opera della “branca” Audi/Lamborghini, nel 2012 per un controvalore di 860 milioni di euro, mentre ora il gruppo tedesco avrebbe incaricato la banca di investimento Evercore di valutare le opzioni di vendita per una quotazione quasi doppia. Secondo gli analisti, infatti, Ducati varrebbe oggi intorno a 1,5 miliardi di euro, circa due volte il suo fatturato.
2012: il gruppo Volkswagen/Audi acquista Ducati

A luglio si decide

L’entrata di Harley-Davidson nella partita è solo l’ultimo “movimento” in ordine di tempo di una vicenda che dovrebbe vedere a luglio la valutazione delle varie offerte. Già, perché c’è anche l’interessamento manifestato da “player” quali l’indiana Bajaj e i fondi KKR Bain Capital e Permira. Erano stati fatti anche i nomi di BMW, Honda, Suzuki, HeroMoto Corp e Tvs Motor ma senza troppa convinzione… Al contrario, il fondo che possedeva Ducati prima della vendita ad Audi sarebbe in gioco. Parliamo di Investindustrial, realtà vicina alla famiglia Bonomi citata come potenziale interessata da fonti finanziarie americane.

Per risalire in borsa

La gamma delle novità 2017 di H-D
Harley-Davidson è il maggiore produttore di moto americano, con oltre il 50% del mercato, ma non attraversa il periodo finanziariamente migliore, a causa dell’invecchiamento del parco clienti e dopo l’arrivo sul mercato USA di competitor aggressivi quali Indian, su cui la proprietà Polaris sta spingendo molto, con una gamma di moto molto interessante e un’immagine molto rafforzata e pari, per storia e prestigio, a quella di Harley. Il tutto si traduce, per la Casa di Milwaukee, in un prolungato momento di calo del titolo in borsa, con il valore diminuito di un terzo dai massimi del 2014. Serve un’operazione che dia lustro al Marchio e convinca gli investitori a comprare. L’idea non è quindi quella di ampliare il parco moto o di allargare il raggio d’azione a modelli “non custom/cruiser”. Anche perché Harley-Davidson ha già dimostrato in passato di avere ben chiaro quale sia il proprio core business. All’inizio della crisi finanziaria non ci pensò due volte a liberarsi di Buell, dando inizio ad un travagliato percorso che ha portato l’azienda di Erik Buell alla liquidazione, in atto proprio in questo periodo. Idem per l’operazione MV Agusta, con gli americani che rilevarono il Marchio varesino ad agosto 2008 per poi riconsegnarlo a Castiglioni dopo due anni, al prezzo simbolico di un euro… Certamente Ducati è un Marchio ben più prestigioso di Buell, come lo è MV Agusta. Solo che la Casa di Borgo Panigale ha un appeal economico/finanziario ben diverso, produce utili e ha una solidità decisamente più rassicurante.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA