di Beppe Cucco - 02 ottobre 2018

Suzuki Katana 2019, rinasce un mito

Suzuki presenta ad Intermot la nuova Katana 2019. Spinta da un 4 cilindri in linea di 999 cc presenta un look retrò, fedele a quello della sua antenata anni '80, ma è equipaggiata con componentistica moderna
1/25 Suzuki Katana 2019

1 di 6
Katana, la più famosa fra le spade dei samurai, è stato anche uno dei modelli più famosi e controversi costruiti dalla Suzuki a cavallo fra gli anni Settanta e Ottanta: la GSX 1100 S Katana. Lo scorso anno, noi di Motociclismo in collaborazione con Rodolfo Frascoli e Engines Engineering, abbiamo riportato in vita quella moto e a Eicma 2017 vi abbiamo mostrato il prototipo della Katana 3.0, sviluppato sulla base della GSX-S1000F. Quella moto è piaciuta molto a tutti gli appassionati ma anche a Suzuki stessa che ora, prendendo spunto proprio dal nostro concept, presenta la nuova Katana 2019.

Qui sotto trovate le foto del nostro prototipo, per un confronto; nelle pagine successive tutti i dettagli tecnici della nuova Suzuki Katana 2019.
1/24 Nata sulla base della GSX-S1000F, la "Suzuki Katana" è realizzata da Motociclismo in collaborazione con Rodolfo Frascoli e Engines Engineering
Suzuki Katana 2019 è spinta da un motore 4 cilindri in linea raffreddato a liquido di 999 cc, un propulsore molto conosciuto e prestazionale, è infatti lo stesso che equipaggiava la supersportiva GSX-R1000 negli anni 2005-2008 e che ora troviamo sulla naked GSX-S1000 e sulla turistica GSX-S1000F. Questo motore è dotato di distribuzione a doppio albero a camme in testa; le misure di alesaggio e corsa sono rispettivamente di 73.4 e 59 m, il rapporto di compressione è di 12,2:1. Al motore è stato abbinato un nuovo impianto di scarico di tipo 4 in 2 in 1, studiato appositamente per la Katana. Rivista anche la geometria del cavo dell'acceleratore, studiata per avere una ripresa meno brusca alla prima apertura del gas. Nuovo anche il radiatore, di forma concava. In questa configurazione il motore offe una potenza di 150 CV a 10.000 giri/min, con un picco di coppia di 108 Nm a 9.500 giri/min.
1/12 Vista posteriore della Suzuki Katana 2019
Il telaio è un doppio trave in alluminio ed è abbinato ad un forcellone (quello della GSX-R1000 2016) dello stesso materiale. La forcella è una KYB a steli rovesciati da 43 mm, completamente regolabile e con 120 mm di escursione. Il monoammortizzatore invece ha una corsa di 63 mm ed è regolabile solo in compressione e precarico. L'impianto frenante si avvale di due dischi anteriori da 310 mm morsi da pinze radiali Brembo monoblocco a 4 pistoncini da 32 mm di diametro (è la stessa pinza dell'attuale GSX-R1000); al posteriore disco da 310 mm. L'impianto ABS, di serie, che sorveglia la moto 50 volte al secondo pesa solo 640 grammi. I cerchi sono il alluminio a 6 razze, prodotti dalla TPR, e montano gomme di primo equipaggiamento Dunlop Roadsport 2, studiate in esclusiva per la Katana, nelle misure 120/70ZR17 ant. e 190/50ZR17 post.
Il look della nuova Suzuki Katana rispecchia quello da noi anticipato lo scorso anno. Si tratta di una naked stradale sportiva dalle linee tese e spigolose, linee che collegano la parte frontale al faro posteriore, "tagliando" letteralmente il serbatoio (da 12 litri). L'anteriore è caratterizzato dalla presenza del grande faro a LED di forma rettangolare, in linea con lo spirito delle moto anni '80; lateralmente ad esso sono posizionate le luci diurne. Come il faro anteriore, anche quello posteriore e le luci di posizione sono a LED. Il manubrio è in alluminio nero ed è studiato per offrire al pilota una posizione di guida con busto dritto. Spostandoci nella parte posteriore troviamo sella unica su due livelli, e in due colori, e codino corto. La seduta del pilota è posta a 825 mm da terra. Il portatarga è fissato al forcellone, in posizione laterale. A donare alla Katana un look compatto ci pensa anche il terminale di scarico corto e dal look total black, posizionato in basso nella parte destra della moto.
1/16 La strumentazione della Suzuki Katana 2019
Per quanto riguarda la dotazione di serie troviamo il Traction Control (settabile su tre livelli e disinseribile) e l'Easy Start System, che permette di accendere la moto con una veloce pressione del tasto e senza tirare la frizione. La strumentazione è composta da uno schermo LCD a luminosità variabile dove tutte le informazioni vengono riportate con caratteri bianchi su sfondo nero; a fianco delle informazioni di viaggio è presenta anche il logo Katana.

Tra gli accessori disponibili come optional troviamo parabrezza alto di color fumé, sella rossa, carter in carbonio, pinze freno Brembo rosse, nuove manopole, adesivo di protezione per il serbatoio, parti in carbonio…

Suzuki non ha ancora reso noto la data di arrivo sul mercato della nuova Katana e nemmeno il suo prezzo.
Lunghezza 2.125 mm
Larghezza 830 mm
Altezza 1.110 mm
Interasse 1.460 mm
Altezza dal suolo 140 mm
Altezza sella 825 mm
Peso 215 kg
Motore 4 tempi, 4 cilindri in linea, raffreddato a liquido, DOHC
Alesaggio x corsa 73.4mm x 59 mm
Cilindrata 999 cc
Rapporto di compresione 12.2 : 1
Potenza max. 150 CV a 10.000 giri/min
Coppia max. 108 Nm a 9.500 giri/min
Iniezione Elettronica
Avviamento Elettrico
Trasmissione 6 marce in presa continua
Inclinazione cannotto di sterzo 25°
Avancorsa 100 mm
Freni Ant. Doppio disco da 310 mm
Post. Disco singolo
Gomme Ant. 120/70ZR17M/C (58W) tubeless
Post. 190/50ZR17M/C (73W) tubeless
Capacità serbatoio 12 L
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli