Bridgestone Free Air Concept Tyre 2: la gomma del futuro

La Casa giapponese ha presentato al Salone di Tokyo la nuova versione degli Air Free Concept Tyre: queste gomme per veicoli a quattro ruote, ancora in fase di collaudo, non necessitano di essere gonfiate. Le faranno anche per le moto?

Bridgestone free air concept tyre 2: la gomma del futuro

Il 1 dicembre si è chiuso il Salone di Tokyo: molte Case motociclistiche, oltre ad aver portato le novità presentate a Eicma 2013, hanno colto l’occasione per esporre nuovi modelli e nuove soluzioni tecnologiche per il futuro. Allo stand di Yamaha era presente la R25, supersportiva da 250 cc, e un’altra sportiva dal propulsore elettrico, la PES1; Kawasaki e Suzuki sembrano volersi concentrare ancora sui motori sovralimentati (qui un'anticipazione del motore by Akashi, che analizzeremo approfonditamente su Motociclismo di gennaio); Honda ha messo in mostra nuovi modelli come la CB1100 (in due versioni) e la versione custom della Gold Wing, la F6C.

Ma all’esposizione della grande città giapponese c’era anche Bridgestone che ha presentanto la nuova versione degli pneumatici “Air Free Concept Tyre” (la prima è stata presentata nel 2011). Si tratta di gomme per auto che non hanno bisogno di essere gonfiate e garantiscono minor consumi in termini di emissioni di CO2 (fatevi un giro nella gallery per vedere di cosa si tratta). Ancora non si sa se queste gomme potranno esser applicate anche sulle moto. La tecnologia impiegata sembrerebbe far propendere per il no, ma ma mai dire mai: dal mondo auto le moto hanno spesso tratto beneficio e quasi sempre con anni di ritardo.

 

PIÙ SEMPLICE E PIÙ EFFICACE

Gli Air Free Concept Tyre sono composti da un'unica struttura di raggi che si estende lungo la faccia interna della ruota ed è in grado di sorreggere il peso del veicolo. Cosa significa? Che non c’è più necessità di controllare la pressione della gomme e che aumentano gli intervalli di manutenzione. Questa particolare struttura è in resina termoplastica e la porzione di battistrada è in gomma. Quindi i materiali sono riciclabili. Inoltre le Air Free Concept Tyre hanno una bassa resistenza al rotolamento, consentendo al veicolo di ridurre i consumi di carburante e le emissioni di CO2. Nella precedente versione il 90% della perdita di energia da resistenza al rotolamento derivava dalle deformazioni della struttura durante il moto, ma ora Bridgestone è riuscita a eliminare queste perdite semplificando la configurazione interna della gomma.

Con questo nuovo progetto, sperimentato sui veicoli elettrici, la Casa giapponese si è posta l’obiettivo di massimizzare l’utilizzo ciclico delle risorse da pneumatici usurati in gomme nuove e l’utilizzo delle risorse riciclabili.

 

AUMENTO DELLE PRESTAZIONI 

Bridgestone è riuscita ad ottimizzare questa nuova versione degli Air Free Concept Tyre utilizzando una struttura più resistente e al tempo stesso più flessibile: la resina ad alte prestazione e i nuovi materiali riducono lo stress e la deformazione nella parte interna del pneumatico. La seconda generazione degli Air Free Concept Tyre ha una maggior versatilità e capacità di carico: ora i veicoli ultraleggeri a basso consumo energetico possono anche raggiungere i 60 km/h.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA