Le novità Aprilia 2021

Entrano a far parte della gamma Aprilia 2021 le nuove RS 660 (anche in versione Trofeo), RSV4, Tuono 660 e Tuono V4. Ecco tutti i dettagli delle nuove moto della Casa di Noale

1/18

Aprilia RS 660 2021

1 di 5

RS 660

L’Aprilia RS 660 non ha bisogno di presentazioni. È la sportiva stradale di media cilindrata con la quale la Casa di Noale punta a conquistare il cuore di nuovi motociclisti.

Spinta da un bicilindrico di 660 cc, omologato Euro 5, è capace di erogare 100 CV a 10.500 giri/min e 67 Nm di coppia massima a 8.500 giri/min. Il motore (disponibile anche depotenziato per chi possiede la patente A2) ha funzione portante, insieme al telaio in alluminio a cui è collegato un forcellone bibraccio asimmetrico, anch'esso in alluminio. Dal punto di vista ciclistico troviamo anche una forcella USD con steli da 41 mm completamente regolabile e un monoammotizzatore regolabile in estensione e precarico, entrambi le unità sono Kayaba. L’impianto frenante conta su dischi da 320 mm e pinze Brembo a fissaggio radiale a 4 pistoncini all’anteriore e pompa radiale e disco dal diametro di 220 mm al posteriore, morso da una pinza Brembo a due pistoncini. Non mancano i tubi in treccia. Interessante il peso della moto: 183 kg in ordine di marcia. A catturare lo sguardo è il gruppo ottico full-LED anteriore a tre elementi dotato di luci DRL. E poi cinque riding mode, sistema APRC, Cornering ABS multimappa, strumentazione TFT a colori e connessione con Aprilia MIA, la app di gestione delle informazioni sulla moto. Questo il suo biglietto da visita; per tutti i dettagli vi rimandiamo al nostro articolo di presentazione. Qui, invece, trovate le impressioni di guida.

1/170

Aprilia RS 660 2021

RS 660 Trofeo

Per realizzare la versione Trofeo della RS 660 il Reparto Corse di Noale è intervenuto in maniera mirata, utilizzando la migliore componentistica racing sul mercato. Sospensioni Öhlins, freni Brembo con pastiglie racing dedicate, filtro aria specifico Sprint Filter e scarico SC Project, a cui si aggiungono la carena Cruciata Racing in vetroresina e componentistica Spider Racing. La verniciatura è curata dalla Carrozzeria Zanasi, già partner di Aprilia Racing in MotoGP e per le serie speciali. L’ergonomia è stata adeguata a un utilizzo su pista, con semimanubri più bassi e pedane arretrate. Fornitore degli pneumatici è Pirelli, con coperture Supercorsa V3 SC1. La potenza della moto si attesta a 105 CV, con un peso di 153 kg a secco.

Scheda tecnica:

  • Potenza 105 CV
  • Peso della moto a secco 153 kg
  • Forcella ant. modificata Andreani
  • Ammortizzatore post. Öhlins
  • Freni Brembo
  • Scarico SC Project
  • Pneumatici Pirelli Supercorsa V3 SC1 Ant. 120/70-17 Post. 180/60-17
  • Carenatura Cruciata Racing in vetroresina
  • Componentistica racing Spider Racing
  • Elettronica Aprilia Racing
  • Pulsantiera e kill-switch Jet prime
  • Filtro aria Sprint Filter P08 F1 -85
  • Verniciatura Zanasi Group
  • Cavalletti moto Bike - Lift
1/3

RSV4

Rispetto al vecchio modello non ci troviamo davanti ad una rivoluzione vera e propria, ma le novità apportate alla moto sono tantissime. Il motore resta il 4 cilindri a V longitudinale di 65°, raffreddato a liquido, con distribuzione bialbero a camme in testa e quattro valvole per cilindro. Cresce però la cilindrata, che passa dai precedenti 1.077 cc agli attuali 1.099 cc, mentre la potenza massima è mantenuta a quota 217 CV (come la precedente RSV4 1100 Factory). Grazie a queste modifiche e al nuovo impianto di scarico, la sportiva di Noale ottiene l’omologazione Euro 5. A livello di elettronica troviamo una nuova centralina Marelli 11MP e una inedita piattaforma inerziale a sei assi, entrambe più evolute rispetto al passato. Migliora la gestione elettronica con comando del gas full ride by wire e si affinano le logiche di funzionamento dell’APRC. Il pacchetto di controlli elettronici si completa con l’introduzione del controllo multilivello del freno motore e i riding mode a disposizione del pilota sono ora sei, tre per la pista (di cui due personalizzabili) e tre per la strada (di cui uno personalizzabile). Tutte le funzioni sono visualizzate nel nuovo e più ampio display TFT a colori.

La ciclistica si evolve grazie all’arrivo di un nuovo e più leggero forcellone in alluminio con capriata di rinforzo inferiore: adotta una geometria già vista sulle Aprilia nel Mondiale SBK e poi sviluppata in chiave MotoGP. Il nuovo componente è progettato per abbassare le masse e aumentare la stabilità del retrotreno in accelerazione.

La più ricca versione Factory si distingue dalla sorella per i cerchi in alluminio forgiato, il sistema di sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0 e le pinze freno Brembo Stylema. Affinamenti anche per quanto riguarda il design, che riprende quello già visto sulle sorelle minori RS 660 e Tuono 660. Troviamo dunque il frontale caratterizzato dal nuovo faro a LED con luce DRL e funzione cornering e la carenatura a doppio strato, che integra le appendici aerodinamiche. Nuovi anche il serbatoio e la sella, per una migliore ergonomia; sono aggiornati i comandi elettrici. La strumentazione TFT è più grande e completa. Sarà disponibile in due versioni: base (nella sola colorazione nera) e Factory (nero o rosso).

1/34

Aprilia RSV4 Factory 2021

Tuono 660

La naked di media cilindrata è derivata dalla base tecnica della RS 660. Il motore è il bicilindrico frontemarcia di 660 cc della sportiva, ma addolcito. Cala di poco il valore di potenza: 95 CV contro i 100 CV della RS, mentre il picco di coppia si conferma di 67 Nm. Identico il peso in ordine di marcia: 183 kg. Il telaio che abbraccia il motore resta il doppia trave in alluminio, che lavora abbinato a un forcellone in alluminio pressofuso. Dal punto di vista ciclistico troviamo sospensioni Kayaba, ma con un setting dedicato. Inedito l’offset della piastra forcella, per adattarsi alla guida con manubrio rialzato. I freni sono Brembo con, all’anteriore, pinze a 4 pistoncini ad attacco radiale che lavorano con dischi di 320 mm di diametro.

Di prim’ordine l’elettronica, con sistema APRC, ride by wire, sistema antiwheelie, cinque mappe motore (tre per la strada, due pensate per la pista), traction control regolabile e cruise control. Tutte le informazioni di bordo sono gestibili attraverso la strumentazione TFT a colori identica a quello della RS 660. Come per la sportiva, sarà disponibile la versione depotenziata a 35 kW per neopatentati. Tre le colorazioni disponibili: nero, grigio e giallo.

1/27

Accessori "racing"  per la nuova Aprilia Tuono 660 2021

Tuono V4

La maxinaked di Noale si affaccia al 2021 profondamente rinnovata. Tanto per cominciare bisogna segnalare la marcata caratterizzazione dei due modelli in gamma. La Tuono V4 (disponibile nelle colorazioni grigio o bianco) adotta caratteristiche sportive, ma con un occhio di riguardo al comfort, grazie al manubrio rialzato e al cupolino più protettivo. Il passeggero gode di una porzione di sella più ampia e pedane più basse. Tra gli accessori c’è persino la coppia di valigie dedicate.

La Tuono V4 Factory invece (nella sola colorazione nera) vanta componentistica esclusiva che ne esalta il carattere racing. A livello di stile, il design è ispirato a quello introdotto da RS 660, dalla quale eredita il concetto della doppia carenatura con funzione di appendice aerodinamica, mentre il cupolino presenta il nuovo gruppo ottico triplo a LED dotato di luci diurne DRL con funzione bending lights. I comandi elettrici sono più funzionali e intuitivi, è nuova la strumentazione TFT a colori più grande e completa.

La Tuono V4 beneficia del medesimo pacchetto elettronico della sportiva RSV4, con acceleratore full ride by wire e sei riding mode che in automatico gestiscono la migliore messa a punto di traction control, wheelie control, freno motore e ABS. Anche per la naked, la ciclistica si evolve grazie all’arrivo di un nuovo e più leggero forcellone in alluminio con capriata di rinforzo inferiore, mentre è invariato il telaio in alluminio. La versione Factory è impreziosita da sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0. Infine, il quattro cilindri a V di 65° guadagna l’omologazione Euro 5, ma mantiene la cilindrata di 1.077 cc e rimane invariato nelle prestazioni: la potenza erogata è di 175 CV e la coppia massima di 121 Nm.

1/6

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli