Confermato l’arrivo di una Aprilia RS 660 guidabile con patente A2

La nuova sportiva di Noale verrà resa disponibile anche ai possessori di Patente A2, con motore da 95 CV depotenziabile. Arriverà a ottobre, in parallelo alla "full power"

1/17

Aprilia RS 660 2020

Sfruttando la base tecnica definita dal bicilindrico parallelo di 660 cc, la Casa di Noale apre le porte a una nuova generazione di moto. La prima di queste è la RS 660 (l'abbiamo provata in esclusiva), il cui nome evoca il passato corsaiolo di Aprilia, ma voci di corridoio e alcuni brevetti svelano già l’arrivo della Touareg e della Tuono 660.

L’intento della Casa di Noale è quello di offrire una gamma capace di soddisfare le richieste delle nuove generazioni e così, in linea con questa filosofia, ecco anche la possibilità di salire in sella per chi possiede la patente A2. È infatti notizia fresca quella che riguarda l’arrivo di una versione da 95 CV e depotenziabile della RS 660. A spingere la sportiva resta, ovviamente, l’unità omologata Euro 5 di ultima generazione, ma adattata alle esigenze dettate dal codice in quanto a potenza massima (35 kW). Verrà lanciata sul mercato in parallelo alla sorella con piena potenza, da ottobre 2020, a un prezzo sotto gli 11.000 euro.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli