Moto Guzzi V7 Stone, arriva la Special Edition

Le Giornate Mondiali Guzzi mettono a segno il primo colpo: svelata la versione S.E. della V7 Stone: stesso gusto alla guida ma dettagli personalizzati per una classic che vuole uscire un po' dal coro delle "brave ragazze"

1/5

Moto Guzzi V7 Stone Special Edition lanciata durante le GMG 22

Le Giornate Mondiali Guzzi hanno preso il via proprio oggi e in quel di Mandello del Lario si respira un'euforia particolare, visto che per questo fine settimana sono attesi guzzisti - e non, visto che le porte sono aperte a tutti - da ogni dove: c'è una voglia matta di festeggiare finalmente l'anniversario dei 100 anni (anche se in realtà sono 101, ma va bene lo stesso).

Ma non solo, dal lago arrivano venti di novità annunciate, come la V100 Mandello che finalmente parte con i preordini (cliccate qui per scoprirne le versioni, le caratteristiche tecniche e soprattutto i prezzi) e di una piccola e piacevole sorpresa: la V7 Stone Special Edition.

La classic bike Moto Guzzi è davvero il pezzo forte di Casa: presentata nel 2021 ha subito conquistato i favori di tanti guzzisti e non, grazie al suo bicilindrico gustoso e all'impareggiabile ergonomia di seduta che, rispetto alle precedenti V7 I-II-III, qui gode di un'abitabilità finalmente adatta anche ai motociclisti di gamba lunga.

Ma torniamo alla Special Edition, che si riconosce per due/tre dettagli dedicati. Intanto la colorazione, che abbandona il minimalismo delle tonalità opache tipiche della Stone in favore di un vivace nero brillante abbellito con sgargianti dettagli rossi, presenti sul serbatoio, sulle cover laterali, per le cuciture della sella e per gli ammortizzatori.

E poi, l’immancabile targhetta posta sui riser del manubrio che ne sottolinea il suo essere "speciale", a cui si affiancano i coperchi valvole del Vtwin in colore grafite, le protezioni dei corpi farfallati in alluminio anodizzato, gli specchietti agli estremi del manubrio, il tappo serbatoio ricavato dal pieno e, per ultimi perché "fighi", i due tozzi terminali di scarico firmati Arrow che donano un non so che di arroganza al retrotreno della V7 Stone.

Oltre a 1,2 CV e 2 Nm di coppia in più: un guadagno così minmo che sfidiamo chiunque a “sentirli” ma chissà che in compenso il nuovo scarico non porti qualche miglioria all’erogazione del twin da 850, oltre a un bel sound cupo. Siamo curiosi, fateci sapere.

Intanto, eccovi il prezzo della V7 Stone Special Edition: 9.999 f.c. a cui aggiungere i canonici 250 euro per la messa in strada, per un totale indicativo di 10.249 euro.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA