di Nicolò Codognola - 02 April 2018

Honda Gold Wing: la storia

Ripercorriamo, anche grazie alle foto, la storia della Honda Gold Wing. Dal primo modello da 1.000 cc del 1975, fino alla più recente GL1800 del 2018
  • Salva
  • Condividi
  • 1/12 Il prototipo della Honda Gold Wing del 1973

    L'ho avuta, la Gold Wing. Un esemplare del 1976 (in foto con me al Col de l'Iseran) che caricavo come un mulo e con cui partivo, spesso senza meta, talvolta con una passeggera, sempre con la voglia di macinare chilometri. Mi ha scorrazzato per tutta Europa, con lei ho esplorato la Transilvania e affrontato l'Elefantentreffen, ho limato le pedane sui passi alpini e consumato gomme in giro per l'Italia. Mai un problema meccanico: gli inconvenienti sono stati causati solo dalla mia incuria. Abbastanza potente (Honda dichiarava 80 CV) era sì un po' pesante (280 kg a secco alla bilancia di Motociclismo), ma incredibilmente facile, come tutte le Honda. Zero vibrazioni, tanta coppia e un bel sound. Il suo boxer quattro cilindri era fluido come pochi. Curiosamente il prototipo aveva sei cilindri e una cilindrata di 1.500 cc, soluzione abbandonata, all'epoca, perché troppo lunga e pesante. Nemmeno quindici anni dopo sarà invece proprio così.

    Honda Gold Wing: la storia
    Nicolò Codognola con la sua Honda GL1000 Gold Wing del 1976 al Col de l'Iseran
    Honda Gold Wing: la storia
    Il prototipo della Honda Gold Wing del 1973

    Ma andiamo per gradi. Nata principalmente per il mercato USA, la Gold Wing vanta, a metà anni Settanta, soluzioni avanzatissime. È la prima 1.000 cc giapponese, ha raffreddamento a liquido, distribuzione a doppia cinghia dentata e trasmissione finale a cardano. Per abbassare il baricentro, il cambio è sotto il motore e il serbatoio sotto la sella: soluzioni utilizzate su tutte le evoluzioni della Gold Wing fino ad oggi (lo vedete qui in foto). Nel 1976 la GL1000 costa 3.322.800 lire. Mancano però una protezione aerodinamica e delle borse per fare turismo: nel 1980 arriva la GL1100, che sopperisce a queste mancanze e accresce di poco la cilindrata. Ma rappresenta solo un modello di transizione: nel 1984 arriva la GL1200 che, oltre ad una maggiore potenza (94 CV, sempre a 7.000 giri/min), propone una carenatura più estesa e valigie laterali con top case integrati. Il peso sale a 337 kg (dato rilevato da Motociclismo). Nonostante questo, "la maneggevolezza è sorprendente per un pachiderma di tale mole" scriviamo all'epoca. Tra le maxitourer di allora è la meno cara (13.995.000 lire, contro i 14.400.000 lire della Yamaha Venture Royale 1200 e addirittura i 24.500.000 lire della Kawasaki Voyager 1300).

    Honda Gold Wing: la storia
    Honda GL1800 Gold Wing del 2001

    La concorrenza agguerrita e il buon successo commerciale (specie negli USA) spingono Honda ad esagerare: nel 1988 arriva la GL1500, con il boxer 6 cilindri. È tra le Gold Wing più vendute e amate di sempre. La Casa dichiara 97 CV all'albero (87 alla ruota rilevati da Motociclismo) a soli 5.000 giri/min e una fluidità di erogazione sconosciuta fino ad allora. Debutta la retromarcia, perché per spostare da fermi 380 kg a secco non è roba da tutti. La bontà del progetto è confermata dalla sua longevità: bisogna aspettare fino al nuovo millennio per vedere un altro modello. Nel 2001 debutta la GL1800: il motore sale ancora in cilindrata e prestazioni (103,5 CV rilevati alla ruota), ma crescono anche il peso (417 kg con tutti gli optional, nonostante il telaio in alluminio) e il prezzo (50.340.000 lire nel primo anno di commercializzazione). Non mancano il cruise control (nella foto grande a lato, il nostro tester si diverte alla Pista Pirelli) e l'ABS. Nel 2007 arriva anche l'airbag, il primo su una moto. La GL1000 però, per me, rimane la più bella di sempre...

    Arrivando ad oggi, ecco il nostro video-test dell'ultima versione: la GL1800 Gold Wing 2018.

    Honda Gold Wing: la storia
    Honda GL1800 Gold Wing 2018
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime news
    Le ultime prove

    Qual è la miglior naked "media" del 2018?

    Qual è la miglior naked

    27 August 2018

    KTM Enduro 2019: il nostro test

    KTM Enduro 2019: il nostro test

    05 September 2018

    Harley-Davidson FXDR 114 2019: la "power-slider"

    Harley-Davidson FXDR 114 2019: la

    04 September 2018

    V85TT: attraente come una scrambler, pratica come una crossover

    V85TT: attraente come una scrambler, pratica come una crossover

    04 September 2018

    Sfida a 3 fra le Sport-Tourer: Ducati vs Kawasaki vs KTM

    Sfida a 3 fra le Sport-Tourer: Ducati vs Kawasaki vs KTM

    21 June 2018

    Comparativa SuperEnduro: il film della sfida svela la vincitrice

    Comparativa SuperEnduro: il film della sfida svela la vincitrice

    10 August 2018

    SWM Aces of Spades, l'abito inganna

    SWM Aces of Spades, l'abito inganna

    12 July 2018

    Aprilia RSV4 Factory Works: sulle ali della velocità

    Aprilia RSV4 Factory Works: sulle ali della velocità

    24 July 2018

    Honda Forza 125 e Forza 300, agili e raffinati

    Honda Forza 125 e Forza 300, agili e raffinati

    19 July 2018

    Comparativa MaxiEnduro in Australia: il film della sfida

    Comparativa MaxiEnduro in Australia: il film della sfida

    27 June 2018

    Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

    Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

    28 June 2018

    Honda PCX 125 2018: il nostro test

    Honda PCX 125 2018: il nostro test

    07 July 2018

    Ultime tag "MotoGP"