Le foto spia della nuova Royal Enfield Himalayan 450

Rispetto all’attuale, l’Hymalayan 450 avrà un motore più grintoso, sospensioni più performanti e alcuni accorgimenti estetico-funzionali volti a migliorarne confort e dotazione. Questo è cio che ci dicono le foto spia della nuova Royal Enfield

1/4

La Royal Enfield Himalayan 450 "paparazzata" ad un distributore di benzina - pics: MCN

Sin dal suo esordio nel 2017, la Royal Enfield Himalayan ha riscosso un gran successo, questo perché ha linee piacevoli, è pratica e va bene in quasi tutte le situazioni, è robusta ed è offerta ad un prezzo davvero interessante. L’unico “neo” riguarda i pochi CV offerti dall'attuale propulsore, ma alcune indiscrezioni da tempo parlano di un possibile nuovo motore da 450 cc che sarebbe capace di erogare una potenza massima di circa 40 CV, che andrebbe quindi a sostituire l’attuale monocilindrico da 411 cc equipaggiato sull’adventure indiana.

Stando a quanto riportato dai colleghi Inglesi di Motorcycle News, la transizione al nuovo propulsore sembrerebbe essere avvenuta: alcuni scatti “rubati” e pubblicati dal sito britannico ritraggono la Royal Enfield Himalayan 450 cc probabilmente in fase di collaudo, ma con tutte le carte in regola per poter arrivare presto sul mercato. Osservando con attenzione la foto si nota però come non solo il motore sia stato aggiornato, vediamo quindi le altre novità introdotte.

Per prima cosa notiamo come la seduta sia stata rivista, con una sella più larga, lunga e meno “scavata”, che va apparentemente a migliorare la triangolazione con pedane e manubrio. Nuova è anche la sospensione anteriore, che rispetto alla vecchia unità a steli tradizionali ora vede al lavoro una forcella a steli rovesciati, mentre al posteriore è auspicabile un monoammortizzatore dalla taratura rivista, per adattarsi all’aumento di potenza e cubatura. Sempre sotto questo aspetto è molto probabile che anche l’impianto frenante sia stato rivisto, con l’utilizzo di dischi dal diametro maggiorato. Per quanto riguarda le ruote sembrerebbe che all’anteriore sia stato scelto un cerchio da 21”, abbinato ad uno da 17”, soluzione analoga a quella adottata sulla neonata Scram 411.

Gli altri aggiornamenti riguardano l’elettronica, con il comando dell’acceleratore gestito elettronicamente per migliorarne l’efficienza, un sistema di ABS bicanale, frizione antisaltellamento e un nuovo display digitale. Ad ora si parla solo di indiscrezioni e avvistamenti, informazioni ufficiali da parte di Royal Enfield non sono ancora arrivate.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA