Ducati MotoGP: la FIM deciderà entro fine mese

Dopo il GP del Qatar Honda, Aprilia, KTM e Suzuki avevano presentato reclamo indicando come irregolare la “pinna” montata nella parte inferiore del forcellone della Ducati DesmosediciGP. La Federazione Internazionale si esprimerà in merito entro il 31 marzo
1/14 Andrea Dovizioso. Nella foto è evidenziata la soluzione utilizzata sulla ruota anteriore
Subito dopo il GP di Losail Honda, Aprilia, KTM e Suzuki avevano presentato un reclamo contro la "pinna" inferiore montata sulla Desmosedici GP dei due piloti ufficiali del Team Mission Winnow Ducati Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci e sulla moto di Jack Miller (Alma Pramac Racing). Dopo il primo reclamo, respinto dai commissari che non hanno accolto la richiesta, i quattro team hanno aperto un secondo procedimento alla Federazione Internazionale che recentemente ha diramato un comunicato:

In accordo con l’articolo 3.3.3.2 del FIM World Championship Grand Prix Regulations, il FIM Appeal Stewards ha girato il giudizio alla Corte di Appello del MotoGP. Essa è composta di tre giudici nominati dalla commissione internazionale FIM e prenderà la decisione prima del 31 marzo. Il risultato del GP del Qatar sarà soggetto a questa decisione”.

Toccherà dunque alla Federazione Motociclistica Internazionale esprimersi sulla vicenda. Dopo la decisione, la questione non sarà comunque chiusa in modo definitivo, poiché in caso di “vittoria” da parte di Ducati i reclamanti (Aprilia, KTM, Honda, Suzuki) potranno rivolgersi al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) e richiedere una nuova verifica tecnica con lo scopo di andare più a fondo nella vicenda.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA