"Il motore è quasi pronto per l'Euro 5: non perderà potenza"

Per conoscere meglio le nuove Triumph Street Twin e Street Scrambler abbiamo intervistato Stuart Wood, Chief Engineering della Casa di Hinckley
1/8 Triumph Street Twin 2019: il test di Motociclismo
In occasione del test delle nuove Street Twin e Street Scrambler abbiamo chiesto a Stuart Wood, Chief Engineering della Casa di Hinckley, di approfondire la conoscenza delle nuove 900 cc. Ecco cosa ha risposto alle nostre domande.

Le nuove 900 cc hanno 10 CV in più rispetto ai modelli precedenti. Come avete lavorato per aumentare la potenza?
"Prima di tutto abbiamo cambiato il rapporto di compressione, siamo passati da 10,55:1 a 11:1. La sfida è stata quella di mantenere la stessa curva di potenza, solo spostata più in alto. Non è stato un lavoro semplice ma ci siamo riusciti modificando i condotti di aspirazione e di scarico. Il nuovo motore ha inoltre nuovi coprivalvole in magnesio, un nuovo albero a gomiti e nuovi contralberi, più leggeri".

Come garantite l’affidabilità malgrado l’aumento delle performance?
"Tutte le parti utilizzate sono state testate a lungo e la base del motore che abbiamo utilizzato ci ha permesso di incrementare la potenza senza ridurre in alcun modo l’affidabilità. Tutti i componenti del propulsore sono sovradimensionati e queste modifiche possono essere fatte senza andare a ridurre l’affidabilità, che per noi rimane una questione di primaria importanza".
1/36 Triumph Street Twin 2019 nella livrea Korosi Red
Il prossimo anno la normativa Euro 5 porterà nuovamente a un calo di potenza delle Street Twin e Scrambler?
"No, abbiamo già lavorato in quell’ottica. La potenza non calerà, perché per ottenere l’omologazione abbiamo altre soluzioni. Ad esempio, lavoreremo sul catalizzatore".

Tre anni fa avevate dichiarato che la potenza non era importante su questi modelli e che 55 CV erano più che sufficienti. Oggi, la modifica principale riguarda proprio l’iniezione di potenza. Cos’è cambiato? Perché questa scelta?
"All’epoca pensavamo non servissero più CV, ma negli ultimi anni abbiamo ascoltato le esigenze di chi guida queste moto e la richiesta era sempre la stessa: le vogliamo più potenti. Quello che vorrei sottolineare, però, è che la modalità di erogare la coppia è rimasta invariata e in questo abbiamo scelto di mantenere il carattere del motore. Nel dettaglio posso dirvi che la potenza massima arriva quando si raggiunge la zona rossa del contagiri, ma molto spesso con questa moto non occorre spingersi oltre ai medi regimi. La potenza in più verrà notata solo da chi sceglie di tirare il collo al motore, tutti gli altri troveranno il 900 cc a cui erano affezionati".
1/34 Triumph Street Scrambler 2019 nella livrea Khaki Green e Matt Aluminium
Pensate che potenze maggiori possano scoraggiare chi è alle prime armi?
"No, pensiamo che restino moto semplici e adatte a tutti. In più, chi vuole, può ruotare maggiormente il gas e avere qualcosa in più a disposizione".

Al di là del motore, cosa vi hanno chiesto di modificare gli utenti in questi anni?
"Oltre ad avere maggiore potenza, tutti ci hanno chiesto freni più performanti, una sella più comoda e sospensioni più sostenute. Le modifiche fatte, al di là di quelle estetiche, cercano proprio di accontentare chi ci ha chiesto di cambiare".

Cliccate qui per approfondire la conoscenza della Street Twin 2019; qui, invece, trovate la Street Scrambler.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA