Crutchlow sotto ai ferri, oggi l’operazione

In un primo momento si pensava che la caduta avvenuta domenica durante il warm up del GP di Jerez non avesse portato conseguenze. Esami più approfonditi hanno rilevato la frattura dello scafoide sinistro. Per questo motivo Cal Crutcholw dovrà sottoporsi ad un intervento chirurgico

1/18

Domenica, durante il warm-up del GP di Jerez Cal Crutchlow è caduto violentemente e, anche se si è alzato subito, è stato trasportato al Jerez Hospital per effettuare una TAC e ulteriori esami. Gli esiti si sono rivelati negativi e non hanno individuato nulla di anormale, ma il team medico ha deciso di lasciare ai box il pilota britannico per motivi di sicurezza. Nel pomeriggio il dolore al polso sinistro di Cal si è acutizzato e il pilota tornato all'ospedale di Jerez de la Frontera per sottoporsi ad ulteriori controlli. Questa volta gli esami hanno evidenziato una piccola frattura allo scafoide sinistro. In seguito a ciò è stato quindi deciso che Cal Crutchlow subirà un intervento chirurgico artroscopico per inserire una piccola placca di fissaggio che aiuterà la guarigione. A seconda della riuscita dell’intervento e dai successivi controlli il team medico del MotoGP deciderà se dare il via libera o meno a Cal per la partecipazione al Gran Premio Andalusia, che si svolgerà il prossimo fine settimana sempre sul circuito di Jerez.

Ecco il commento di Cal: “purtroppo all’ultimo giro del warm-up sono caduto alla curva 8. Sembra che io abbia frenato sul cordolo con l’anteriore della moto e sia scivolato, non sono riuscito a salvare la caduta. Quello che sarebbe stato un normale incidente si è aggravato quando sono rotolato sulla ghiaia, picchiando con la testa più volte. Ero un po’ frastornato dopo l’incidente e un po’ indolenzito su tutto il corpo, soprattutto alle mani. Dopo un’ulteriore valutazione al centro medico mi hanno mandato a fare una TAC alla testa e al collo, ma era tutto a posto. Avevo solo qualche livido sul viso, tuttavia, il dottor Angel Charter ha ritenuto che avessi bisogno di otto ore di riposo e penso che sia stata la decisione giusta. Quando sono tornato al circuito ho iniziato a sentire un po’ di dolore al polso sinistro, così sono tornato in ospedale, questa volta per una radiografia allo scafoide, che ha evidenziato la frattura. Il dottor Mir mi opererà al polso, a Barcellona, e tornerò a Jerez venerdì e, si spera, che possa tornare in azione. Non vedo l’ora di rivedere la mia squadra, il Team LCR Honda Castrol, e spero di lavorare di nuovo con loro il prossimo fine settimana”.

1/17

Cal Crutchlow - Honda LCR MotoGP 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli