Moto Guzzi Stelvio 1200 8V NTX: la moto che parla al cuore

Ecco il quarto dei 7 video che descrivono singolarmente le moto della nostra super prova in Tunisia. Oggi parliamo della Moto Guzzi Stelvio NTX, moto dalla personalità unica, grazie al motore “vivo”, e dalla guida stradale efficacissima. ma inadatta al fuoristrada

Moto guzzi stelvio 1200 8v ntx: la moto che parla al cuore

Con questo filmato, continuiamo la rassegna dei video “singoli” della nostra comparativa maxienduro in Tunisia. Di questa prova in generale ormai sapete tutto (qui tutti gli articoli di Motociclismo.it), dato che è su motociclismo di Maggio e abbiamo pubblicato sul sito la gallery e il video ufficiali, con la proclamazione della vincitrice.

 

UNA PER UNA

Ora è il momento di approfondire ulteriormente, con 7 video che sviscerano ogni singola moto con i commenti dei nostri tester e le immagini bellissime della prova ma “personalizzate” per ogni moto. Vi diciamo quindi come siamo arrivati al verdetto finale, tra continui colpi di scena e divertenti dietro le quinte. BMW R 1200 GS Adventure, Honda Crosstourer, KTM 1190 Adventure R, Moto Guzzi Stelvio 1200 8V NTX, Suzuki V-Strom 1000 ABS 3L, Triumph Tiger Explorer XC SE, Yamaha XT1200ZE Super Ténéré: sono loro le protagoniste e ve le presentiamo in ordine alfabetico inverso.

 

CHE CARATTERE E CHE AVANTRENO, MA IN OFF ROAD PAGA IL PESO, IL CAMBIO E IL MONO

Nessuna novità per la bicilindrica di Mandello (anzi, è esattamente l’esemplare andato in Grecia l'anno scorso), che quindi conferma le proprie doti e i propri difetti. Ha uno stile personale (guardate la gallery), un carattere unico che prende il cuore di tutti, un motore vivo e pulsante, un’elettronica presente ma non invadente, una guida stradale gustosa grazie allo stabilissimo avantreno, quasi da naked. Insomma, un progetto forse ormai un po’ datato ma ancora valido in generale. Tranne forse per la trasmissione, che un po’ tutti i tester hanno criticato per la lentezza del cambio e la durezza della frizione. Tutti tranne Mario Ciaccia, che nel video spiega bene il proprio pensiero. I fuori stradisti più incalliti lamentano il peso eccessivo e una sospensione posteriore fin troppo sfrenata, motivo per cui in off road la Guzzona non ha brillato.

 

Buona visione e non perdetevi l’accesa discussione tra i tester sul cambio della Stelvio. Ma non fermatevi a questo, di argomenti a favore della Guzzi ce ne sono molti.

 

 

GIÀ PUBBLICATI

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Ultimi articoli