Kawasaki Z1000SX 2014: sport-tourer più bella, sicura, divertente

Migliora la funzionalità ma anche il piacere di guida: nuove valigie, controllo di trazione, nuove tarature delle sospensioni, nuove pinze dei freni. Le modifiche al motore rendono il 4 cilindri (ancora) più pronto. E cambia pure voce

Kawasaki z1000sx 2014: sport-tourer più bella, sicura, divertente

Era dal 2010 che la Kawasaki Z1000SX non riceveva aggiornamenti. Ma ora è arrivato il momento, soprattutto adesso che la domanda di moto polivalenti si fa sempre più insistente, specie per chi vuole un’alternativa alla solita endurona. A guardarla, la nuova Z1000SX 2014 non sembra cambiare poi così tanto rispetto alla progenitrice (qui il nostro video test della versione 2010), ed in effetti esteticamente è praticamente tutto invariato, a parte la diversa livrea delle sovrastrutture (scompare il nero dal cupolino, in compenso arriva per il telaio e il forcellone: guardate la gallery) e i terminali di scarico rinnovati nel colore e nel design. Ci sono poi i nuovi specchietti con braccetti aerodinamici, ma la vera novità nel design si apprezza solo montando le nuove borse optional in tinta by Givi. Non sono più delle semplici after market, stavolta sono state disegnate appositamente e guadagnano una linea più grintosa e meglio coordinata alla moto. Il nuovo sistema di fissaggio permette poi di salvaguardare l’estetica anche a valigie smontate. Il... bagagliaio vanta una capienza di 28 litri (ci sta un casco integrale) e utilizza la stessa chiave dell’avviamento. Prima di proseguire con la descrizione della Z1000SX 2014, guardatela in azione e fatevi un'idea.

 

 

MODIFICHE CHE SI SENTONO

Ma le novità sono moltissime e riguardano di fatto ogni parte della moto. Abbiamo parlato di quel che si vede, ora occupiamoci di quel che si sente. Il motore è stato rivisto per fornire una risposta ancor più pronta e diretta in basso nonché coinvolgente in alto (ma vi ricordiamo che il 4 cilindri 1.043 cc della Z1000SX è già un propulsore stupendo per reattività, fluidità e grinta). I CV sono ora 142 (4 più di prima; aumenta marginalmente anche la coppia, + 1 Nm), ma l’erogazione beneficia delle novità introdotte ai cornetti di aspirazione (ora tutti lunghi, prima erano due lunghi e due corti: miglior prontezza), al diagramma di distribuzione (diminuite l’alzata massima e il tempo di apertura della valvola di aspirazione: spinta più piena ai medio bassi), alle mappature della centralina, all’air box e all’impianto di scarico (interamente rinnovato, nei collettori e nei silenziatori). A corollario di queste modifiche al propulsore, arriva anche un nuovo suono d’aspirazione, dovuto a particolari risuonatori posti dentro l’airbox, che riducono il rumore ai bassi regimi ma lo “pompano” agli alti (che c’entrino qualcosa le normative anti rumore, con le prove fonometriche fatte col motore che gira “basso”?).

 

ARRIVA IL TRACTION CONTROL

Abbiamo accennato alle modifiche alla centralina. Ora integriamo l’informazione con la vera chicca: arrivano due mappe selezionabili e soprattutto il controllo di trazione. Nel primo caso si tratta della classica soluzione “Full” e “Low”, mentre nel secondo abbiamo l’implementazione anche sulla Z1000SX del KTRC, il traction control Kawasaki già apprezzato su altri modelli (Versys 1000, GTR1400, ecc.) e regolabile su 3 livelli. Per concludere il discorso sul motore, non resta che parlare della trasmissione: il rapporto della sesta marcia passa da 25/22 a 31/28. Quindi si allunga in vista di un uso turistico autostradale, dove sono richiesti comfort, poco rumore e bassi consumi.

 

CICLISTICA: NUOVO COMPROMESSO

La ciclistica è quasi del tutto confermata, ma ciò non toglie che ci siano anche qui parecchie novità. Il piantone di sterzo è modificato in modo da avere minori attriti e garantire migliore maneggevolezza alle basse velocità; le sospensioni ricevono nuove tarature; c’è l’inedito pomello per la regolazione a distanza del precarico della molla del mono; l’impianto frenante sfoggia le nuove pinze anteriori Tokiko monoblocco (a 4 pistoncini dal diametro differenziato di 30 e 32 mm, rispettivamente i superiori e gli inferiori). Infine, l’ABS è di ultima generazione e non è prevista per l’Italia una versione priva dell’anti bloccaggio.

 

COMFORT INFORMATO

Per quanto riguarda il comfort e la funzionalità, rimane tutto come prima, quindi sono confermati il parabrezza regolabile, i maniglioni per il passeggero, le pedane rivestite in gomma anti vibrazioni. Di nuovo ci sono la struttura della sella, che garantisce più comodità, la già citata regolazione remota del precarico posteriore, oltre ad una strumentazione che ora mostra anche i livelli di KTRC e la mappatura selezionata.

Oltre alle valigie, tra gli altri accessori previsti segnaliamo il bauletto (39 litri e 3 kg di carico massimo), il parabrezza oscurato, il coprisella posteriore, le manopole riscaldate, le protezioni per il motore e i para-steli anteriori.

 

Insomma: sempre più turistica ma al tempo stesso sempre più “stuzzicante” per chi vuole divertirsi. Non vediamo l’ora di provarla e di verificare com’è cambiata. Non manca molto, state connessi. Nel video che segue c'è un riassunto di tutto quanto abbiamo detto finora.

 

 

COLORI

  • Candy Lime Green (verde)
  • Candy Cascade Blue (blu)
  • Metallic Spark Black (nero)
  • Metallic Graphite Gray (grigio)

 

SCHEDA TECNICA

MOTORE

 

Tipo

Cilindrata

Alesaggio e Corsa

Rapporto di compressione

Distribuzione

Sistema di alimentazione

 

Accensione

Avviamento

Lubrificazione

4 tempi, 4 cilindri in linea, raffreddato a liquido

1.043 cc

77,0 x 56,0 mm

11,8:1

DOHC, 16 valvole

Iniezione carburante: φ38 mm x 4 (Keihin) con valvole secondarie a farfalla ovali

Digitale

Elettrico

Lubrificazione forzata a carter umido

 

TRASMISSIONE

 

Trasmissione

Trasmissione finale

Rapporto di trasmissione

Rapporti di trasmissione:

                1a

                2a

                3a

                4a

                5a

                6a

Rapporto di trasmissione finale

Frizione

6 marce

Catena sigillata

1,627 (83/51)

 

2,600 (39/15)

1,950 (39/20)

1,600 (24/15)

1,389 (25/18)

1,238 (26/21)

1,107 (31/28)

2,733 (41/15)

Dischi multipli in bagno d’olio, manuale

TELAIO

 

Tipo

Escursione ruota:            anteriore

                posteriore

Pneumatici:       anteriore

                posteriore

Angolo di inclinazione del cannotto di sterzo

Avancorsa

Angolazione dello sterzo (sinistra/destra)

Doppio tubo in alluminio

120 mm

138 mm

120/70ZR17M/C (58W)

190/50ZR17M/C (73W)

24,5°

102 mm

31° / 31°

SOSPENSIONI

 

Anteriore:          Tipo

               

Posteriore:        Tipo

 

Forcella rovesciata da 41 mm con smorzamento in estensione e in compressione a regolazione continua e precarico della molla regolabile

Back-link orizzontale, a gas, a regolazione continua e precarico della molla remota regolabile

FRENI

 

Anteriore:          Tipo

                pinza

 

Posteriore:        Tipo

                pinza

Doppio disco semiflottante da 300 mm a margherita

Ad attacco radiale doppio, monoblocco con 4 pistoncini contrapposti

Disco singolo a margherita da 250 mm

Pistone singolo

DIMENSIONI

 

Lunghezza

Larghezza

Altezza/posizione alta

Interasse

Altezza da terra

Altezza sella

Peso in ordine di marcia

 

Capacità del serbatoio

2.105 mm

790 mm

1.170 mm/1.230 mm

1.445 mm

135 mm

820 mm

230 kg (ZX1000L)

231 kg (ZX1000M)

19 litri

PRESTAZIONI

 

Potenza massima

Coppia massima

 

104,5 kW {142 CV} / 10,000 giri
111 N?m {11,3 kgm} / 7,300 giri

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA