Yamaha si ritira dalla Dakar!

Con 44 Dakar alle spalle, Yamaha comunica che non prenderà più parte in forma ufficiale al Rally più duro del Mondo. Era l’unico Marchio che aveva partecipato a tutte le Dakar. La Casa di Iwata abbandona anche il Campionato Mondiale FIM Cross-Country Rallies

1/8

Yamaha è l'unico marchio che ha partecipato a tutte le Dakar, fin dalla nascita della competizione. Il francese Cyril Neveu ha vinto, in sella ad una XT500, nella prima edizione nel 1979 e ha poi centrato una seconda vittoria un anno dopo. La leggenda della Dakar Stéphane Peterhansel ha segnato un record di sei vittorie per la Yamaha negli anni '90 con l'italiano Edi Orioli che si è aggiunto al successo della Yamaha in Africa con la vittoria nell'edizione 1997.

Con 44 Dakar alle spalle, Yamaha ha comunicato che non prenderà più parte in forma ufficiale al Rally più duro del Mondo nella categoria moto con la WR450F Rally, ma continuerà ad essere presente nella categoria SSV (buggy). La fine della Dakar 2022 a Jeddah, in Arabia Saudita, in cui i piloti del Monster Energy Yamaha Rally Team Adrien van Beveren e Andrew Short hanno concluso rispettivamente al quarto e all'ottavo posto della classifica finale, chiude così la lunga e partecipazione di Yamaha sia alla Dakar sia nel Campionato Mondiale FIM Cross-Country Rallies. Nelle due ruote l'attenzione della Casa si sposterà sulle esigenze dei clienti, considerando anche la recente introduzione sul mercato della nuova Ténéré World Raid.

Yamaha desidera ringraziare tutti coloro che sono stati coinvolti nell'organizzazione della Dakar, l'equipaggio del team, i piloti e gli sponsor che hanno lavorato con il produttore negli ultimi quattro decenni e portato successi ed emozioni.

Eric de Seynes: Presidente, Amministratore delegato, Yamaha Motor Europe: "Yamaha ha una storia lunga e leggendaria con il Rally Dakar, a partire dal 1979, la prima edizione in assoluto, e proseguendo ininterrottamente nell'era moderna. È anche un evento per il quale personalmente nutro una vera passione, avendo partecipato due volte alla gara e per molti anni ha lavorato a stretto contatto con Jean-Claude Olivier, che non solo ha corso e vinto tappe alla Dakar, ma ha anche supervisionato il periodo pionieristico di maggior successo della Yamaha nei rally.Tuttavia, il Rally Dakar è riuscito principalmente a rimanere vicino alle sue radici, anche quando si è trasferito fuori dalla sua casa spirituale dell'Africa, è cambiato notevolmente. I nostri clienti fuoristrada ora hanno aspettative diverse e cercano prodotti diversi, e dobbiamo provvedere a questi se vogliamo rimanere in contatto. Per questo motivo abbiamo deciso di porre fine alla nostra lunga storia sulle due ruote al Rally Dakar e nel Campionato Mondiale FIM Cross-Country Rallies, rafforzando contemporaneamente il nostro impegno per correre la Dakar su quattro ruote s con la Yamaha YXZ1000R SSV. Tuttavia, l'impegno di Yamaha negli eventi di Rally Raid con le moto non è finito, ma il nostro impegno futuro deve avere un legame più stretto con i nostri clienti e le loro aspirazioni, sviluppando ulteriormente il potenziale di Ténéré 700 verso una direzione che consentirà loro di riscoprire il lato più avventuroso dei rally ."

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA