di Nicolas Patrini - 07 gennaio 2019

“AGIF AL AVIV”, anche alla Dakar

La Dakar 2019 ha già un protagonista. Si chiama Elio Aglioni, ha 52 anni e il nome del suo team non lascia spazio a grandi fraintendimenti...
  • Salva
  • Condividi
  • 1/11 Elio Aglioni alla Dakar 2019 (foto Lodicross)

    Malgrado l’abitudine a leggere da sinistra verso destra, in molti si saranno accorti che il team “Agif al aviv” di Elio Aglioni ha puntato sulla simpatia nel scegliere il proprio nome. Elio, 52enne di Lodi, è alla sua prima Dakar ma si presenta già da protagonista, soprattutto sui social network, dove in tanti, ironicamente, lo mettono già sul primo gradino del podio. Il pilota lombardo è uno dei sette italiani al via della 41esima edizione del rally (qui trovate le tappe) e prenderà parte alla gara con la Husqvarna 450 FE numero 141. Malgrado per Aglioni sia la prima volta nel rally più duro al mondo, il pilota vanta esperienze di tutto rispetto all’Abu Dhabi Desert Challenge (19° nel 2017), al Merzouga Rally (31° nel 2012) e al Pharaons Rally (5° nel 2014).

    “I rally sono un’esperienza personale: sei solo in mezzo al deserto e in condizioni estreme. Ci sentiamo al sicuro perché siamo seguiti e sempre monitorati: in caso di necessità qualcuno interviene tempestivamente. Sono affascinato dalle gare su sabbia perché mentre sei attento a cercare la rotta devi anche gestire bene il consumo del carburante. Il mio debutto alla Dakar arriva dopo un lungo allenamento: palestra, bici e tanto enduro. Il mio obiettivo è quello di fare di tutto per arrivare alla fine nel migliore dei modi”.

    Che dire, speriamo che spinga fino alla fine!

    © RIPRODUZIONE RISERVATA