Esclusivo: prima foto dello scooter Ducati

Lo scooter Ducati Cucciolone debutterà a Milano insieme al gemello marchiato Audi: saranno equipaggiati con un’innovativa tecnologia ibrida e avranno entrambi 80 CV, ma uno potrebbe essere guidabile con la sola patente auto
1/7 Ducati Cucciolo: micromotore ausiliario nato nel 1945 con marchio SIATA e dal 1946 ottimizzato e prodotto da Ducati. Mezzo importantissimo per la rinascita dell'Italia nel secondo Dopoguerra, il Cucciolo diventò in seguito una vera e propria Motoleggera, arrivando perfino a gareggiare nelle corse

Alla fine è successo!

Malgrado i vertici di Borgo Panigale avessero sempre negato l’intenzione di “sconfinare” nel mondo scooter, le pressioni da Ingolstadt – sede di Audi, che attraverso Lamborghini controlla Ducati – sono state troppo forti. Almeno, a quanto sembra dalla foto che ci è giunta in redazione, in Ducati sono riusciti a mantenere l’indole sportiva del Marchio e a infonderla nell’avveniristico scooter Cucciolone. Il nome deriva dal primo ciclomotore della Casa, il fortunato Cucciolo, il piccolo monocilindrico da applicare alle biciclette che contribuì a motorizzare l’Italia nel dopoguerra (nella gallery le foto).

“Scarica” elettrica

Difficile definire la parte tecnica del Cucciolone, ma dalle maglie della rete di informazioni filtra che la motorizzazione è ibrida. Sarebbe la prima assoluta dell’innovativa tecnologia sperimentale e-Tron Torpedo di Audi: al motore termico di 400 cc (ovviamente con distribuzione desmodromica) viene accoppiata un’unità elettrica che utilizza un particolare recupero di energia sviluppato dall’osservazione del mondo animale, in particolare dalle torpedini, in grado di accumulare grandi quantità di energia in “batterie naturali” di piccole dimensioni. Il sistema e-Tron prevede che la ricarica degli accumulatori venga innescata anche dal rotolamento delle razze delle ruote, un sistema più efficiente rispetto al tradizionale recupero in frenata, sviluppato in Italia dal professor Lucio Lampreda dell’Università di Modena e poi ceduta al Marchio tedesco. Secondo le indiscrezioni, il Cucciolone dovrebbe sviluppare complessivamente 80 CV.

Sicuri Ducati e Audi, ancora in forse Lamborghini

Ci risulta che il Cucciolone rappresenti solo il primo passo di una famiglia destinata a coprire tutti i segmenti della mobilità urbana e suburbana, con lo scooter Ducati che verrà mostrato al prossimo Eicma di Milano insieme al suo gemello marchiato Audi, più votato a un pubblico di derivazione “automobilistica”. Per quest’ultimo sarebbe infatti allo studio un bicilindrico a L di soli 125 cc, accoppiato a un possente motore elettrico, per essere guidabile con la patente B mantenendo immutati gli 80 CV del Cucciolone. La versione ultrasportiva con il toro della Lamborghini sulla carena ed equipaggiato con il motore 400 e il propulsore elettrico maggiorato per un totale di oltre 100 CV è invece ancora incerta, lasciano filtrare da Sant’Agata Bolognese, pur rifiutando ogni commento ufficiale.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA