Piemonte - Mottarone

Camera con vista

Introduzione


Ci avventuriamo in uno dei più bei giri che si possano fare in Piemonte. Un toboga di tornanti che ha inizio poco dopo la partenza, da Stresa, e conduce ad Orta. Un giro caratterizzato dalla presenza di panorami indimenticabili, meglio conosciuto dagli appassionati con il nome di Mottarone (dalla omonima montagna che si sale).

Del resto, se c’è un detto tra i giornalisti che dice “se la foto di copertina non la riesci a fare, vai al Mottarone” ci sarà un perché. Non è difficile trovare spunti e panorami ad effetto percorrendo queste strade  belle e tortose, che hanno il solo limite nel l’asfalto, non sempre in buone condizioni; tuttavia, è necessario fare una premessa. se potete non andateci di domenica. la zona è puntualmente presa di mira da orde di turisti, famigliole o coppiette che arrivano la mattina prestissimo, parcheggiano sul bordo della strada e si accampano di fianco alla propria sardomobile per evitare di fare anche qualche centinaio di metri a piedi. Ma anche a questo c’è rimedio.
Partendo da Gignese si può percorrere il bel tratto di costa che porta a Levo in poche curve. Dal paesino di deve poi imboccare una poco entusiasmante frazione di sterrato, comunque facile, che ha il gran pregio di far evitare gran parte del traffico che si accalca nella zona del lago, per ritrovarsi ben presto tra questi luoghi splendidi. Siamo all’altezza della stazione intermedia della funivia  che porta ai 1450 metri di altezza del Mottarone. A questo punto, si può scegliere se recuperare il giro a Stresa (perso nella deviazione), approfittandone per fare un buon pranzo all’Idrovolante, oppure approfittare di una delle caratteristiche trattorie presenti nella zona. Dopo un pranzo abbastanza veloce, si può riprendere subito il percorso e approfittare dell’abbiocco dei gitanti per godersi in pace la strada che avvicina al monte. Arrivati a Gignese si segue il cartello per Alpino, punto dove inizia la festa.
Immersi in un panorama da cartolina, e rapiti dalle continue curve e controcurve, che chiedono il motore sempre in tiro, si potrà apprezzare la compagnia offerta da centauri di ogni tipo. Dallo “smanettone” stretto nella sua tuta di pelle in sella alla ad una supersportiva, passando per la coppia sul suo nuovo scooterone, e finendo con l’endurista in cerca di gloria tra i tornanti più stretti: qualsiasi mezzo sembra adattarsi perfettamente al percorso. Arrivati a poche curve dal Mottarone potrete decidere se arrivare in cima, dove potrete rilassarvi bevendo qualcosa e osservando la fauna, oppure imboccare la discesa per Orta. Un percorso che ci sentiamo di consigliare, dove le 4.000 lire che si pagano per accedere al parco che si attraversa, sono veramente ben spese; se la strada non fa rimpiangere i chilometri fatti fino ad ora, il panorama meriterebbe addirittura ore di contemplazione. Basta girare lo sguardo in qualsiasi direzione per rimanere imbambolati da tanta bellezza. Il “Rosa” davanti al naso, le Alpi dalla Liguria alla Svizzera, quattro laghi, la Pianura Padana: c’è ne da farsi venire voglia di posteggiare la moto e mettersi su un prato, magari con la cartina in mano per dare un nome a tutto quello che si vede.
Ripresi da tanto piacere, si può finire di percorrere la strada, solo un po’ più tortuosa di prima ma altrettanto divertente. Il primo tratto, che è tutto oltre il limite del bosco, favorisce l’andatura tranquilla (è difficile resistere dal guardarsi in giro) sempre con la dovuta attenzione alla guida; infatti proprio dopo una curva abbastanza secca, vi troverete praticamente di fronte al ritrovo degli aeromodellisti specializzati in alianti. Uno spettacolo notevole, che vale la pena di ammirare almeno per qualche minuto, con i sibilanti modelli che vi compiono evoluzioni sopra le teste. Entrati a Orta, e indirizzato il manubrio verso Sacro Monte, si percorrono i pochi ma divertenti chilometri che portano al paesino, dove si può posteggiare la moto appena entrati ( tutto Sacro Monte è isola pedonale) e fare una bellissima camminata fra le sue vecchie case per poi magari prendere il battellino e farsi a portare a San Giulio, la pittoresca isoletta situata in mezzo al lago. Terminato il romantico giro inizia il ritorno verso casa, direzione Brovello Carpugnino.
La strada, un misto veloce leggermente in salita, percorre la valle del torrente Agogna passando da Armeno e Gignese. Attenzione però perché il percorso invita a strafare, ma la visibilità oltre le curve è spesso limitata e non è difficile incontrare centauri che usano traiettorie piuttosto ampie tagliando qualche curva. Arrivati a Carpugnino, c’è un bivio che permette a chi ha un enduro di sfogarsi percorrendo un bel tratto di sterrato, mentre gli stradisti, continuando si dirigeranno un po’ più veloci verso Milano fino a Gallarate, dove si riprenderà l’autostrada. Già con tanta voglia di ritornare in questi luoghi.

Indirizzi utili



INDIRIZZI UTILI


-Aptl del lago Maggiore e di Mergozzo, tel. 0323/30416, e-mail: infoturismo@lagomaggiore.it,
www.lagomaggiore.it
Atl Orta San Giulio,
tel. 0322/905614,
e-mail: ortatl@tin.it

DOVE DORMIRE


-Stresa, Lido “La perla nera”, viale Lido  - Lido di Carciano, tel. 0323/33611 (camera doppia
150/210.000 lire, mezza pensione 140.000 lire)
-Stresa, Flora, SS del Sempione 26, tel. 0323/30524 (camera doppia 90/160.000 lire,   mezza pensione
125.000 lire)
-Orta S.Giulio, Orta, piazza Motta 1, tel. 0322/90253 (camera doppia 120/190.000 lire, mezza pensione
140.000 lire)

DOVE MANGIARE


-Stresa, L’idrovolante, spuntini e piatti alla carta, tel. 0323/31384
-Stresa , Isola dei Pescatori,
Albergo Ristorante Verbano,
tel. 0323/30408
-Mottarone, Eden, piatti tipici
piemontesi (35.000/65.000 lire), tel. 0323/924873
-Mottarone, rifugio del CAI, piatti tipici piemontesi
-Orta, Taverna antico agnello,
via Olina 18  (45/75.000 lire)

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA