Piaggio MP3

La prova del 3.

Due ruote davanti




Curve e frenate su asciutto e bagnato. Il confronto con l’X8 250. La prova al banco.
Tutto quello che c’è da sapere su come va il nuovo tre ruote di Pontedera
.


E’ uno scooter a tutti gli effetti nonostante la sua doppia ruota anteriore. Questo perché (a differenza di un’Ape) l’MP3 sta in equilibrio solo grazie all’effetto giroscopico delle ruote. Certo: il sistema servoassistito di blocco del rollio (in opzione a 600 euro) permette di fermarsi ai semafori senza poggiare i piedi a terra ma, appena in movimento, si torna a ragionare, guidare e piegare esattamente come se si fosse su un motociclo.


Un quadrilatero per due ruote


L’idea di base della sospensione anteriore dell’MP3 è invero semplice e collaudata. Si tratta del quadrilatero articolato. È un meccanismo formato da quattro aste due a due parallele (“quadrilatero”) collegate tra loro da due cerniere (”articolazione”), una per lato.
Ma, se l’idea è concettualmente semplice, meno facile è stata la messa a punto.
Il frontale dell’MP3 è infatti un tripudio di snodi e cerniere, cavi e cavetti, bielle e biellette.

Le ruote anteriori paiono avere assetto verticale e allineato alla direzione di avanzamento: gli angoli di camber e di convergenza sono nulli, a differenza di quanto avviene sulle automobili.
L’impronta a terra e la confidenza che l’MP3 dà in frenata, anche sul pavé o il bagnato, gli permettono di rivaleggiare con veicoli dotati di ABS
(Leggete la sezione dedicata alla frenata).

Naturalmente con un sistema antibloccaggio si potrebbe fare ancora meglio. Probabilmente se ne riparlerà se e quando i numeri di vendita avranno confortato i vertici di Pontedera.

In piega





Nello steering pad test si percorre un anello di 10 metri di raggio a velocità crescente, fino ad avvicinarsi al limite di tenuta laterale del veicolo.

Purtroppo sia per l’X8 che per l’MP3 la ridotta luce a terra ci ha fermato prima di raggiungere la massima inclinazione permessa dalla ciclistica. L’MP3 è comunque arrivato a 46,73°, un valore ragguardevole per uno scooter: tanto più che a fine prova i pneumatici non avevano nemmeno lavorato su tutta la spalla.
Chi teme di raggiungere il fine corsa del cinematismo stia tranquillo: è impossibile anche in pista.


Quello che più conta, però, è che l’MP3 ha mostrato grande precisione nel mantenere la traiettoria e una solidità dell’avantreno rassicurante anche alla massima inclinazione.
Questa prova ha dunque messo in evidenza, come con una ciclistica a punto, si possano compensare gli effetti negativi di una massa più elevata (oltre 50 kg a sfavore dell’MP3)
.

La frenata





Due prove. Massima decelerazione da 90 km/h su asfalto asciutto e da 50 km/h su pavé. Lo sfidante è il “gemello” X8 250 che ha una sola ruota anteriore, ma da 14”, e soprattutto è favorito dal minor peso di ben 51,2 kg.

Abbiamo eseguito tutte le prove con due tester: uno dalla frenata “da pilota”, molto aggressiva (Tester A). L’altro con una frenata decisa, ma più modulata (Tester B).
Le prove sono state ripetute tre volte
.
I risultati sono stati leggermente difformi rispetto alle attese. Su asciutto la differenza tra X8 e MP3 è minima (meno di 1 m da 90 km/h) e i tester fanno meglio con veicoli diversi.

I tester sono comunque concordi nel ritenere che l’MP3 richieda molta meno concentrazione per raggiungere gli spazi di arresto ottimali, cosa fondamentale in una situazione di emergenza.
Tuttavia nelle frenate al limite ha manifestato anche la tendenza a “sbandierare” (vedi foto)
, fastidiosa e crescente in frenata, forse imputabile a qualche lieve asimmetria nelle gomme o nei freni.

Sul bagnato
, dove l’impianto frenante non lavora allo strenuo, l’MP3 fa a maggior ragione valere la sua aderenza maggiore e spunta spazi inferiori tra il 3% (tester A) e il 17% (tester B) rispetto all’X8.
Ma al di là dei numeri vale il senso di sicurezza che l’MP3 infonde nel pilota, tale che i tester hanno voluto spontaneamente (!) provare a frenare da 70 km/h anziché i classici 50 km/h.


Sotto, alcuni riferimenti dello Yamaha TMax con ABS che confermano l’efficienza dell'MP3

Tra i birilli





Prova di slalom con 8 birilli posti a 7 metri l’uno dall’altro per valutare la maneggevolezza.

Il test consiste nell’affrontare lo slalom alla velocità più alta possibile, guidando in modo pulito e stando seduti perfettamente in asse col veicolo, per non influenzare col corpo il comportamento del mezzo. Il percorso è stato ripetuto 5 volte per ciascun veicolo dai 2 tester.

L’MP3 sconta la carreggiata di 420 mm, che lo costringe a passare più lontano dai birilli
e quindi a seguire traiettorie più esterne, perdendo tempo. Ma al di là dei tempi rilevati e delle considerazioni su peso, baricentro e inerzie guardarlo impegnato in questa prova è uno spettacolo: il cinematismo lavora al massimo e l’effetto visivo è quello di Alberto Tomba dei bei tempi, con le gambe che si comprimono e si distendono alternativamente a sfiorare i paletti. Manca solo la pettorina…


Cosa dice il cronometro


Il banco





I due motori sono equivalenti, pur con un piccolo vantaggio dell’MP3 oltre i 7.000 giri. Regolare l’erogazione per entrambi.

In sintesi





LE SCHEDE

MP3 250ie (X8 250 ie)
Motore
: a 4 tempi, monocilindrico Quasar, alesaggio per corsa 72x60 mm, cilindrata 244,3 cc, rapporto di compressione 10,5:1, distribuzione monoalbero a camme in testa, 4 valvole, raffreddamento a liquido, potenza max 22,5 CV (22 CV) a 8.250 giri, coppia max 2,14 kgm (2,06) a 6.750 giri, Euro 3.
Cambio
: automatico a variatore continuo di rapporto con asservitore di coppia.
Frizione
: automatica centrifuga a secco.
Telaio
: a doppia culla in tubi di acciaio, inclinazione cannotto di sterzo 22° (26°), avancorsa 36 (96) mm.
Sospensioni
: anteriore a quadrilatero articolato con 4 bracci in alluminio, 2 tubi di sterzo, bielletta tirata con asse ruota a sbalzo, escursione ruota 85 mm (ant. forcella telescopica con steli da 35 mm, escursione ruota 90 mm); posteriore motore oscillante con doppio ammortizzatore idraulico regolabile nel precarico della molla su 4 posizioni, escursione ruota 110 (90).
Ruote
: cerchi in lega, ant. 3,00x12” (3,50x14”), post. 3,50x12” (post. 3,00x12”); pneumatici, ant. 120/70-12 (120/70-14), post. 130/70-12.
Freni
: ant. a due dischi da 240 mm con pinza flottante a doppio pistoncino (anteriore a disco da 260 mm con pinza a 2 pistoncini); post. a disco da 240 mm con pinza a pistoncini contrapposti.
Dimensioni (in mm) e peso
: lunghezza 2.130 (2.050), larghezza 745 (760), altezza 1.245 (nd), interasse 1.490, altezza sella 780 (785), peso a vuoto 204 (171) kg.
Prestazioni:
Velocità max 125 km/h.

Manutenzione

Tagliando: programmato ogni 5.000 km dopo il primo a 1.000. Lubrificazione: olio raccomandato multigrado SAE 5W40; controllo ogni 5.000 km, sostituzione ogni 10.000 km, olio trasmissione SAE 75W85. Distribuzione: gioco valvole a freddo, aspirazione 0,10 mm, scarico 0,15 mm. Pneumatici: pressione anteriore 1,6 bar (2,0 bar), posteriore 2,0 bar (2,2 bar).
Costruttore: Piaggio S.p.A., v.le R. Piaggio 23, 56025 Pontedera (PI), tel. 058-272111, fax. 058-272344; www.piaggio.com.
Gamma colori: azzurro, grigio, nero, rosso.
Inizio vendite: già in vendita.
Garanzia:
2 anni.
Prezzo:
5.190,00 euro (4.590 euro) indicativo chiavi in mano.

12 risposte





Dall'8 al 10 settembre "Porte Aperte" dai concessionari Piaggio.
Il modello base costa 4.990 euro; il C, 5.400 euro; l'RI, con stabilizzatore, 5.650 euro.
Il CRL, full optional, 5.990 euro.

12 cosa da sapere sull'MP3


1) Sta in piedi da solo:

FALSO (il blocco è optional: 600 euro)

2) È più stabile e preciso in curva di uno scooter normale:

VERO        

3) È più confortevole di uno scooter normale:

VERO        

4) Frena prima di uno scooter normale:

VERO (in generale; non in pista)

5) Nel traffico è agile come uno scooter:

FALSO

6) Sullo sconnesso frena meglio di uno scooter normale:

VERO        

7) È più intuitivo alla guida rispetto a uno scooter normale:

FALSO        

8) Comunica più sicurezza di uno scooter normale:

VERO

9) Consuma più di uno scooter di pari cilindrata:

VERO

10) Piega più di uno scooter normale:

VERO

11) Piega più di una moto sportiva:

FALSO

12) Può piegare più di uno scooter normale:

VERO

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA