Nuova Yamaha Tracer 9, più ricca e più potente

Per il 2021 la Yamaha Tracer 900 cambia nome in Tracer 9 e riceve il nuovo motore di 889 cc. Cresce anche la potenza massima e la dotazione di serie è più ricca, con piattaforma inerziale, cruise control, traction control, ABS cornering e nuova strumentazione sdoppiata a colori. È disponibile anche in versione GT, con sospensioni elettroniche e borse laterali

1/33

Yamaha Tracer 9 2021

1 di 7

Dopo le nuove naked della gamma MT (MT-09, MT-09 SP e MT-07), Yamaha toglie ora i veli anche alla nuova versione della propria crossover di maggior successo, la Tracer 900, che in vista del nuovo anno cambia nome in Tracer 9 e si presenta con il nuovo e più potente motore di 889 cc, nuove linee e una dotazione di serie più ricca.

Partiamo dal motore che, come sulla sorella MT-09, in vista delle nuove norme antinquinamento Euro 5 è stato completamente riprogettato. All’interno del tre cilindri Crossplane praticamente ogni componente principale è nuovo, compresi pistoni, bielle, alberi a camme e basamento… Aumenta così la cilindrata, che passa da 847 a 889 cc, risultato ottenuto aumentando la corsa (da 59,1 a 62,1 mm) mentre è invariato l'alesaggio, di 78 mm. Nonostante ciò, il propulsore 2021, compreso il nuovo scarico, è di 700 grammi più leggero rispetto al modello precedente. Gli ulteriori 42 cc influiscono sulla potenza massima, che aumenta di 4 CV e raggiunge quota 119 CV a 10.000 giri/min. Aumenta anche la coppia, cha ora ha un picco di 93 Nm a 7.000 giri/min, 1.400 giri/min. prima sulla scala del regime (prima era 87,5 Nm a 8.400 giri/min.). Una delle caratteristiche principali del nuovo motore da 889 cc è il sistema di erogazione del carburante, completamente nuovo. Mentre la Tracer 900 era dotata di iniettori fissati direttamente alla testata, sul nuovo modello il carburante viene iniettato sulla parte posteriore delle teste delle valvole di aspirazione. A detta della Casa questo sistema consente una migliore nebulizzazione del carburante e riduce anche l'aderenza del carburante alle pareti delle bocche di aspirazione. Inoltre, contribuisce ad un risparmio di carburante del 9%. Nonostante la maggior cilindrata, il nuovo motore è di 700 gr. più leggero del precedente.

Nuovi anche l’acceleratore ride by wire e i sistemi di aspirazione e scarico. La nuova aspirazione gode di un filtro dell'aria con un nuovo layout a tre canali, con ogni condotto che presenta sezione e lunghezza diverse. I nuovi condotti dello scarico in acciaio inossidabile hanno una curvatura diversa.

La trasmissione è stata ottimizzata aumentando leggermente i rapporti in 1 e 2 a marcia e la frizione antisaltellamento utilizza un materiale nuovo per le piastre di attrito e l'angolo delle sue camme è cambiato per dare più leggerezza alla leva. Nuovo anche l'impianto di scarico, di 1,4 kg più leggero rispetto a prima.

Quattro le mappe motore (D-Mode) a disposizione del pilota, una in più rispetto al modello precedente.Si va dalla modalità 1, che offre una risposta più aggressiva, alla 4, pensata per un uso sul bagnato.

1/33

Yamaha Tracer 9 2021

La Yamaha Tracer 9 2021 dispone di un nuovo telaio Deltabox in alluminio pressofuso CF die cast (Controlled Filling). La tecnologia CF di Yamaha ha permesso di avere la sezione di parete più sottile di qualsiasi telaio pressofuso prodotto, con le due traverse più grandi che scorrono direttamente dal cannotto di sterzo fino all'articolazione del forcellone. Un altra modifica per il 2021 è il riposizionamento del nuovo motore CP3 di 890 cc, che ora è montato con un angolo più verticale di 52,3°, rispetto ai 47,5° del modello precedente.

Nuovo anche il forcellone, che abbandona il lato destro "a banana". Anche se esternamente simile al design di quello utilizzato sulla MT-09 m.y. 2021, il forcellone della Tracer 9 è in realtà più lungo di 60 mm, con un interasse di 1.500 mm (lo stesso della precedente Tracer 900). Nuovi anche i cerchi SpinForged da 17” a 10 razze, 700 gr. più leggeri dei precedenti. Come gomme di primo euipaggiamento troviamo la Bridgestone Battlax T32 nelle misure 120/70ZR17 ant. e 180/55ZR17 post.

La forcella ha steli rovesciati da 41 mm, è completamente regolabile e ora ha un'escursione di 130 mm (30 mm in meno del modello precedente); il mono posteriore, regolabile nel precarico, gode di un nuovo setting e offre 122 mm di escursione. A frenare la moto ci pensano i due dischi anteriori di 298 mm di diametro e il disco posteriore di 245 mm. La pompa freno anteriore è una Nissin radiale di "tipo R1", con il pistone che si muove parallelamente alla corsa della leva del freno.

Nuova la sella, posizionata 15 mm più in basso rispetto a prima e ora regolabile su due posizioni (senza l'utilizzo di attrezzi): 810 o 825 mm dal suolo. Ulteriori modifiche all'ergonomia possono essere apportate a pedane e manubrio, le prime si possono spostare di 15 mm verso l'alto o verso il basso, il secondo in avanti di 9 mm e verso l'alto di 4 mm, semplicemente invertendo la direzione dei morsetti. Anche il parabrezza è regolabile, ha un'escursione di 50 mm (10 scatti da 5 mm). Il peso in ordine di marcia è di 213 kg, il serbatoio da 19 litri.

1/31

Yamaha Tracer 9 GT 2021

La nuova Tracer 9 è equipaggiata con una piattaforma inerziale IMU a 6 assi. Sviluppata sulla base dal sistema utilizzato sulla YZF-R1 a partire dal 2015, l'IMU a 6 assi della nuova Tracer 9 è del 50% più piccola del 40% più leggera grazie a una revisione approfondita del layout dei sensori. La dotazione elettronica di serie comprende poi il Traction Control System (TCS, regolabile su tre livelli, due preimpostati e uno personalizzabile), lo Slide Control System (SCS, regola la potenza quando prevede uno slittamento laterale della ruota posteriore, regolabile su tre livelli e disattivabile), il sistema di controllo sollevamento ruota anteriore Control System (LIF, tre livelli e disattivabile), e il sistema Brake Control (BC, interagisce con l'ABS e controlla e modula autonomamente la pressione dei freni, è attivo anche a moto piegata -funzione cornering-).

Per mantenere l'intero sistema facile da comprendere per il pilota sono disponibili tre impostazioni di modalità:

  • Modalità 1: TCS, SCS e LIF sono tutti sul livello 1, il livello di intervento più basso
  • Modalità 2:TCS, SCS e LIF sono tutti sul livello 2, ovvero un intervento moderato
  • Modalità 3: opzione di impostazione manuale, che consente al pilota di selezionare una qualsiasi combinazione tra le 3 impostazioni di TCS, SCS e LIF.

La Tracer 9 è ora equipaggiata di serie con il sistema Cruise Control, analogo a quello utilizzato sul precedente modello GT. Può essere attivato quando si guida a una velocità di 50 km/h o più, e a partire dalla quarta marcia.

1/14

Yamaha Tracer 9 2021

La nuova strumentazione è composta da due schermi TFT da 3,5". Le informazioni di funzionamento principali vengono visualizzate sullo schermo di sinistra, tra di queste troviamo il contagiri multi-colore a barra, con variazione del colore all'aumento de regime, tachimetro digitale, indicatore del livello del carburante, marcia inserita e modalità del TCS. Lo schermo di destra è riservato ai dati di marcia, come chilometri percorsi, odo, trip e temperatura. Lo schermo sinistro può essere messo in modalità TCS, nella quale il pilota ha la possibilità di selezionare la modalità di intervento desiderata per i sistemi elettronici. Nel frattempo, lo schermo di destra rimane diviso in quattro sezioni separate, ognuna delle quali visualizza una serie di informazioni come contachilometri totale, contachilometri parziali 1 e 2, temperatura…

L'impianto di illuminazione è di tipo full LED, con i fari anteriori twin-eye incassati all'interno della carena. Nuovo anche il design della luce posteriore, con le lenti interne che producono una luce freno con un effetto tridimensionale.

1/18

Yamaha Tracer 9 2021

La nuova Yamaha Tracer 9 sarà disponibile in due livree: rosso "RedLine" o grigio "Tech Kamo". Le consegne ai concessionari inizieranno a partire da marzo 2021, al prezzo di listino di 11.449 euro c.i.m.

Il prezzo è da intendersi con la formula "chiavi in mano", comprensiva di "messa in strada", che Motociclismo quantifica in 250 euro.

1/29

Yamaha Tracer 9 2021

  • Sospensioni semi-attive KYB
  • Borse laterali rigidi
  • Quick Shift System (QSS) per innesto marce superiori e inferiori
  • Luci adattive LED
  • Colori e grafica dedicati

Per tutti i dettagli sulla nuova Tracer 9 GT vi rimandiamo all'articolo dedicato.

1/27

Yamaha Tracer 9 GT 2021

Motore

Raffreddato a liquido, 4 tempi, 4 valvole, 3 cilindri, DOHC

Cilindrata

890

Alesaggio x corsa

78 x 62,1 mm

Rapporto di compressione

11.5:1

Potenza massima

119 CV a 10.000 giri/min

Coppia massima

93,0 Nm a 7.000 giri/min

Lubrificazione

Carter umido

Frizione

in bagno d'olio, dischi multipli

Accensione

TCI

Avviamento

Elettrico

Trasmissione

Sempre in presa, 6 marce e retromarcia

Trasmissione finale

Catena

Consumi di carburante

5.0 L/100km

Emissioni CO2

116 g/km

Alimentazione

Iniezione

Telaio

A diamante

Inclinazione canotto sterzo

25° 00’

Avancorsa

108 mm

Sospensione anteriore

Forcella telescopica

Sospensione posteriore

Forcellone oscillante

Escursione anteriore

130 mm

Escursione posteriore

122 mm

Freno anteriore

Disco idraulico doppio, Ø 298 mm

Freno posteriore

Disco idraulico singolo, diametro di 245 mm

Pneumatico anteriore

120/70Z R17 M/C (58 W) (tubeless)

Pneumatico posteriore

180/55Z R17 M/C (73 W) (tubeless)

Lunghezza

2.175 mm

Larghezza

885 mm

Altezza

1.430 mm - 1.470 mm

Altezza sella

810 mm - 825 mm

Interasse

1.500 mm

Altezza minima da terra

135 mm

Peso in ordine di marcia (compresi serbatoi olio e carburante pieni)

213 kg

Capacità serbatoio carburante

19 litri

Quantità olio motore

3,5 litri

1/24

Yamaha Tracer 9 2021

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Ultimi articoli