di Beppe Cucco
21 December 2019

Ninja ZX-25R: 17.000 giri di divertimento

Il piccolo quattro cilindri in linea di 249 cc della nuova “baby Ninja” è in grado di erogare una potenza vicina ai 60 CV, con un regime di rotazione da MotoGP. Poche però le possibilità di vedere la ZX-25R in Europa

1/14

Kawasaki Ninja ZX-25R 2020

Allo scorso Salone di Tokyo Kawasaki ha tolto i veli alla nuova ZX-25R, una piccola sportiva spinta da un inedito motore a quattro cilindri in linea di 250 cc. Si tratta di un propulsore con distribuzione a doppio albero a camme in testa, 16 valvole, raffreddato a liquido. I dati relativi alle prestazioni non sono stati diffusi, ma dall’oriente dicono che la potenza sarà vicina ai 60 CV. Il look della moto riprende chiaramente le linee delle sorelle sportive di cubatura maggiore e allo stesso modo anche la dotazione elettronica è da “grande”, e comprende traction control, quickshifter e mappe motore. Troviamo poi telaio tubolare in acciaio, forcella a steli rovesciati Showa SFF-BF, monoammortizzatore progressivo, cerchi da 17”, pinza freno radiale e look da vera Ninja.

Ora, l’ultimo video diffuso da Kawasaki Indonesia ci premette di vedere la strumentazione della nuova ZX-25R, che ci svela l’incredibile regime massimo di rotazione del piccolo quattro cilindri in linea: la zona rossa inizia a 17.000 giri/min, con il fondoscala posto a 20.000 giri/min. Regimi ormai dimenticati dalle attuali moto stradali. L’ultima Ducati Panigale V4 R, ad esempio, si ferma a “soli” 16.500 giri/min.

Fermate l’entusiasmo, però: la nuova ZX-25, che sarà prodotta nello stabilimento di Kawasaki in Indonesia, con molta probabilità verrà commercializzata solo sul mercato asiatico. Per il momento infatti non si hanno informazioni in merito ad una possibile commercializzazione della baby Ninja anche in Europa.

Nella speranza di vederla anche da noi, vi lasciamo con il video che ci mostra la strumentazione della moto.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA