Doppietta italiana a Sepang: Dovizioso trionfa, Rossi 2°

MotoGP 2016, Sepang: risultati, classifica e cronaca GP della Malesia. Dopo 7 anni Dovizioso torna a vincere nella Classe Regina, è il 9° vincitore diverso del 2016. Seguono le Yamaha, con Rossi che batte Lorenzo in gara e in campionato. Ottime le Ducati Avintia. L'Aprilia di Bautista davanti alla migliore Honda. Out Iannone e Crutchlow, Marquez cade ma rimonta

MotoGP 2016: la cronaca della gara di Sepang giro per giro

La partenza della MotoGP è stata posticipata per maltempo. Nella pit lane, tutte le moto sono equipaggiate con mescole medie all’anteriore e media al posteriore, l’unico con la gomma morbida al posteriore è Aoyama.
La lunghezza della gara è stata ridotta di 1 giro (da 20 si passa a 19 giri). Da segnalare che Marquez esce con una moto con assetto da bagnato ma con freni in carbonio, mentre gli altri piloti montano dei dischi tradizionali.
Cambiano le strategie di pneumatici: Iannone scommette su una coppia di gomme soft, mentre Aleix Espargaro decide di cambiare la gomma posteriore con una mescola più morbida. Lorenzo lamenta un forte sottosterzo, e monterà una coppia di mescole soft; stessa scelta fanno Crutchlow e Rossi.

Partenza: parte bene Lorenzo che si porta al comando, seguito da Marquez e Rossi. Dovizioso è 4° con Crutchlow 5°. L’inglese viene però sorpassato da Iannone e dalle due Suzuki, e si ritrova 8°. Nel T3 Marquez e Dovizioso sorpassano Lorenzo, ma poi il Dovi infila Marquez e si porta al comando. Rossi alla curva 9 si infila all’interno e sorpassa Lorenzo e Marquez in un solo boccone. Dovizioso va largo e Rossi si porta al comando. All’ultima curva Iannone entra all’interno del Dovi e ottiene il 2° posto

1/19: Rossi, Iannone, Dovizioso, Marquez, Lorenzo, A. Espargaro, Crutchlow, Viñales, Pol Espargaro e Jack Miller in Top 10. Rossi cerca subito di scappare, Iannone lo segue a ruota. Alla curva 9 Iannone cerca un sorpasso all’interno ma senza successo, ci riprova alla curva 12 e ci riesce: Iannone è al comando! Nel frattempo Aleix Espargaro sorpassa Lorenzo per la quinta piazza.

2/19: Aleix Espargaro va lungo alla prima curva, e si ritrova 13°, mentre suo fratello Pol viene sorpassato da Hector Barbera che si trova in nona piazza. Giro veloce per Iannone: 2’15”315. Nel frattempo Crutchlow cerca un modo sicuro di sorpassare Lorenzo

3/19: A sorpresa, Lorenzo stacca il giro veloce: 2’14”925. Iannone è sempre al comando, seguito da Rossi, Dovizioso, Marquez e dal Porfuera. Nel frattempo è lotta tra gli Espargaro: Aleix sorpassa suo fratello Pol per l’11esima piazza, mentre Crutchlow riesce a mettersi davanti a Lorenzo e può così andare a caccia di Marquez. Tutti i primi 5 siglano tempi record in tutti i settori

4/19: Giro veloce per Crutchlow: 2’14”010, addirittura 6 decimi più veloce dei piloti che lo precedono. Rossi si infila all’interno di Iannone alla curva 4, ma Iannone risponde e si rimette davanti al Dottore. Nel frattempo è bagarre tra Baz e Barbera in ottava piazza. Nel T4 Crutchlow sorpassa Marquez e si porta in quarta posizione.

5/19: Iannone, Rossi, Dovizioso, Crutchlow, Marquez, Lorenzo, Viñales, Baz, Barbera e Miller in Top 10. Giro veloce per Dovizioso: 2’13”819. Rossi sorpassa Iannone alla curva 3 ed inizia a dettare il passo. Sul rettilineo principale Iannone difende la testa alla corsa!

6/19: Giro veloce per Iannone: 2’13”431. Da segnalare che i distacchi tra i primi 6 piloti (Iannone, Rossi, Dovizioso, Crutchlow, Marquez e Lorenzo) è nell’ordine dei decimi di secondo. Crtuchlow fa la differenza nei settori centrali, e si porta a 3 decimi da Dovizioso

7/19: giro veloce per Marquez: 2’13”087, il Cabroncito ha davanti a sé la Honda del Team LCR.

8/19: Viñales viene sorpassato da Barbera, il quale si porta in ottava piazza alle spalle di Loris Baz. Nelle posizioni di testa i distacchi diminuiscono, e nel T4 Marquez sorpassa Crutchlow per la quarta posizione

9/19: Giro veloce per Dovizioso: 2’12”483. Lorenzo sta perdendo terreno nei confronti dei piloti di testa, mentre arriva alla Curva 1 la caduta di Stefan Bradl.

10/19: I primi 4 piloti sono racchiusi in un secondo! Non solo: Marquez sigla un altro giro veloce (2’12”407) e si avvicina pericolosamente al codone della GP16 di Dovizioso. Alla curva 9 Rossi sorpassa Iannone e si porta al comando della corsa!

11/19: Giro veloce per Rossi: 2’12”231! Iannone cerca il sorpasso all’interno, ma va largo e Rossi risponde. Dovizioso si avvicina pericolosamente. Attenzione: caduta per Cal Crutchlow! Un vero peccato per l’inglese. Nel T2 il Dovi sorpassa Iannone e si porta al 2° posto! Una battaglia tutta italiana. COLPO DI SCENA: Caduta anche per Marc Marquez alla curva 11! Il Cabroncito rientra in pista al 14° posto

12/19: giro veloce per Dovizioso: 2’11”950. Rossi, Dovizioso, Iannone, Lorenzo, Baz, Barbera, Viñales, Bautista, Miller e Aleix Espargaro in Top 10. Iannone sembra abbia mollato il colpo: sono 7 i decimi che lo separano dal Dovi. ATTENZIONE: Caduta per Andrea Iannone! Un vero peccato per il pilota di Vasto, che poteva puntare al podio. Ora la battaglia è tutta tra Rossi e Dovizioso.

13/19: Rossi, Dovizioso e Lorenzo sono virtualmente a podio. Nel frattempo Marquez si riporta in 14esima piazza dopo una battaglia con Redding. Il distacco tra Rossi e Dovizioso è di circa 2 decimi

14/19: Rossi va largo alla prima curva e Dovizioso si porta in testa per la prima volta in questa gara. Il distacco tra Rossi e Dovizioso è di 952 millesimi nel T2, che sale a oltre 1 secondo nel T3.

15/19: Dovizioso gira in 2’11”, Rossi invece in 2’14”, il distacco tra i due è di 2,5 secondi e continua a salire. Alex Espargaro commette un errore e perde due posizioni: si ritrova 10° alle spalle di suo fratello Pol. Barbera sorpassa Baz e si porta al 4° posto!

16/19: Oltre 4 secondi tra Dovizioso e Rossi, addirittura 10 i secondi di gap tra le Yamaha del Dottore e di Jorge Lorenzo. Nel frattempo Pol Espargaro sorpassa Miller per l’ottava piazza, l’australiano contrattacca nel T3.  

17/19: Gira ancora più veloce di tutti Andrea Dovizioso, che può contare su 4,5 secondi di vantaggio su Rossi, che invece sta girando con tempi da ottavo posto. Fortunatamente il pilota numero 46 ha un cospicuo vantaggio su Lorenzo

Ultimo giro: Dovizioso rallenta il passo per questo ultimo giro, e sfrutta gli oltre 4 secondi di margine su Rossi per portarsi a casa la sua prima vittoria stagionale

Bandiera a scacchi: Vince Andrea Dovizioso, 2° Rossi, 3° Lorenzo

Dovizioso replica dopo 7 anni ed è il 9° vincitore diverso di questa stagione!

Una gara emozionante, combattutissima per tre quarti della sua durata, fino a quando (nell’ordine) Crutchlow, Marquez e Iannone finiscono a terra mentre occupano posizioni da Top 5. Rossi è sempre stato in lotta per le posizioni di testa: prima con Iannone e poi con Dovizioso, il quale ottiene il secondo trionfo nella Classe Regina (11° nel Motomondiale), il primo con la Ducati. La Casa di Borgo Panigale celebra invece il 2° successo in questa stagione (dopo il trionfo in Austria di Iannone) e la seconda vittoria dell’epoca “post – Stoner”. Il primo successo di Dovizioso in MotoGP risale al 2009 quando, in condizioni meteo analoghe, vinse con la Honda ufficiale a Silverstone. Non solo: Dovizioso diventa il nono vincitore diverso della stagione 2016 della MotoGP, e “Desmo Dovi” ottiene il quarto podio stagionale. Valentino Rossi conferma il suo ottimo stato di forma: per lui si tratta del decimo podio in quest’anno. Il Dottore si assicura il 2° posto nel Mondiale vincendo la “battaglia” con Jorge Lorenzo, che sorprende tutti con un ottimo risultato in condizioni climatiche a lui non favorevoli (grazie anche alle cadute altrui, come Jorge stesso ammette nel parco chiuso). Ai piedi del podio ci sono le Ducati del Team Avintia Racing di Hector Barbera (4°) e Loris Baz (5°): per lo spagnolo si tratta del miglior piazzamento da quando corre in MotoGP, mentre il francese ottiene la Top 5 per la seconda volta in questa stagione. Maverick Viñales termina 6° davanti all’Aprilia di Alvaro Bautista, che porta alla Casa di Noale il miglior risultato da quando è tornata nella Classe Regina. 8° posto per Jack Miller, il migliore dei piloti Honda, che precede Pol Espargaro e la Ducati clienti di Danilo Petrucci. Marc Marquez, che cade per la seconda gara di fila dopo la vittoria del titolo mondiale 2016, riesce a rimettersi in sella e conclude 11°. Più sfortunato invece Andrea Iannone, che non riesce tornare in gara dopo la scivolata e torna a casa con il quarto “zero” di fila. Peccato, il suo era stato un rientro molto positivo, con ottime prestazioni in prova e in gara.

Per controllare gli orari delle repliche della gara su TV8, potete cliccare qui.

MotoGP 2016, Sepang: classifica generale

MotoGP 2016: classifica generale

POSIZIONE PILOTA MOTO NAZIONE PUNTI
1 Marc MARQUEZ Honda SPA 278
2 Valentino ROSSI Yamaha ITA 236
3 Jorge LORENZO Yamaha SPA 208
4 Maverick VIÑALES Suzuki SPA 191
5 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 162
6 Dani PEDROSA Honda SPA 155
7 Cal CRUTCHLOW Honda GBR 141
8 Pol ESPARGARO Yamaha SPA 124
9 Hector BARBERA Ducati SPA 97
10 Andrea IANNONE Ducati ITA 96
11 Aleix ESPARGARO Suzuki SPA 85
12 Eugene LAVERTY Ducati IRL 77
13 Alvaro BAUTISTA Aprilia SPA 76
14 Scott REDDING Ducati GBR 72
15 Danilo PETRUCCI Ducati ITA 71
16 Stefan BRADL Aprilia GER 60
17 Jack MILLER Honda AUS 56
18 Bradley SMITH Yamaha GBR 55
19 Michele PIRRO Ducati ITA 36
20 Loris BAZ Ducati FRA 35
21 Tito RABAT Honda SPA 29
22 Yonny HERNANDEZ Ducati COL 20
23 Katsuyuki NAKASUGA Yamaha JPN 5
24 Alex LOWES Yamaha GBR 3
25 Hiroshi AOYAMA Honda JPN 1
26 Nicky HAYDEN Honda USA 1
27 Mike JONES Ducati AUS 1

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA