MotoGP: Ducati in alto mare, Aprilia vuole un rider italiano

Mercato piloti MotoGP: le ultime news, gli spostamenti, i cambi di casacca. Tutto quello che c'è da sapere sulle ultime settimane di trattative dei piloti e dei Team del Motomondiale. Il futuro di Lorenzo, Dovizioso, Petrucci, Iannone e Pedrosa
1/12 Danilo Petrucci ha un contratto in scadenza con il Team Pramac (50% di probabilità di rinnovo). Tuttavia esistono buone probabilità che possa correre con la Aprilia RSGP nel 2019 (30%) o con la Suzuki del Team Ecstar (20%)

Gli scenari di mercato

Ormai siamo agli sgoccioli ed entro qualche giorno sapremo con esattezza quali piloti cambieranno casacca e quali, invece, rinnoveranno i contratti con le rispettive Case. Facciamo il punto della situaizone: scorrete le immagini della gallery per vedere i vari scenari di mercato o leggete qui sotto tutte le opzioni.

Fra gli addii certi c'è quello di Zarco, il francese lascerà il Team Tech3 per vestire i colori KTM. La notizia era nell'aria da qualche tempo, ma la firma del contratto biennale che impegna Johann con la Casa Austriaca cambia alcuni scenari di mercato. Inoltre, da Mattighofen arriva anche la notizia del rinnovo, fino al 2020, di Pol Espargaro.

Danilo Petrucci è in scadenza con il Team Pramac ed è in attesa di una proposta "ufficiale" che tarda ad arrivare da Ducati. Il pilota italiano temporeggia, in attesa di capire cosa faranno Lorenzo e Dovizioso, ma nel frattempo ha 3 opzioni aperte: rinnovare con il Team Pramac, vestire i colori della Casa di Noale o trovare in Suzuki la moto per i prossimi due anni. Il rinnovo con Pramac pare difficile: nel 2019 arriverà Bagnaia, dunque il Petrux dovrà giocarsi il posto con Miller che, con la GP17, sta ottenendo risultati migliori del pilota di Terni, che invece corre con la Desmosedici GP18. Voci di corridoio, attualmente, vedono Danilo molto vicino ad Aprilia.

Nei box del Team Gresini la situazione non è per nulla chiara e definita: vista la volontà della Casa di Noale di avere un pilota italiano, se arrivasse Petrucci chi farebbe le valigie tra Aleix Espargaro e Scott Redding? Da una parte c'è l'esperto pilota catalano che, con la RS-GP, sta ottenendo buoni risultati, mentre dall'altra c'è il 25enne britannico che, invece, sta ancora adattandosi a una moto particolare come l'Aprilia.

La questione Lorenzo-Dovizioso è complessa: il maiorchino vorrebbe rinnovare con Ducati e superare le frustrazioni del momento. Jorge è convinto di poter far bene e lo ha ribadito più volte, ma vuole anche uno stipendo all'altezza del nome che porta. Dovizioso, d'altro canto, ha un precedente e chiede il giusto compenso per i risultati raggiunti: tutti sappiamo (Dovizioso in primis) quanto è stato dato a Jorge Lorenzo per il suo biennale e Andrea ha deciso di fare la voce grossa rinunciando all'ultima offerta ricevuta (cliccate qui per leggere tutti i dettagli). Staremo a vedere, certi che un accordo con Dovizioso verrà trovato. Ma con Lorenzo? Beh, se non dovesse restare in Ducati, nel paddock si vocifera un possibile approdo in Suzuki e la Casa di Hamamatsu ha messo sul piatto un contratto da 7 milioni di euro a stagione.

La Casa di Hamamatsu ha da poco rinnovato il contratto a Rins, mentre con Iannone le cose non sono andate nel verso sperato. Andrea ha mostrato di essere molto competitivo in Texas, grazie a una moto che, finalmente, ha sentito essere davvero sua. Tuttavia in Suzuki non hanno mai visto di buon grado le critiche ricevute in passato dal pilota italiano, dato per certo in partenza. L'ipotesi principale per Iannone è quella di vestire i colori Aprilia, ma Andrea potrebbe anche accarezzare l'idea di un accordo con il Team Angel Nieto.

Chi, invece, è meno preoccupato di un mancato rinnovo è Dani Pedrosa. La sua partenza dal Team Honda Repsol è una possibilità assai remota, dato che la Casa di Tokyo pare prossima a rinnovare per un solo anno il contratto di Dani. Tuttavia Alberto Puig, team manager HRC, ha dichiarato che non sono ancora state fatte trattative con nessun pilota. Nel frattempo Honda ha nel mirino un giovane talento da affiancare a Marc Marquez: Joan Mir, che se non approderà in HRC nel 2019 lo farà l'anno successivo.

Gli scenari di mercato coinvolgono non soltanto i piloti, ma anche i Team: dopo la rottura tra Tech3 e Yamaha e il successivo "matrimonio" con KTM, la Casa di Iwata si è messa alla ricerca di un altro team satellite. Inizialmente sembrava che la squadra di Marc Van Der Straeten (Marc VDS) fosse la prescelta dalla Casa dei Tre Diapason, tuttavia l'olandese e il team principal Michael Bartholemy hanno sul piatto offerte interessanti da parte di Suzuki e Honda. Visto lo scontento della squadra nei confronti della Casa di Tokyo, il team Marc VDS pare abbia iniziato a coltivare seriamente l'ipotesi Suzuki. Attualmente la probabilità di chiudere un accordo con la Casa di Hamamatsu supera quelle di un contratto con Yamaha e per sapere come andrà a finire non servirà attendere molto: Bartholemy ha dichiarato che vuole arrivare a Jerez de la Frontera con i programmi ben definiti per la stagione ventura.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA