Lutto in Alpinestars, si è spento il fondatore Sante Mazzarolo

Dopo anni di lotta contro una brutta malattia è morto all’età di 91 anni Sante Mazzarolo, il fondatore di Alpinestars. L’imprenditore veneto lascia la moglie e tre figli

1/9

Dopo anni di lotta contro una brutta malattia si è spento ieri nella sua casa di Maser (TV) Sante Mazzarolo, l’imprenditore veneto che nel 1963 fondò Alpinestars. Sante, scomparso all’età di 91 anni, lascia la moglie Dolly e i tre figli, Gabriele, Amministratore Delegato e Presidente di Alpinestars, Lucia e Gloria.

Era il 1963 quando un artigiano della pelle di nome Sante Mazzarolo inizia a produrre le prime calzature con il marchio Alpinestars. Poco dopo aver fondato la società nella sua sede di Maser, Sante inizia a lavorare su un nuovo stivale rivoluzionario per enduro e cross. Lo stivale Alpinestars diventa immediatamente il leader del settore e un punto di riferimento nelle corse, tanto che all'inizio degli anni '70 Roger de Coster consegna all'Azienda il suo primo riconoscimento, il Campionato mondiale di Motocross. Negli anni successivi Sante è stato onorato con una serie di premi italiani di design, affermando la sua reputazione per la creatività e l'innovazione. Negli anni ’70 Alpinestars compie un altro passo in avanti con lo sviluppo di prodotti per le corse su asfalto. Nel 1978 Kenny Roberts è stato il primo Campione del Mondo del Motomondiale ad indossare stivali Alpinestars. Nella metà degli anni ’80 l’Azienda apre Alpinestars USA con una nuova base a Los Angeles, in California, e verso la metà degli anni '90 progetta e lancia la prima linea di abbigliamento tecnico. Nel 1999 inizia lo sviluppo di tute in pelle e Carlos Checa è il primo pilota della MotoGP a testare le tute Alpinestars nella massima categoria del Motomondiale. Negli anni successivi arrivano anche le calzature per le auto da corsa, l’abbigliamento sportivo e casual, quello per mountain bike, gli airbag… Oggi l’azienda impiega circa 600 dipendenti in tutto il mondo con sedi in Italia, California, Giappone e Thailandia.

Dalla Redazione di Motociclismo le più sentite condoglianze alla famiglia, ai parenti e agli amici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli