SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Kawasaki Ninja H2R: emozioni a fior di pelle

Video n° 20: si parla di cosmetica. Scopriamo qualcosa in più sulla bella verniciatura a specchio della straordinaria sportiva di Akashi (definirla semplicemente nera è quantomeno riduttivo, oltre che inesatto)

Kawasaki ninja h2r: emozioni a fior di pelle

Pur essendo una Kawasaki, la Ninja H2R presentata a Intermot 2014 ha ben poco verde. Come si vede bene nelle foto e nei video, a parte la verniciatura del nuovo telaio a traliccio e qualche fregio qua e là, la moto è nera. Queta scelta estetica esalta il senso di super tecnologico che una moto del genere deve trasudare da tutti i pori (cliccate qui per tutti gli articoli e i video che ci illustrano le chicche della H2R), senza dimenticare che l’origine “parzialmente aeronautica” del propulsore e della carrozzeria ben si sposa con lo stealth look suggerito dalla tinta scura e che sarà ripreso in toto anche sulla versione stradale (Ninja H2).

 

Solo che in realtà la moto non è nera. Non si può infatti definire semplicemente così il carbonio a vista (splendido il cupolino, con le alette stabilizzatrici), ma soprattutto sono il serbatoio e il codone - nonché i fianchi della carena - ad essere tutto fuorché neri. La verniciatura particolare di queste parti viene definita “silver-mirror”, letteralmente “specchio d'argento (o, più tecnicamente: argento a specchio)”, quindi il colore dipende semplicemente da ciò che in ogni momento la superficie sta riflettendo. A dire la verità, Kawasaki non spiega molto sul processo di verniciatura, tranne il fatto che è una particolare reazione chimica a generare l’effetto specchio, ma il video (come sempre, pubblicato su www.ninja-h2.com) ci mostra che questa operazione è fatta a mano.

 

L’effetto finale è certamente unico ed emozionante, un piacere per gli occhi almeno quanto lo sia per le orecchie il suono pazzesco del 4 cilindri sovralimentato da 300 CV.

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA