di Giorgio Sala - 28 febbraio 2016

In Australia gara no per Sofuoglu e Cluzel, Krummenacher vince su Caricasulo e West

Con Kenan che  cade a 3 giri dalla fine, Randy Krummenacher si porta a casa la prima vittoria del 2016 davanti a Caricasulo, che nel finale beffa la wild card Anthony West. 4° Gamarino, poi Jacobsen e Baldolini. Cade anche Zanetti dopo un contatto con Caricasulo, Cluzel 17° dopo un errore

SSP 2016, Phillip Island: il report della gara giro per giro

Partenza: parte bene Caricasulo che supera Krummenacher, parte bene anche Jacobsen, che supera Sofuoglu e va al comando della gara. Scivola terzo Sofuoglu, che alla curva 3 viene superato anche da Caricasulo. Cluzel supera Krummenacher per la 4° posizione. Sofuoglu si porta ancora davanti a Jacobsen e si riprende la prima posizione. Zanetti perde il posteriore e va largo, scivola 12°
1/18: Cluzel fa i numeri! Li infila tutti alla fine del rettilineo e si porta primo! Si mescolano dunque le posizioni di testa, con Sofuoglu che è ora quarto dietro a Jacobsen e Krummenacher. Lo svizzero, dopo qualche curva, supera Cluzel e si porta in testa
2/18: sul rettilineo Jacobsen supera Cluzel, entrambi superano Krummenacher. Momenti intensi già nei primi giri! Baldolini stacca il giro veloce con 1’34”251. Caricasulo cede la 5° posizione ad Anthony West.
3/18: a fine rettilineo Caricasulo passa sia West sia Sofuoglu senza problemi. Molto veloce la MV di Cluzel (275 kmh). West e Caricasulo combattono ed entrambi superano Krummenacher, che ora è 5° davanti al turco
4/18: Jacobsen supera Cluzel sul lungo curvone dopo il rettilineo, con Caricasulo che viene ancora superato da Krummenacher. Rimane terzo West sulla Yamaha R6. Penalità inferta proprio all’australiano che deve ridare due posizioni.
5/18: West legge il cartello e restituisce addirittura 3 posizioni: ora è lo statunitense Jacobsen a guidare la corsa, seguito da Cluzel e Krummenacher. Proprio lo svizzero viene subito sorpassato da West che vuole riprendersi la testa della corsa. Intanto Baldolini supera Caricasulo, agguantando la sesta posizione.
6/18: Kenan Sofuoglu, che nel frattempo è quarto, riduce il gap con West (3°). Proprio West, alla curva 4, supera Cluzel e si porta alle spalle di Jacobsen (1°), ma il francese non ci sta. In una sola curva si rimescolano tutte le carte! Pirimo West, secondo Cluzel e terzo Jacobsen
7/18: Zanetti (6°) giro record con 1’34”152. Intanto la bagarre tra il 2° e 3° posto continua senza esclusione di colpi! Il distacco tra il primo e il 8° è di 7 decimi
8/18: Cluzel stacca West e comanda la gara, mentre Jacobsen scivola in terza posizione. Baldolini supera Sofuoglu: 4° posizione per l’italiano! Ma Sofuoglu non ci sta, e supera sia Jacobsen sia Baldolini
9/18: Zanetti attacca Baldolini. Errore di Cluzel che va largo alla curva 2 e la sua uscita di strada termina contro le barriere! Ma riparte. Intanto Caricasulo e Zanetti si toccano: è il secondo pilota MV che ha la peggio, gara finita per lui. Nel frattempo Sofuoglu combatte con il coltello tra i denti per difendere la prima posizione
10 - 11/18: I primi 4 piloti al comando continuano a scambiarsi le posizioni (Jacobsen, Sofuoglu, Krummenacher e West). Intanto Gino Rea porta la sua MV Agusta in 5° posizione! Cluzel, ora 21°, il francese sta cercando di rimontare a tutti i costi
12/18: a 6 giri dal termine Sofuoglu gira 4 decimi di secondo più veloce di tutti, e inizia a staccarsi dal resto del gruppo. Intanto viene segnalato inizia a cadere la pioggia sul circuito di Phillip Island! Nel frattempo è ancora bagarre tra West, Jacobsen, Krummenacher e Baldolini
13/18: La carena di West balla leggermente, forse in seguito a qualche contatto, ma l’australiano non si ferma e si porta in 4° posizione. La pioggia pare si sia interrotta, considerando che i piloti non hanno abbassato il ritmo.
14/18: Il vantaggio di Sofuoglu è sceso a 8 decimi, e probabilmente le gocce hanno ri iniziato a scendere in pista, considerato che proprio il pilota turco ha rallentato di quasi un secondo il suo ritmo .Caricasulo, ora 4°, si difende dagli attacchi di Jacobsen. 7° Gamarino, mentre Baldolini è 8. Roberto Rolfo fenomenale: ora occupa la posizione numero 10, ricordiamo che è partito 22esimo.
15/18: Sofuoglu mantiene gli 8 decimi di vantaggio, con Krummenacher che si porta alle spalle del campione in carica. West (3°) e Caricasulo si danno battaglia. ATTENZIONE: CADUTA DI SOFUOGLU!! Il Turco ha perso il posteriore nel secondo settore del circuito!! La gara perde così un grande protagonista, out per un problema alla gomma posterore: si è staccato un pezzo di battistrada!
16/18: Krummenacher ora è primo, a 1,4 secondi di vantaggio da West e Caricasulo. Jacobsen riprende il ritmo e si porta dalla 6° alla 4° posizione. La pioggia inizia a scendere più consistentemente.
17/18: West ha preso slancio per la seconda posizione, ma caricasulo si difende bene. Baldolini e gamarino sono 6° e 7°. Caricasulo va largo nel secondo settore e cede la posizione a jacobsen e west. Ma Caricasulo si riprende la 3° posizone! Cade purtroppo Kyle Smith. 
Bandiera a scacchi: Krummenacher vince la prima gara stagionale, e Caricasulo agguanta il secondo gradino del podio con una splendida volata finale beffa West. Quarto Christian Gamarino, quinto Jacobsen.

Cade Sofuoglu, Krummenacher vince. Volata finale di Caricasulo: 2° davanti a West. Rolfo rimonta 14 posizioni

Una gara che ha tenuto con il fiato sospeso fino alla fine! Complice la caduta di Kenan Sofuoglu (in quel momento in testa e caduto per il distacco di un pezzo di battistrada della gomma posteriore, che potete vedere cliccando qui) al 15° giro, la prima vittoria della stagione se la porta a casa il suo compagno di squadra, l’esordiente Randy Krummenacher. Anthony West, in qualità di Wild card, viene beffato sulla linea del traguardo da uno spettacolare Federico Caricasulo, che conquista il secondo gradino del podio davanti al più esperto australiano. PJ Jacobsen (5° posto) chiude la prima gara stagionale tra due italiani: Christian Gamarino (4°) e Alex Baldolini (6°). Settimo piazzamento per Gino Rea che precede il ceco Ondrej Jezek. Chiudono la top 10 le due MV Agusta F3 guidate da Roberto Rolfo e Aider Wagner. Segnaliamo che proprio Roberto Rolfo è stato autore di una splendida gara: partito dalla 22° casella, ha rimontato ben 14 posizioni! Per quanto riguarda le MV Agusta ufficiali, Cluzel chiude 17° a causa di un errore che l’ha portato sul ghiaione esterno della curva 2, mentre Zanetti ha dovuto ritirarsi in seguito ad un contatto fortuito con Caricasulo a metà gara. Oltre all’italiano della MV, non terminano la gara Kyle Smith, il compagno di squadra Okubo, Kenan Sofuoglu e Kane Burns. 

SSP 2016, PHILLIP ISLAND: RISULTATI GARA

SSP 2016, PHILLIP ISLAND: CAMPIONATO PILOTI

Posizione Pilota Moto Punti
1 R. KRUMMENACHER KAWASAKI 25
2 F. CARICASULO HONDA 20
3 A. WEST YAMAHA 16
4 C. GAMARINO KAWASAKI 13
5 P. JACOBSEN HONDA 11
6 A. BALDOLINI MV AGUSTA 10
7 G. REA MV AGUSTA 9
8 O. JEZEK KAWASAKI 8
9 R. ROLFO MV AGUSTA 7
10 A. WAGNER MV AGUSTA 6
11 N. TEROL MV AGUSTA 5
12 G. SCOTT HONDA 4
13 Z. KHAIRUDDIN KAWASAKI 3
14 A. PHILLIS HONDA 2
15 M. LEVY YAMAHA 1

SSP 2016, PHILLIP ISLAND: CAMPIONATO COSTRUTTORI

Posizione Casa Costruttrice Punti
1 KAWASAKI 25
2 HONDA 20
3 YAMAHA 16
4 MV AGUSTA 10
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli