12 February 2016

Alex De Angelis torna in pista con l'Aprilia RSV4

Dopo il brutto incidente dello scorso anno, Alex De Angelis è risalito in sella solo nei giorni scorsi. Il pilota sanmarinese è sceso in pista al Motorland di Aragon con l’Aprilia RSV4, moto con la quale difenderà i colori del Team Ioda Racing nel Campionato Mondiale Superbike 2016. Le prime impressioni del pilota e i dubbi sulla gara di Phillip Island

ALEX DE ANGELIS TORNA IN PISTA

Lo scorso ottobre, durante la quarta sessione delle libere del Gran Premio di Motegi, Alex De Angelis incappò in un terribile incidente che gli provocò diverse fratture e i traumi interni. All pilota sanmarinese è toccato quindi un lungo inverno di riposo, per cercare di tornare in forma al 100% per l’avvio della nuova  stagione. In questi quattro mesi di pausa forzata per Alex c’è stato il passaggio dalla MotoGP alla Superbike. Nel 2016 infatti il pilota sanmarinese difenderà i colori del Team Ioda Racing nel massimo campionato delle derivate di serie. Al suo fianco ci sarà il vincitore lo scorso anno della Superstock 1000 FIM Cup, Lorenzo Savadori.
Nei giorni scorsi per Alex è arrivato il momento della prima presa di contatto con la RSV4 RF. I test sarebbero dovuti durare due giorni, ma dopo qualche giro in pista nella prima giornata di prove, al Motorland di Aragon (dove è scesa in pista anche la nuova MotoGP di Noale RS-GP 16), il maltempo ha rovinato i piani del Team. Le prime ore della mattinata del secondo giorno Alex le ha passate ai box, a causa della pioggia intensa. De Angelis è riuscito a scendere in pista solo più tardi, quando la pista si è lentamente asciugata, e ne ha approfittato per compiere qualche giro con le Pirelli Rain, coperture da lui mai utilizzate, ricavandone buone sensazioni. Nel pomeriggio, con la pista sempre più asciutta, Alex è riuscito a compiere una decina di giri con le gomme slick, facendo registrare il suo miglior tempo all’ultimo passaggio. I tempi non sono stati divulgati, ma per Alex non si è trattato di un test alla ricerca della prestazione massima, ma piuttosto di prove utili a togliere un po’ di ruggine e verificare le sue condizioni fisiche dopo la lunga pausa. Alex si dice soddisfatto dei riscontri che ha avuto e pensa che non avrà nessun problema ad affrontare la lunghezza di una gara. Appuntamento ora in Australia per gli ultimi test (23-23 febbraio) prima del via della stagione, che avverrà il 27 febbraio sul circuito di Phillip Island (qui il calendario completo, qui la entry list dei piloti partecipanti).

"VADO IN AUSTRALIA SERENO", anche se...

Queste le parole di Alex De Angelis dopo i test: "Aprilia mi ha dato l'opportunità di provare questa moto e ho subito accettato, per me era importante scendere in pista dopo quattro mesi di pausa. Sulle mie condizioni fisiche posso dire poco perché ho fatto solo trenta giri in due giorni, non sono riuscito a mettere il mio fisico proprio alla prova. È comunque stato importante togliere un po' di ruggine. Negli ultimi minuti, quando la pista era leggermente asciutta, almeno da poter usare le slick, ho fatto dieci giri consecutivi senza fermarmi. Vado sereno in Australia con l'idea sicura che posso fare un week end di gara normale. Per girare non dovrei avere nessun problema, bisognerà capire quanto mi potrà penalizzare in termini di resa, il problema che ho al braccio (nella botta, i nervi ne hanno risentito, così il bicipite destro non ha molta forza, ndr), e dovrò vedere se riuscirò ad essere competitivo dall'inizio alla fine. Ho girato per la prima volta in assoluto con le Pirelli e il mio feedback è molto positivo. Si tratta di una gomma che si muove leggermente di più rispetto a quella della MotoGP e che quindi ti mette subito a tuo agio perché ti fa capire di più il limite della moto. Parto per l'Australia più tranquillo dopo questa prova, mi dispiace solo non aver potuto fare dei test per arrivare veramente in forma e competitivo. Sappiamo bene che per noi il week end dell'Australia sarà un test, quello della Thailandia anche, e oltretutto non conosco il tracciato. Secondo me il nostro Campionato inizia al Motorland di Aragon, dove arriverò in una pista che conosco e con qualche chilometro alle spalle, a quel punto si potrà iniziare veramente a spingere”.

Al di là delle dichiarazioni improntate all'ottimismo, per via della soddisfazione dovuta al ritorno in moto e alla consapevolezza di Alex di essere ancora "capace", il problema al braccio non è da sottovalutare, dato che nelle curve a destra il pilota deve forzare col corpo a causa della limitata forza che riesce ad imprimere al manubrio. Phillip Island non è pista facile, anche se la maggior parte delle curve sono a sinistra, e di tempo per prepararsi De Angelis ne ha davvero poco, tanto più che non conosce affatto la moto e le gomme. Una decisione verrà presa dopo i primi giorni di test pre gara in Australia (da lunedì 22 febbraio), quando De Angelis proverà a chiarire a se stesso e al team il proprio stato di forma. L'ipotesi peggiore per il sanmarinese, nel caso il braccio non dovesse essere ancora a posto, è di saltare la gara a Phillip Island, sostituito dal pilota Efren Vasquez, pilota Ioda in Moto2 (ma anche lui non esperto della SBK e della RSV4, provenendo dalla Moto3). Ma si prospetta addirittura un forfait doppio (Australia e Thailandia), con rientro per la prima tappa europea, al Motorland Aragon. 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA