di Fabio Meloni - 05 marzo 2019

KTM 790 Adventure: il test su strada

Abbiamo provato su strada la nuova KTM 790 Adventure. Vi diciamo come va e vi sveliamo i pregi e i difetti della moto
1/9 KTM 790 Adventure

"Base" o R, a voi la scelta

Delle nuove KTM 790 Adventure e Adventure R sapete ormai tutto, ma facciamo un ripasso: qui trovate tutte le caratteristiche e la scheda tecnica, qui il prezzo e qui un video. Se, invece, volete andare dritto al sodo vi diaciamo solo che sono spinte entrambe dal bicilindrico parallelo LC8c di 799 cc, che già equipaggia la 790 Duke, ma ottimizzato per questo modello. In questa configurazione il propulsore è in grado di erogare 95 CV a 8.000 giri/min. a ha una coppia massima di 88 Nm a 6.600 giri/min. ll motore viene anche sfruttato dal telaio in acciaio cromo-molibdeno, con funzione di irrigidimento. Il serbatoio è stato posizionato nella parte bassa della moto, per abbassarne il baricentro; questo ha una capacità di circa 20 litri. L'impianto frenante si avvale di doppio disco anteriore di 320 mm con pinza radiale a 4 pistoncini, il disco singolo posteriore è da 260 mm ed è stretto da una pinza a 2 pistoncini. La nuova 790 Adventure è equipaggiata con una coppia di sospensioni WP, forcella e mono (regolabile nel precarico) hanno 200 mm di escursione; la sella, su due livelli, è posta a 830-850 mm dal suolo. I cerchi sono a raggi, da 21" ant. e 18" post. Il peso a secco è di 189 kg.

Ad affiancare la versione "standard" c'è anche la più specialistica "R", che si differenzia per sospensioni ad escursione maggiorata (240 mm al posto di 200), sella piatta, cupolino corto e più luce a terra (263 mm vs 233). Crescendo l'escursione delle sospensioni cresce, ovviamente, anche l'altezza della sella, che arriva a 880 mm. Differente anche il mono, sulla R troviamo un WP PDS, completamente regolabile. Non cambiano i cerchi, ma cambiano le gomme di primo equipaggiamento, che su questa versione sono le Metzeler Karoo 3.

Saliamo in sella!

Su strada con la 790 Adventure

La prima sensazione è che… è tutto inconfondibilmente KTM. La posizione di guida è perfetta; il manubrio ha una larghezza e un’altezza tali per cui ci si siede con la schiena dritta, lo sguardo in avanti e le braccia né troppo distese, né troppo angolate. La sella è duretta, piatta, e abbastanza larga. Le gambe avvolgono una vita stretta e ben sagomata; il suo particolare serbatoio non influenza l’ergonomia. La frizione offre alla leva una resistenza lieve ed è ben modulabile, l’acceleratore gestisce una risposta al gas precisa, il cambio ha innesti corti e poco contrastati (il quickshifter elettronico bidirezionale optional è forse il migliore della categoria), i freni sono modulabili tanto quanto potenti.

Su strada la coppia di cerchi 21”-18”, ma soprattutto la ruota anteriore, restituiscono al pilota un feeling impareggiabile e rendono la discesa in piega e i cambi di direzione gradevolmente “rotondi”. La 790 impreziosisce il tutto con una maneggevolezza superiore a quella che ci si aspetta da una moto con le sue caratteristiche; questo grazie al posizionamento del serbatoio, che distribuisce il peso più in basso. Nel complesso la moto trasmette una rassicurante sensazione di rigore e regala una briosa prontezza nell’eseguire le manovre. Alzando un po`il ritmo, in percorrenza c’è tanto appoggio e luce a terra abbondante, l’avantreno trasmette sensazioni molto rassicuranti. Alle alte velocità l’inerzia nei cambi di direzione diventa consistente ed è quindi necessario accompagnare le manovre applicando una certa forza al manubrio e usando opportunamente il peso del corpo. Nella guida sportiva i più esigenti rimpiangeranno l’assenza dei registri della frenatura idraulica. L’assetto è un valido compromesso, ma sul veloce, risulta un po’ sfrenato nella prima parte di escursione, con conseguente lieve sensazione di galleggiamento in piega e all’apertura del gas.

Anche il motore è 100% Kappa. Ai bassi e medi ha un’erogazione fluida e decisa e una gran bella elasticità. Nella parte alta del contagiri invece questo twin ha un caratterino tutto pepe che lo rende probabilmente il più coinvolgente della sua categoria. Non fastidiose le vibrazioni, in particolare quando si viaggia a velocità costante. La 790 è una compagna di viaggio più che valida, anche per via di una protezione aerodinamica davvero molto buona: casco, spalle, braccia e gambe sono efficacemente riparati.

Cliccate qui per le prime impressioni di guida in off road; il test completo della KTM 790 Adventure, con interviste e approfondimenti, lo trovate su Motociclismo di marzo, in edicola in questi giorni.

Scheda tecnica KTM 790 Adventure e KTM 790 Adventure R 2019

KTM 790 Adventure KTM 790 Adventure R
MOTORE
Motore Bicilindrico parallelo, 4 tempi, DOHC
Cilindrata 799 cc
Alesaggio/Corsa 88/ 65.7 mm
Potenza 95 CV a 8.000 giri/minuto
Coppia 73,5 Nm a 6,500 giri/minuto
Rapporto di compressione 12,7: 1
Avviamento / Batteria Elettronico / Ioni di litio 12V 10Ah
Trasmissione 6 marce
Iniezione DDK Dell’Orto (corpo farfallato 46 mm)
Valvole 8V / OHC
Lubrificazione Lubrificazione a pressione con 2 pompe olio
Rapporto di trasmissione primario 39:75
Rapporto di trasmissione finale 16:45
Raffreddamento A liquido con scambio olio/acqua
Frizione Frizione antisaltellamento PASC, comando a cavo
Iniezione Elettronica Bosch EMS con Ride-by-wire
Traction Control MTC (3 modalità + rally mode, disinseribile)
CICLISTICA
Telaio Telaio a traliccio in acciaio al cromo-molibdeno, verniciato a polvere, motore come elemento stressante
Telaietto Telaio a traliccio in acciaio al cromo-molibdeno verniciato a polvere
Manubrio Alluminio, conico, Ø 28/22 mm
Sospensioni anteriori WP USD Ø 43 mm WP USD Ø 48 mm
Sospensione posteriore Monommortizzatore WP Monommortizzatore WP PDS
Escursione sospensioni (ant./post.) 200/200 mm 240/240 mm
Freno anteriore Doppio disco anteriore con pinza radiale a 4 pistoncini, diametro disco Ø 320 mm
Freno Posteriore Pinza flottante monoblocco Brembo, disco freno Ø 260 mm
ABS Bosch 9.1 MP (incl. ABS di curva e modalità offroad, disinseribile)
Cerchi anteriori/posteriori Ruote a raggi con cerchi in alluminio, 2,50 × 21 "/ 2,50 × 18"
Ruote anteriori, posteriori 90/90 21”, 150/70 18”
Catena X-Ring 5/8 × 1/4 "
Silenziatore Silenziatore primario e secondario in acciaio inossidabile
Inclinazione cannotto di sterzo 64.1° 63.7°
Passo 1.509 mm 1.528 mm
Corsa 107,8 mm 110,4 mm
Altezza da terra 233 mm 263 mm
Altezza sella 850/830 mm 880 mm
Capacità serbatoio circa. 20 litri
Peso a secco circa. 189 kg

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove