Aprilia Tuono 660 2021: come va, pregi e difetti

Abbiamo messo alla prova la naked di media cilindrata della Casa di Noale derivata dalla base tecnica della RS 660. Il motore è il bicilindrico frontemarcia di 660 cc della sportiva, ma addolcito. Ecco le prime impressioni di guida, con i pregi e i difetti della moto

1/123

1 di 3

Ormai la conoscete bene tutti, la Aprilia Tuono 660 è la naked di media cilindrata è derivata dalla base tecnica della RS 660. Il motore è il bicilindrico frontemarcia di 660 cc della sportiva, ma addolcito. Cala di poco il valore di potenza: 95 CV contro i 100 CV della RS, mentre il picco di coppia si conferma di 67 Nm. Identico il peso in ordine di marcia: 183 kg. Il telaio che abbraccia il motore resta il doppia trave in alluminio, che lavora abbinato a un forcellone in alluminio pressofuso. Dal punto di vista ciclistico troviamo sospensioni Kayaba, ma con un setting dedicato. Inedito l’offset della piastra forcella, per adattarsi alla guida con manubrio rialzato. I freni sono Brembo con, all’anteriore, pinze a 4 pistoncini ad attacco radiale che lavorano con dischi di 320 mm di diametro.

Di prim’ordine l’elettronica, con sistema APRC, ride by wire, sistema antiwheelie, cinque mappe motore (tre per la strada, due pensate per la pista), traction control regolabile e cruise control. Tutte le informazioni di bordo sono gestibili attraverso la strumentazione TFT a colori identica a quello della RS 660.

Ma per tutti i dettagli della nuova Aprilia Tuono 660 vi rimandiamo al nostro articolo di presentazione, ora è il momento di salire in sella. Nelle pagine successive trovate le prime impressioni di guida, con i pregi e i difetti della moto, e il suo prezzo.

1/26

Aprilia Tuono 660 2021

Avete presente la storia della coperta corta? Capita così che una moto sportiva sacrifichi il comfort, che una compatta sia poco abitabile, che una media facile non regali emozioni. Tira qua, scopri là, è sempre la stessa storia. Ebbene, a Noale hanno trovato il modo di fare la coperta abbastanza lunga per soddisfare tutti. Perché la Tuono 660 è sì una naked sportiva capace di emozionare, con un motore bello corposo ai medi ed esaltante quando si avvicina al limitatore, ma anche lucidissimo e progressivo nell'erogazione. E il sound? Magico. Galvanizza e non spacca i timpani, con quel timbro vigoroso che ti fa venir voglia di giocare col gas anche solo per sentirlo cantare. L'elettronica, poi, è raffinatissima. È la stessa della RS 660, quindi adatta sia alla guida disimpegnata, dove assiste il pilota con livelli di sicurezza attiva alla massima allerta, sia ai turni in pista, dove il pilota può configurare a piacimento (o escludere del tutto), controllo di trazione e ABS.

La seduta è splendidamente conformata, sostiene bene nella guida aggressiva e non spacca il fondoschiena quando si va a passeggio. L'ergonomia è accogliente per gli spilungoni come me, ma anche i brevilinei toccano terra con facilità e non devono distendersi troppo per raggiungere il manubrio, su cui sono caricati moderatamente i polsi. Le sospensioni sostengono la guida sportiva, ma – nel setting standard – digeriscono in maniera più che discreta l’asfalto martoriato, senza trasmettere troppi scossoni alla schiena. La ciclistica, poi, segue il solco della tradizione Aprilia. È svelta e immediata, la maneggevolezza è al top senza mai perdere neutralità anche nelle curve a raggio stretto. L'avantreno è solido e trasmette tanta sicurezza. Gli aspiranti piloti sono soddisfatti e i più tranquilli guidano a cuor sereno.

Difetti? Faccio fatica a trovarli, in questa prima presa di contatto. Ma punto il dito sulle vibrazioni alle pedane, chiaramente avvertibili pur senza essere mai davvero fastidiose. E la protezione aerodinamica: il cupolino che sovrasta i fari LED non fa molto per deviare l'aria. Protegge la parte bassa del busto, ma petto e spalle restano in balia del vento.

1/3

La nuova Aprilia Tuono 660, disponibile in tre colorazioni, nero "Concept Black", grigio "Iridium Grey" e giallo "Acid Gold", è in vendita a 10.800 euro c.i.m*. Come per la sportiva RS, anche la Tuono è disponibile in versione depotenziata a 35 kW per neopatentati.

*: il prezzo presente in questo articolo è da considerarsi con la formula “chiavi in mano”, comprensiva di “messa in strada”, che Motociclismo quantifica in 250 euro.

1/26

Aprilia Tuono 660 2021

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli