20 June 2013

Radical Ducati – F3: da stradale anni 60 a racing

Pepe, patron della spagnola Radical Ducati, ci ha abituati a special di elevato contenuto tecnologico, ispirate sempre al mondo delle corse. Con questa sua ultima preparazione non ci delude, pur facendosi anche lui avvincere dal fascino dello stile rétro

Radical ducati – f3: da stradale anni 60 a racing

La base di questa straordinaria special, la Radical - F3, rimane una Ducati (ovviamente!), ma questa volta si tratta di una piccola e “vecchia” 125 TS del 1963, una tranquilla monocilindrica stradale, dotata però di un motore eccezionalmente bello, profondamente modificato per dargli nuova grinta con componenti di un 250 corsa corta: pistone ad alta compressione, testa ribassata, albero motore alleggerito, camme racing, valvole maggiorate, doppia accensione… Ad alimentarlo ci pensa un carburatore Amal da 32 mm e allo scarico c’è un sonoro trombone artigianale.

 

CICLISTICA SCONVOLTA

Il motore è appeso ad uno striminzito telaio che è stato opportunamente modificato per trasformare la sospensione posteriore in Cantilever, in luogo di quella tradizionale a doppio ammortizzatore. La ciclistica è sconvolta anche all’avantreno, dove compare una forcella a steli rovesciati proveniente da una Derbi GPR 50. Della moto spagnola è anche il grosso freno a disco, abbinato ad una pinza ad attacco radiale. Al posteriore invece c’è un tamburo di una Ducati 250.

 

Completa tutto un’estetica semplice e attillata, caratterizzata dal bel serbatoio di una Ducati 160 Sport degli anni Sessanta. Vi piace? Allora conviene dare un’occhiata al sito www.radicalducati.com e lasciarsi ispirare… Se poi volete esagerare sfogliate la gallery delle special più belle del mondo

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA