MV Agusta Rivale: debutta al Salone di Milano

Linea futuristica e l’ottima base tecnica della Brutale 800: la prima motard secondo MV Agusta si chiamerà Rivale, arriverà a Eicma 2012 e, ve lo diciamo noi, costerà meno di 11.000 euro

Mv agusta rivale: debutta al salone di milano

MV Agusta Rivale: l’avete vista sulla copertina di Motociclismo di novembre, ora approfondiamo il discorso addentrandoci nella tecnica. Prima però un accenno al design. Il bozzetto è per definizione provvisorio, quindi la versione definitiva della nuovissima motard MV Agusta che vedremo a Eicma 2012  tra pochi giorni potrebbe anche presentare qualche differenza.

SNELLA DOVE SERVE
Per quel che si può vedere, il manubrio è ampio e la carrozzeria sinuosissima, con il serbatoio che avanza sulla ruota anteriore e i codone panciuto, con qualche reminescenza Diavel e lo spoilerino finale in stile cross. Gli ampi volumi frontale e di coda sono separati da un vitino di vespa, indispensabile per muoversi in sella nella guida sportiva. La protezione aerodinamica non ci interessa (accettiamo giusto una palpebra optional per l'estetica) ma restano da vedere le soluzioni che saranno adottate per l'omologazione. Pensiamo in particolare ai retrovisori, visto che il problema del portatarga e degli indicatori di direzione è stato brillantemente risolto con il braccio a sbalzo imbullonato al forcellone.

SOTTO SOTTO È BRUTALE
La base sarà senza dubbio quella della nuova Brutale 800 (qui l’anteprima), un insieme di soluzioni tecniche adatte a una moto da divertimento perché agile e leggera e spinta da un motore potente, scattante e ben più snello del  4 cilindri della F4. Quindi ci sarà il tre cilindri MV maggiorato a 798 cc grazie all'aumento della corsa da 45,9 a 54,3 mm, più potente di ben 15 CV rispetto Al 675 (125 CV in totale) e molto ben dotato in termini di coppia (81 Nm invece di 65 e 3.400 giri più in basso!). Sarà raffreddato con due radiatori (uno dell'acqua e uno dell'olio), sale il rapporto di compressione, da 12,3:1 a 13,3:1, e probabilmente saranno rivisti anche i rapporti visto che il nuovo motore tira (e gira) sensibilmente più in basso.

ELETTRONICA AL TOP
L'elettronica si presume sarà la stessa della F3, quindi centralina Eldor, tre iniettori, corpi farfallati Mikuni full ride-by-wire e bobina con rilevatore di scoppio e detonazione. Mette a disposizione quattro mappe e traction control a otto livelli.

PESO SOTTO I 165 KG
Una motard deve essere scattante sul misto, e quindi si può ipotizzare un ritocco al traliccio per avere quote più agili; le piastre posteriori, per economia di scala, saranno invece le stesse della naked. Le stesse considerazioni valgono per la ciclistica, quindi ci sarà la nuova forcella Marzocchi completamente regolabile e con steli di 43 mm con una novità: la separazione del freno idraulico, estensione in uno stelo,compressione nell'altro. L'impianto frenante, a doppio disco con pinze Brembo radiali viste le ultime tendenze di mercato non è da escludere sarà equipaggiato con l'ABS, ma con l'indispensabile possibilità di escluderlo. I cerchi, dal canale di 3,50" e 5,50", calzeranno coperture di taglio sportivo. Fatto un parallelo con l'attuale Brutale possiamo ipotizzare che il peso resterà entro i 165 kg a secco. Cliccate qui per tutti i dati tecnici della Brutale 800.

Il prezzo? Noi prevediamo che sarà mantenuto sotto gli 11.000 euro. La brutta notizia è che probabilmente al Salone vedremo solo un prototipo, mentre la produzione dovrebbe iniziare nel 2014.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA