Yamaha MotoGP: un tecnico della SBK per risolvere i problemi

La Casa di Iwata si affida all’ingegnere elettronico della sua scuderia SBK per risolvere i problemi che attanagliano la M1
1/18 MotoGP 2018, Red Bull Ring: Alvaro Bautista - Ducati

Un aiuto dal Team Pata

Il team Movistar Yamaha MotoGP punta a risolvere i problemi al software di gestione della M1 di Rossi e Viñales con Michele Gadda, ingegnere elettronico del team Pata WorldSBK ed ex Ducati. Gadda sarà a Misano insieme ai piloti questa domenica, dove si terrà una sessione di test privati alla quale parteciperanno anche Ducati, Aprilia, Suzuki e LCR Honda, per aiutare i tecnici a risolvere le difficoltà che impediscono ai piloti di essere competitivi. Michele Gadda ha già lavorato con Silvano Galbusera, attuale capo tecnico di Valentino Rossi, passando poi nel 2013 al box Ducati in Superbike. Dal 2017 è tornato in Yamaha con il team Pata, lavorando allo sviluppo elettronico della YZF-R1 in un campionato che, al contrario della MotoGP, non ha un pacchetto elettronica unificato, ma ogni casa può dedicarsi allo sviluppo. Grazie anche al lavoro di Gadda, il team dei tre diapason nelle derivate di serie ha già raccolto alcuni importanti successi con Michael Van Der Mark e Alex Lowes.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA