03 April 2011

MotoGP 2011, Jerez: in Moto2 vince Andrea Iannone. Sul podio anche Corsi

Gara bagnata e combattuta dall’inizio alla fine. Soddisfazione tricolore con due italiani sul podio, Iannone primo e Corsi terzo

Motogp 2011, jerez: in moto2 vince andrea iannone. sul podio anche corsi

Andrea Iannone stravince nella Moto2 a Jerez e si piazza in testa al Mondiale. Si conferma una categoria sempre divertente che anche in questa seconda tappa ha mostrato continui sorpassi e cadute, complice anche la pioggia. Il podio tricolore (Iannone primo e Corsi terzo), peraltro, è una grande soddisfazione per l’Italia che in 125 non è molto rappresentata.

 

Bella partenza pulita per la Moto2 a Jerez e Thomas Luthi si porta subito in seconda posizione infastidendo da vicino Bradley Smith. Nel frattempo, grande e veloce rimonta per Simone Corsi: doppio sorpasso in un colpo solo e subito dopo un altro e poi ancora in un unico passaggio si prende la prima posizione beffando i due contendenti, Luthi e Smith. Ne approfitta Luthi che si piazza secondo davanti a Smith.

 

Nel frattempo risale Andrea Iannone, mentre continui sorpassi mischiano le prime posizioni vedendo protagonisti Takahashi e Corsi che battagliando fra di loro lasciando sempre più margine a Iannone e Luthi. Il giapponese, però, si trova a perdere la terza posizione finendo a terra nella ghiaia a 17 giri dal termine. Un giro dopo, Cluzel tampona in staccata Marquez ed entrambi finiscono a terra. Ha la peggio lo spagnolo che nei primi momenti dopo l’incidente sembrava star male.

 

La corsa verso la vittoria di Andrea Iannone fa un passo in avanti a meno 13 giri dal termine con il sorpasso su Luthi. Poi, pur mantenendo lo stesso passo, il pilota campano comincia a prendere decimi sul secondo.

 

Brutta gara per Alex De Angelis che prende un ride through a causa di una partenza anticipata e finisce così relegato nelle retrovie ma poi diventa protagonista di una rimonta spaventosa chiudendo settimo.  

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA