Paura per Davies in Gara 1 dopo lo scontro con Rea

Mondiale Superbike 2017, Misano: dopo l'incidente tra Rea e Davies, AGGIORNAMENTO sulle condizioni di salute del pilota Ducati. La vittoria va a Sykes, VD Mark strepitoso ma sfortunato, Yamaha sorride poi con Lowes. Melandri getta via il podio, MV Agusta..."rimandata", male Aprilia
L'incidente tra Davies e Rea

Le condizioni di salute di Chaz Davies

Chaz Davies sdraiato su un lettino dell'ospedale di Rimini
Un grande spavento per Chaz Davies all'ultimo giro di Gara 1: dopo essere scivolato all'uscita della curva del Carro, il gallese è caduto dalla sua Panigale R ed è rimasto nella traiettoria di un incolpevole Jonathan Rea, che non ha potuto evitare l'impatto con il ducatista. La Kawasaki numero 1 è passata con entrambe le ruote sopra il busto di Davies, che in un primo momento si è rialzato per riprendere la moto ma poi si è portato a bordo pista. Dopo che i medici hanno accertato un trauma toracico, è stato portato all'Ospedale di Rimini per effettuare analisi più approfondite. Ne è risultato che il pilota gallese ha sofferto, oltre ad un trauma toracico, la frattura della terza vertebra lombare L3 ed una contusione al pollice sinistro. Davies salterà sicuramente Gara 2 ed è in dubbio la sua presenza al round 8 del Mondiale, in programma il 7-9 luglio a Laguna Seca

Mondiale Superbike 2017, Misano: risultati Gara 1

Pos Pilota Moto Gap Giro Veloce
1 SYKES Tom Kawasaki ZX-10RR LEAD 1'35”667
2 LOWES Alex Yamaha YZF R1 4”551 1'35”559
3 REA Jonathan Kawasaki ZX-10RR 8”126 1'35”403
4 TORRES Jordi BMW S 1000 RR 10”850 1'36”054
5 FORÉS Xavi Ducati Panigale R 13”649 1'36”039
6 LAVERTY Eugene Aprilia RSV4 RF 20”508 1'35”874
7 KRUMMENACHER Randy Kawasaki ZX-10RR 22”498 1'36”490
8 RAMOS Román Kawasaki ZX-10RR 26”329 1'36”536
9 SAVADORI Lorenzo Aprilia RSV4 RF 28”965 1'36”584
10 DE ROSA Raffaele BMW S 1000 RR 32”171 1'36”681
11 CAMIER Leon MV Agusta 1000 F4 38”314 1'35”829
12 DE ANGELIS Alex Kawasaki ZX-10RR 39”829 1'37”010
13 BADOVINI Ayrton Kawasaki ZX-10RR 50”478 1'37”366
14 JEZEK Ondrej Kawasaki ZX-10RR 55”208 1'38”201
15 MELANDRI Marco Ducati Panigale R > 1' 1'35”460
NC BRADL Stefan Honda CBR1000RR 1'37”580
RT DAVIES Chaz Ducati Panigale R 1'35”436
RT VAN DER MARK Michael Yamaha YZF R1 1'35”297
RT RUSSO Riccardo Yamaha YZF R1 1'37”805
RT MERCADO Leandro Aprilia RSV4 RF 1'36”675
RT MENGHI Fabio Ducati Panigale R 1'38”668

La gara più rocambolesca della stagione. Trauma toracico per Davies

Un fotogramma dell'incidente tra Davies e Rea
In Gara 1 parte benissimo (come sempre) Jonathan Rea, che si porta davanti a tutti alla prima curva, tuttavia c’è un Michael Van Der Mark che, dalla 5a casella, sorpassa il Campione del Mondo in carica e si porta davanti a tutti. È una prima volta sia per Van Der Mark (che non ha mai comandato una gara della Superbike) sia per la Yamaha R1, dal suo ritorno alle corse nel 2016. Alle spalle dell’olandese c’è Jonathan Rea, che cerca in ogni modo di difendersi dagli attacchi delle Ducati di Chaz Davies e Marco Melandri. Il poleman Tom Sykes occupa il 5° posto e guida in solitaria.

A 6 giri dalla fine, accade il disastro per il Team Crescent: la gomma posteriore di Michael Van Der Mark si stallona e per l’olandese il sogno della prima vittoria in SBK si spegne. La leadership, dunque, passa a Jonathan Rea, seguito come un’ombra dalle Ducati di Chaz Davies e Marco Melandri.

Quando mancano 3 giri al termine le posizioni di testa si mescolano: Chaz Davies e Marco Melandri infilano Jonathan Rea, il quale si ritrova 3° dopo un contatto. A fine giro Rea riesce a scavalcare Melandri ed è 2°: Davies ringrazia e può contare su 6 decimi che, dopo qualche settore diventano solo 2.

Nell’ultimo giro Marco Melandri cade alla curva 4 e regala il podio a Tom Sykes. Davanti invece Rea non riesce ad attaccare Davies. All’uscita della Curva del Carro, Davies (al comando) cade proprio davanti a Rea, il quale non può fare veramente nulla per evitare il gallese. Sykes e Lowes ne approfittano e passano sotto la bandiera a scacchi rispettivamente 1° e 2°, Rea riesce a rimettersi in sella e termina sul podio (3°). Bellissimo gesto del Campione del Mondo in carica, che nel giro d’onore si ferma da Chaz Davies per assicurarsi delle condizioni del rivale. Davies ha subito un trauma toracico, è cosciente ma fa fatica a respirare. Verrà portato all'ospedale di Rimini per accertamenti.

Dunque, per Tom Sykes si tratta della seconda vittoria stagionale, dopo quella di Donington, mentre Sam Lowes riesce a portare sul podio la Yamaha dopo la sfortuna del suo compagno di squadra. Per Jonathan Rea invece si tratta del podio numero 100 in carriera, alla sua 204a gara nella WorldSBK. 4° e 5° posto rispettivamente per gli spagnoli Jordi Torres e Xavi Forès. Eugene Laverty chiude al 6° posto con la migliore Aprilia, tuttavia l’irlandese agguanta questa posizione dopo 4 piloti caduti davanti a lui. 7° e 8° posto per le Kawasaki clienti guidate da Randy Krummenacher e Roman Ramos. Completano la Top 10 gli italiani Lorenzo Savadori (9°) e Raffaele De Rosa (10°). Leon Camier è 11° con la MV Agusta, a punti anche De Angelis (12°), Badovini (13°), Jezek (14°) e Marco Melandri (15°). Oltre a Davies e VD Mark, non terminano la gara Russo, Mercado e Menghi. Ritiro per Bradl, a causa di problemi tecnici alla sua Honda.

Cliccate qui per gli orari TV.

Mondiale Superbike 2017: classifica generale

POSIZIONE PILOTA MOTO PUNTI
1 JONATHAN REA KAWASAKI 276
2 TOM SYKES KAWASAKI 230
3 CHAZ DAVIES DUCATI 185
4 ALEX LOWES YAMAHA 141
5 MARCO MELANDRI DUCATI 138
6 XAVI FORÉS DUCATI 110
7 MICHAEL VAN DER MARK YAMAHA 102
8 LEON CAMIER MV AGUSTA 89
9 JORDI TORRES BMW 85
10 EUGENE LAVERTY APRILIA 68
11 ROMÁN RAMOS KAWASAKI 65
12 STEFAN BRADL HONDA 48
13 LEANDRO MERCADO APRILIA 43
14 NICKY HAYDEN HONDA 40
15 LORENZO SAVADORI APRILIA 39
16 RANDY KRUMMENACHER KAWASAKI 36
17 ALEX DE ANGELIS KAWASAKI 27
18 LEON HASLAM KAWASAKI 20
19 MARKUS REITERBERGER BMW 19
20 RAFFAELE DE ROSA BMW 18
21 AYRTON BADOVINI KAWASAKI 9
22 RICCARDO RUSSO YAMAHA 8
23 ONDREJ JEZEK KAWASAKI 8
24 JAKE DIXON KAWASAKI 7
25 JOSHUA BROOKES YAMAHA 4
26 JULIAN SIMON APRILIA 4
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli