di Beppe Cucco - 25 febbraio 2020

La Germania dichiara guerra alle moto troppo rumorose

Dopo la fase sperimentale della scorsa estate altri 80 comuni tedeschi hanno avviato una campagna contro le moto troppo rumorose. Oltre ai fonometri installati a bordo strada, sono state chieste pene più severe per i trasgressori ed è stato persino proposto il blocco alle moto nel fine settimana!

1/10

Il display luminoso avvisa in tempo reale se il livello di rumore della propria moto è entro i limiti o meno

Dopo il radar Meduse installato in Francia per monitorare il rumore emesso dai veicoli, la scorsa estate anche in Germania era stato preso un provvedimento simile: il dipartimento di polizia del Baden-Württemberg (nei dintorni di Stoccarda) aveva avviato una campagna contro il rumore emesso dalle moto, “insopportabile” a detta dei residenti della zona. Per cercare di ridurre il rumore erano stati installati lungo le strade dei fonometri, collegati a un display luminoso che avvisa in tempo reale se il livello di rumore della propria moto è entro i limiti o meno. In caso positivo il conducente viene ringraziato con un “Danke” in verde, in caso negativo compare la scritta “Laiser” in rosso, un invito ad “abbassare” il livello di rumore. Ciò dovrebbe motivare i motociclisti ad adottare uno stile di guida più prudente, rallentare il loro ritmo e guidare “più silenziosamente” per proteggere i nervi dei residenti locali…

Ora, seguendo questo esempio, altri 80 comuni tedeschi hanno deciso di avviare una campagna contro le moto troppo rumorose. Oltre a posizionare i fonometri sui percorsi motociclistici più popolari, sono state presentate alcune richieste studiate per cercare di limitare il rumore emesso dalle moto. I comuni aderenti all’iniziativa chiedono una modifica dei regolamenti di omologazione, per cercare di ridurre i livelli di rumore emessi dalle moto e obbligare i motociclisti a mantenere lo scarico originale. La proposta vuole anche sanzioni più severe per la rimozione del db killer, un maggiore monitoraggio da parte delle forze di polizia e persino dei divieti di circolazione nei fine settimana e nei giorni festivi per motivi di "protezione dal rumore". L'iniziativa vuole anche incoraggiare i motociclisti ad adottare un diverso stile di guida, in modo da generare meno rumore.

1/10

Il display luminoso avvisa in tempo reale se il livello di rumore della propria moto è entro i limiti o meno

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli