Indian Scout 2015: eredità storica, filosofia, tecnica in 4 video

Presentata a inizio agosto a Sturgis, la nuova bicilindrica di Springfield è un capitolo fondamentale della storia Indian. Tecnicamente diversa da ogni altra, non dimentica le proprie origini, nel look e nella guida (confermiamo tutto: l’abbiamo provata)

Indian scout 2015: eredità storica, filosofia, tecnica in 4 video

Forse ai non appassionati del genere la notizia può anche essere passata inosservata, ma quest’anno a Sturgis (dove si è tenuto l’annuale Motorcycle Rally: cliccate qui per la mega gallery di special e follie varie) il mondo delle moto americane ha subito un’accelerazione. I marchi Indian e Victory hanno infatti mostrato le proprie novità. Se la presentazione della luxury tourer Indian Roadmaster e della bagger Victory Cross Country Magnum tutto sommato non ha detto molto di nuovo (come del resto le nuove livree bicolori delle Indian 2015), la vera “bomba” è stata l’arrivo della nuova Indian Scout.

 

PICCOLA PER MODO DI DIRE

Di questa nuova bicilindrica di 1.200 cc raffreddata a liquido abbiamo già parlato (cliccate qui) e l’abbiamo pure già guidata. Diciamo che la definizione di “entry level” le sta un po’ stretta, ma di fatto la Scout fa il paio “concettualmente” con la Harley-Davidson Street 750, offrendo una moto dal marchio nobilissimo ma più abbordabile, per prestazioni, dimensioni e prezzo. Certo, la Indian è una 1.200 da 100 CV dichiarati (contro i 750 cc della H-D, con circa la metà della potenza) e porta un nome mitico che richiama un passato glorioso: ecco perché le due operazioni non sono del tutto sovrapponibili. Oltretutto la Harley-Davidson è maggiormente vocata all’uso utilitario, mentre la più “dimensionata” Indian ha nel proprio DNA anche i viaggi. Il nostro test, pubblicato su Motociclismo di settembre, ha detto che la Scout è una bella moto, nata bene, che conferma “in piccolo” le doti di guida delle sorelle maggiori Chief Vintage e Classic (quest’ultima è stata una delle migliori protagoniste della nostra comparativa in Puglia tutti i dettagli su Motociclismo di agosto).

 

PARLANO LE IMMAGINI

Vi lasciamo con 4 bei video ufficiali che raccontano la nuova moto a partire dalla sua antenata, spiegando cosa è rimasto di quella moto mitica e come la nuova riesca a perpetuare con orgoglio ed efficacia il nome Scout. Non può mancare la spettacolare presentazione con tanto di Muro della Morte!

 

Eredità impegnativa

 

Promo ufficiale

 

Caratteristiche principali

 

La presentazione al Muro della Morte

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli