Grandi pieghe con la nuova Ducati Monster 1200 (il video)

Ducati Monster 1200 2017: info, caratteristiche e foto della nuova versione della storica naked di Borgo Panigale: motore rivisto e più aggressivo (+15 CV), elettronica derivata dalla 1299 Panigale e look filosoficamente ispirato a quello del primo modello del 1993. Saranno disponibili anche la versione S, con sospensioni Öhlins e dettagli più raffinati, e la più sportiva R, con motore ancor più potente, assetto rialzato e numerose parti in carbonio 

DIVERTIMENTO NON STOP

ECCO I PREZZi DELLe RINNOVATe MONSTER 1200

In occasione di Eicma 2016 Ducati presenta la rinnovata gamma Monster: arriva infatti la nuova Monster 797, con bicilindrico da 803 cc raffreddato ad aria, e la versione 2017 Monster 1200, che si presenta aggiornata nuova nella forma e nella sostanza, restando fedele alle origini. Concentriamoci ora sul 1200: si tratta di un modello nuovo rispetto alla moto attualmente in listino, progettisti e designer si sono ispirati a quelle che erano le fondamenta del progetto iniziale del 1993, il concetto di “sport naked bike” (qui le foto). La nuova Monster 1200 2017 ha un serbatoio più snello, una coda ridisegnata, un inedito proiettore anteriore e una elettronica derivata da quella della 1299 Panigale. Il design della moto è fedele alle linee dell’antenata e il serbatoio in acciaio torna anche ad essere dotato del gancio di fissaggio, esattamente come la prima Monster. Questa nuova versione è equipaggiata con l’ultima evoluzione del Testastretta 11° DS, omologato Euro 4, in grado di erogare 150 CV a 9.250 giri/minuto (15 CV in più della precedente Monster 1200 e 5 CV in più del Monster 1200 S), e una coppia massima di 126,2 Nm a 7.750 giri/minuto.  Il telaio è il classico traliccio in tubi d’acciaio che sfrutta il bicilindrico Testastretta come elemento stressato della ciclistica. Al motore sono collegati il nuovo forcellone monobraccio e le inedite pedane pilota fuse in alluminio, separate da quelle del passeggero. Il pacchetto elettronico, integrato con i tre differenti Riding Mode (Sport, Touring e Urban), comprende l’Inertial Measurement Unit (IMU) che fornisce le informazioni ai sistemi Cornering ABS Bosch e Ducati Wheelie Control (DWC).
La nuova Monster 1200 sarà disponibile anche nella versione “S”, che accentua l’animo sportivo della moto, grazie ad ammortizzatori Öhlins, impianto frenante Brembo maggiorato, ruote a 3 razze a Y, parafango anteriore in carbonio, frecce a LED e faro anteriore con DRL (Daytime Running Light).

La nuova Monster 1200 sarà disponibile a partire dal mese di gennaio 2017, ai seguenti prezzi:
  • 1200 "base" - 14.240 euro
  • 1200 S rossa 17.240 euro
  • 1200 S grigia 17.140 euro

N.B: prezzi "chiavi in mano", ottenuti aggiungendo al prezzo di listino "franco concessionario" la somma necessaria per la messa in strada, che Motociclismo quantifica forfettariamente in 250 euro. Il prezzo della versione R non è ancora stato reso noto. 

ISPIRATa AL PASSATO

La nuova Monster 1200 si presenta dunque con un design aggiornato: grande attenzione è stata rivolta al serbatoio, ora più “teso” e moderno, il cui look è stato completamente rivisto, pur restando fedele all’impostazione voluta da Galluzzi nel 1993. Per sottolineare il legame col passato, si è tornati al gancio di fissaggio, realizzato in alluminio anodizzato.
La coda corta è supportata dal telaietto a traliccio in acciaio, mantiene la sella regolabile in altezza su due posizioni (795 e 820 mm) e ospita i supporti per le pedane del passeggero, ora separati da quelli pilota. Completamente ridisegnato anche il proiettore, che ora è dotato di doppia parabola e, sul Monster 1200 S, anche del DRL (Day Time Running Light). Questo nuovo proiettore ha permesso di realizzare un diverso supporto del cruscotto, che ora risulta fissato ai riser del manubrio. Questo permette un alleggerimento della parte anteriore della moto, grazie anche al riposizionamento delle frecce, che ora sono montate sotto la testa di sterzo e non più sul faro. Nuovi anche tasti del manubrio.
Ridotte e modificate anche alcune componenti in plastica, come la cover del vaso d’espansione, quella del tappo del radiatore e la protezione del collettore di scarico. 

MOTORE RIVISTO E Più POTENTE

Il motore della nuova Monster 1200 è il bicilindrico Testastretta 11° DS da 1198 cc, a 4 valvole per cilindro, raffreddato a liquido. Omologato Euro 4 è elemento strutturale della ciclistica con punti di attacco al telaio a traliccio. Questo motore regala alla moto una potenza 150 CV a 9.250 giri/minuto. Grazie al nuovo corpo farfallato e allo scarico dedicato, Ducati è riuscita poi ad ottenere una coppia massima pari a 126,2 Nm a 7.750 giri/minuto. Il 1198 Testastretta 11° DS respira attraverso corpi farfallati Ride-by-Wire Mikuni a sezione ovale con diametro di 56 mm e sfrutta due candele per ogni testa ed è raffreddato da un radiatore curvo e dotato di due ventole elettriche ad alta efficienza. La frizione è a bagno d'olio, con funzione antisaltellamento. I condotti di scarico, con sezione da 50-52 mm, fanno parte di un impianto di tipo 2-1-2, progettato con lunghezze identiche per i due cilindri. Il sistema è equipaggiato con una sonda lambda per ogni singolo cilindro per gestire l’alimentazione in modo autonomo.
Il motore Testastretta 11° DS del Monster 1200 prevede la registrazione delle valvole ogni 30.000 km.

TELAIO E CICLISTICA

La Monster 1200 ha una struttura a motore portante con il telaio principale a traliccio, con tubi di acciaio di grosso spessore, collegato alle teste del propulsore. Il forcellone del Monster 1200 è inedito, è un monobraccio realizzato in fusione in alluminio; l’interasse della moto risulta di 1.485 mm. Il telaietto posteriore reggisella, anch’esso fissato direttamente al motore, è stato ridisegnato. Gli attacchi delle pedane pilota e passeggero sono in alluminio fuso e montano pedane in alluminio; quelle del pilota sono completate dal para tacco in alluminio.
 
Sulla versione “base” troviamo una forcella Kayaba con steli da 43 mm di diametro, completamente regolabile, e un ammortizzatore Sachs al posteriore con regolazione del precarico molla e freno idraulico in estensione. La “S” vanta invece una forcella Öhlins da 48 mm di diametro a regolazione integrale con steli con trattamento TiN e ammortizzatore Öhlins completamente regolabile. Al retrotreno, l’ammortizzatore sfrutta un cinematismo progressivo e si fissa direttamente sulla testa verticale da una parte e sul forcellone monobraccio dall’altro. La “base” utilizza un ammortizzatore Sachs come elemento ammortizzante, mentre la “S” un ammortizzatore Öhlins completamente regolabile.
 
L’impianto frenante è composto all’anteriore da due pinze radiali M4.32 monoblocco Brembo a 4 pistoncini che agiscono su dischi da 320 mm di diametro, mentre la “S” utilizza pinze M50 Monoblocco Brembo e dischi da 330 mm di diametro (gli stessi della Panigale). Entrambi i modelli hanno pompe radiali per i freni anteriori e un unico disco da 245 mm di diametro al posteriore, su cui lavora una pinza Brembo dotata di pastiglie con materiale di attrito sinterizzato per aumentarne l’efficacia.
 
Il Monster 1200 è equipaggiato con cerchi in lega leggera a 10 razze, da 3.5” x 17” all'anteriore e da 6.0” x 17” al posteriore, mentre la "S" sfoggia cerchi a tre razze a Y con lavorazione supplementare a macchina e una grafica esclusiva. Entrambi i modelli montano pneumatici Pirelli Diablo Rosso III, da 120/70 all'anteriore e da 190/55 al posteriore.

ELETTRONICA AVANZATA

Entrambe le versioni della Monster 1200 sono dotate del pacchetto Ducati Safety Pack (DSP) di serie, che, grazie alla Inertial Measurement Unit (IMU) Bosch, integra l’ABS Bosch 9.1MP Cornering (settabile su tre livelli e disinseribile), il Ducati Traction Control (DTC, settabile su 8 livelli e disinseribile) e il Ducati Wheelie Control (DWC, settabile su 8 livelli).
I Riding Mode di Ducati consentendo di scegliere fra tre modalità preimpostate (Sport, Touring ed Urban), ciascuno dei quali è stato programmato per agire sul sistema elettronico Ride-by-Wire (RbW) di controllo del motore e sui livelli di intervento di ABS, DTC e DWC. I Riding Mode possono essere cambiati durante la guida, mentre il settaggio personalizzato di ABS, DTC e DWC può essere effettuato solo a moto ferma e gas chiuso.
  • Riding Mode Sport: 150 CV con una risposta diretta del Ride-by-Wire, DTC livello 3, ABS livello 2 con nessun controllo del sollevamento del posteriore e DWC livello 3.
  • Riding Mode Touring: 150 CV con una risposta progressiva del Ride-by-Wire, DTC livello 4, ABS livello 3 con controllo del sollevamento del posteriore e DWC livello 5.
  • Riding Mode Urban: 100 CV con una risposta progressiva del Ride-by-Wire, DTC livello 6, ABS livello 3 con controllo del sollevamento del posteriore e DWC livello 7. 

STRUMENTAZIONE E FARI

La Monster 1200 ha un display TFT a colori che prevede tre diverse configurazioni, denominate Core, Full e Track. In ogni visualizzazione è presente l’indicatore della marcia inserita.Nel Riding Mode Urban, il display adotta la configurazione Core, riducendo al minimo la quantità di dati, l'informazione più evidente è la velocità del veicolo. Nel Riding Mode Touring, il display passa alla configurazione Full, con la visualizzazione della massima quantità di informazioni utili durante il viaggio. Nel Riding Mode Sport, il display adotta la configurazione Track presentando solo informazioni finalizzate alla guida sportiva. Il cruscotto è personalizzabile e il pilota può sempre scegliere la modalità di visualizzazione, indipendentemente dal Riding Mode selezionato.
Il gruppo ottico anteriore utilizza una sorgente luminosa principale alogena con luci di posizione a LED a “ferro di cavallo”; la S ha proiettore caratterizzato dalla presenza di luci diurne a LED con sistema Day Time Running Light (DRL). Al posteriore entrambi le versioni hanno una illuminazione a LED integrale. La tecnologia di illuminazione a LED è applicata anche agli indicatori di direzione sulla versione S.
La Monster 1200, inoltre, dispone anche della funzione “4 frecce accese”, attivabile tenendo premuto per quattro secondi il pulsante freccia sinistra.
 
La Monster 1200 sarà disponibile nel colore Rosso Ducati, con telaio rosso e cerchi ruota neri, mentre il Monster 1200 S nelle colorazioni Rosso Ducati, con telaio rosso e cerchi ruota neri, e il nuovo Liquid Concrete Grey, con telaio nero e cerchi ruota neri.
La Casa non ha ancora fatto sapere quando la moto arriverà sul mercato e nemmeno il suo prezzo. 

MONSTER 1200 R

Il bicilindrico 1.200 cc Testastretta 11° DS si presenta in versione “R”: rispetto al motore che equipaggia il Monster 1200 S ha il 10% di potenza massima in più e una coppia superiore del 5,5%. Ciò si traduce in 160 CV di potenza a 9.250 giri/minuto e 131,4 Nm a 7.750 giri/minuto. La “R” ha un assetto più alto rispetto al Monster 1200 S, +15 mm sia all’anteriore che al posteriore, per avere un maggiore angolo di piega; ne consegue un’altezza sella di 830 mm. Cambia la misura della gomma posteriore, ora 200/55 x ZR17; le gomme di serie sono la Pirelli Diablo Supercorsa SP. Il Monster 1200 R è equipaggiato con nuove sospensioni: forcella Öhlins da 48 mm di diametro con trattamento TiN sugli steli, completamente regolabile con foderi e piedini anodizzati in nero ed un nuovo ammortizzatore Öhlins, anch’esso completamente regolabile al posteriore. Del Marchio svedese anche l’ammortizzatore di sterzo. La “R” è anche più leggera rispetto alla versione S: grazie al codone, ai cerchi forgiati, e alle componenti in carbonio; il peso a secco è di 180 Kg (-2 kg). Esteticamente troviamo un nuovo cupolino e il logo “R” inciso ai lati del radiatore.
 
Due le colorazioni disponibili: Rosso Ducati, con livrea R, telaio rosso e cerchi ruota Dark Chrome, e Thrilling Black, con telaio e cerchi Dark Chrome; nella gallery trovate le foto

LA NUOVA DUCATI MONSTER 1200 IN PILLOLE

Colorazioni
  • Rosso Ducati con telaio rosso e cerchi ruota neri
Principali dotazioni
  • Motore Testastretta 11° DS da 1.198 cc da 150 CV a 9.250 giri/minuto, 126,2 Nm a 7.750 giri/minuto
  • Omologazione Euro 4
  • Scarico con doppio silenziatore
  • Cerchi a 10 razze con pneumatici Pirelli Diablo Rosso III nelle misure 120/70 ZR17 all'anteriore e 190/55 x ZR17 al posteriore
  • Forcella regolabile Kayaba da 43 mm di diametro
  • Ammortizzatore Shacs regolabile
  • Impianto frenante anteriore Brembo con dischi da 320 mm di diametro e pinze M4.32
  • 3 Riding Mode
  • Ducati Safety Pack (ABS Cornering Bosch 3 livelli, DTC 8 livelli, DWC 8 livelli)
  • Strumentazione TFT a colori 

LA NUOVA DUCATI MONSTER 1200 S IN PILLOLE

Colorazioni
  • Rosso Ducati con telaio rosso e cerchi ruota neri
  • Liquid Concrete Grey con telaio nero e cerchi ruota neri
Principali dotazioni
  • Motore Testastretta 11° DS da 1.198 cc da 150 CV a 9.250 giri/minuto, 126,2 Nm a 7.750 giri/minuto
  • Omologazione Euro 4
  • Scarico con doppio silenziatore
  • Proiettore con DRL
  • Cerchi a 3 razze a Y con pneumatici Pirelli Diablo Rosso III nelle misure 120/70 ZR17 all'anteriore e 190/55 x ZR17 al posteriore
  • Forcella regolabile Öhlins da 48 mm di diametro
  • Ammortizzatore Öhlins completamente regolabile
  • Impianto frenante anteriore Brembo con dischi da 330 mm di diametro e pinze M50
  • 3 Riding Mode
  • Ducati Safety Pack (ABS Cornering Bosch 3 livelli, DTC 8 livelli, DWC 8 livelli)
  • Strumentazione TFT a colori

LA NUOVA DUCATI MONSTER 1200 R IN PILLOLE

Colorazioni
  • Rosso Ducati con livrea R, telaio Rosso Ducati e cerchi ruota Dark Chrome
  • Thrilling Black con livrea R, telaio e cerchi Dark Chrome
 
Principali dotazioni
  • Motore Testastretta 11° DS da 1.198 cc in versione “R” da 160 CV
  • Scarico con doppio silenziatore a sezione pentagonale
  • Omologazione Euro 4
  • Sella sportiva con targhetta identificativa del modello
  • Coprisella passeggero di nuovo disegno
  • Piastre pedane separate per pilota e passeggero
  • Pedane ricavate dal pieno
  • Cupolino
  • Parafango anteriore in fibra di carbonio
  • Cerchi a 3 razze forgiati con pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa SP nelle misure 120/70
  • ZR17 all'anteriore e 200/55 x ZR17 al posteriore
  • Nuova forcella Öhlins da 48 mm di diametro regolabile
  • Nuovo ammortizzatore Öhlins regolabile
  • Ammortizzatore di sterzo Öhlins regolabile
  • 3 Riding Mode
  • Ducati Safety Pack (ABS 3 livelli, DTC 8 livelli)
  • Strumentazione TFT a colori

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA