Ducati in pole dopo 4 anni: a Motegi Dovi 1°, Rossi 2°

Dopo una Q2 con un finale rocambolesco, Andrea Dovizioso su Ducati conquista la pole e il record sul giro, riportando la moto di Borgo Panigale davanti a tutti dopo ben quattro anni di assenza dalla prima casella in griglia. Valentino scatterà secondo, con a fianco Pedrosa e dietro Marquez e Lorenzo

Ducati in pole dopo 4 anni: a motegi dovi 1°, rossi 2°

Si apre col sole la mattina giapponese, sul circuito di Motegi, con 25° nell’atmosfera e 41° sull’asfalto. I timori di maltempo che si avevano alla vigilia del GP sembrano lontani e tutto è pronto per le qualifiche della classe regina. Se non avete voglia di svegliarvi presto per la gara, guardate qui gli orari TV, c'è tutta la programmazione, differite comprese.
Nel week end in cui Marquez potrebbe vincere il titolo, Honda insisterà per raggiungere la vittoria a Motegi? Pensateci bene e giocate al FantaMOTOCICLISMO: fate le vostre previsioni sulle prime 5 posizioni della gara della classe regina e, a fine stagione,  chi di voi avrà accumulato più punti potrà diventare tester di Motociclismo per un giorno. Per partecipare cliccate sul pulsante arancione qui sotto:

 

 

Nella FP4 si giocano il primo posto Lorenzo, Pedrosa, Dovizioso, Rossi, Marquez e Iannone, che continuano ad alternarsi le posizioni alla testa del gruppo. La prova libera 4 si conclude con Lorenzo in testa in 1’45"598, le due Honda di Pedrosa e Marquez, le due Ducati di Iannone e Dovizioso, Bradl e Rossi. Qui trovate la classifica della FP4, mentre qui potete vedere come sono andate le FP1, 2 e 3: nell'ultima sessione Marquez ha stracciato il record della pista, mentre il venerdì era andato al Dovi.
 

Q1: ARRIVA ALVARO
Le posizioni che garantiscono l’accesso alla Q2 continuano a passare di mano fra Espargaro, Bautista, Hernandez e Barbera, che continuano a far segnare miglioramenti nei propri tempi e se la giocano con un distacco davvero risicato. I piloti del team Honda Go&Fun girano attaccati per rubarsi la scia e cercare di passare entrambi in Q2. Tutti si prendono dei rischi ed Aleix Espargaro, momentaneo capofila,cerca il limite anche appoggiando le saponette nell’erba immediatamente a bordo pista. Nel finale, Bautista ed Hernandez azzeccano intermedi da casco rosso e conquistano a turno la prima posizione provvisoria. Bautista nel suo secondo giro lanciato fa ancora meglio di se stesso, ma Espargaro non ci sta, all'ultimissimo tentativo "chiude la vena" e fa il suo best lap, due decimi meglio del giro di Bautista.

Q2: LAMPO ROSSO
Escono per prime dai box le due Yamaha ufficiali e iniziano subito a tirare. Alla fine del primo giro ci sono già Rossi in testa e Lorenzo secondo. Ovviamente non soddisfatti, i due della Casa dei Tre Diapason fanno meglio, trascinandosi dietro i miglioramenti di Bradl e delle Ducati di Iannone e Dovizioso. Al cambio gomma a 5 minuti dalla fine la tensione sale negli occhi degli uomini Yamaha, che vogliono le Honda dietro a tutti i costi.
Marquez nel proprio primo giro lanciato migliora di molto il crono. Subito dopo Pedrosa fa meglio ma ancora meglio fa Dovizioso. Rossi segna intertempi record nei primi due settori, ma trova traffico e conclude in seconda posizione provvisoria. Nell’ultimo giro da tempo Dani Pedrosa perde l’anteriore a centro curva, scivolando a facendo finire la moto nel sabbione, mentre Marc Marquez fa un piccolo errore allargando eccessivamente una traiettoria e vanificando il giro.
La vera notizia bomba è quindi la pole position conquistata quasi in sordina da Andrea Dovizioso e dalla Ducati con un crono di 1'44"502, nuovo record del circuito e prima pole 2014 per la Ducati e per il Dovi. Anzi, una pole che non arrivava per Ducati da Valencia 2010, dove Casey Stoner partì davanti a tutti: è bello vedere una moto italiana nella prima casella, col corollario del nuovo record della pista, batendo quello stabilito nelle FP3 dalla Honda del Cabroncito (in 1'44.940 a  164,6 km/h di media oraria). Valentino Rossi ha fatto delle ottime qualifiche e si dichara ottimista, ma sulla durata di gara dovrà fare i conti col dolore al dito indice destro, rotto nella caduta dell’ultima gara. Se l'ordine di arrivo della corsa risppecchiasse quello della griglia di partenza, Marc Marquez non si aggiudicherebbe il titolo a Motegi: MM93 si accontenterà di aspettare la prossima gara o darà il massimo per vincere qui, accontentando i vertici Honda, che vorrebbero il Mondiale in casa??

MOTOGP 2014 -  MOTEGI: GRIGLIA DI PARTENZA

Pos.

Pilota

Naz.

Moto

Miglior giro

Distacchi

1

Andrea DOVIZIOSO

ITA

Ducati

1'44.502

 

2

Valentino ROSSI

ITA

Yamaha

1'44.557

0.055 / 0.055

3

Dani PEDROSA

SPA

Honda

1'44.755

0.253 / 0.198

4

Marc MARQUEZ

SPA

Honda

1'44.775

0.273 / 0.020

5

Jorge LORENZO

SPA

Yamaha

1'44.784

0.282 / 0.009

6

Andrea IANNONE

ITA

Ducati

1'44.854

0.352 / 0.070

7

Pol ESPARGARO

SPA

Yamaha

1'44.867

0.365 / 0.013

8

Cal CRUTCHLOW

GBR

Ducati

1'44.898

0.396 / 0.031

9

Stefan BRADL

GER

Honda

1'45.005

0.503 / 0.107

10

Bradley SMITH

GBR

Yamaha

1'45.044

0.542 / 0.039

11

Aleix ESPARGARO

SPA

Forward Yamaha

1'45.315

0.813 / 0.271

12

Alvaro BAUTISTA

SPA

Honda

1'45.677

1.175 / 0.362

13

Yonny HERNANDEZ

COL

Ducati

1'45.971

0.373 / 0.174

14

Nicky HAYDEN

USA

Honda

1'46.465

0.867 / 0.494

15

Scott REDDING

GBR

Honda

1'46.499

0.901 / 0.034

16

Hector BARBERA

SPA

Ducati

1'46.796

1.198 / 0.297

17

Katsuyuki NAKASUGA

JPN

Yamaha

1'46.876

1.278 / 0.080

18

Hiroshi AOYAMA

JPN

Honda

1'46.915

1.317 / 0.039

19

Karel ABRAHAM

CZE

Honda

1'46.948

1.350 / 0.033

20

Alex DE ANGELIS

RSM

Forward Yamaha

1'47.092

1.494 / 0.144

21

Danilo PETRUCCI

ITA

ART

1'47.757

2.159 / 0.665

22

Michael LAVERTY

GBR

PBM

1'48.144

2.546 / 0.387

23

Mike DI MEGLIO

FRA

Avintia

1'48.185

2.587 / 0.041

24

Broc PARKES

AUS

PBM

1'48.261

2.663 / 0.076

 

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA