14 January 2018

Dakar 2018: Barreda vince la tappa 7, ma… è a rischio la sua gara!

Nella settima giornata di gara della Dakar 2018 Joan Barreda domina dall'inizio alla fine. Il pilota Honda conquista così la sua terza vittoria di tappa e guadagna minuti importanti nella classifica generale. Dopo l'arrivo però si scopre che…
  • Salva
  • Condividi
  • 1/27 Joan Barreda in sella alla sua Honda nella settima tappa della Dakar 2018

    Dopo le prime sei tappe (cliccate qui per il report, i video e le foto più spettacolari) e il giorno di pausa, la Dakar 2018 riprende con la settima tappa. Oggi i piloti affrontano un percorso di 727 km (di cui 425 di prova speciale), interamente in Bolivia, che li porterà da La Paz a Uyuni. Il terreno sulla strada per Uyuni è in prevalenza terra dura (66%), anche se rimane qualche tratto di sabbia (28%) e vegetazione (6%). Altra difficoltà di giornata è l'altitudine: per tutta la tappa infatti i piloti resteranno sopra ai 3.750 metri sul livello del mare, con picchi fino ai 3.900 m s.l.m. Quella di oggi è la prima delle due Marathon presenti nell'edizione 2018 (qui il percorso completo): i piloti non avranno quindi l'assistenza dei team una volta giunti al bivacco, dato che le moto finiranno in parco chiuso.

    Dakar 2018: Barreda vince la tappa 7, ma… è a rischio la sua gara!

    Barreda vola!

    Purtroppo sono costretti al ritiro Rudolf Lhotsky, Julián García, Wessel Bosman e Jeri Corno. I piloti rimasti in gara devono lasciare il bivacco prestissimo per percorrere i 300 km che li separa dall'avvio della speciale. Barreda e Toby Price per esempio sono partiti addirittura alle 4 del mattino! Oltre con le difficoltà del percorso e l'altitudine, oggi i piloti hanno un avversario in più: il maltempo. Nonostante ciò parte subito forte Joan Barreda, che transita al CP1 con 47" di vantaggio su Walkner e 53" su De Soultrait. Antoine Meo, che fa da apripista oggi dopo aver vinto la tappa 6, perde già più di 3 minuti. Con il passare dei chilometri continua a spingere Barreda: al terzo controllo cronometrico, dopo 200 km dalla partenza, la sua Honda ha 3'04" di vantaggio sulla Yamaha di Van Beveren. Molto più staccati gli altri avversari: il terzo, Stefan Svitko ha 8'23". Al CP2 il vantaggio di Barreda sale addirittura a 5'21" su Van Beveren. Problemi per Michael Metge e Franco Caimi, che si sono fermati rispettivamente al km 242 e al 178 della speciale di giornata, stanno perdendo molto tempo.

    Barreda sembra aver tirato un po' il fiato visto il suo vantaggio consistente: al CP3 infatti il distacco su Van Beveren è sceso a 3'39". Ancora lontani però gli altri inseguitori, Benavides, terzo, è a 8'20". Al chilometro 300 però ecco il colpo di scena: in una curva a sinistra Barreda cade e finisce schiacchiato dalla sua moto. Per fortuna al traguardo non manca molto e Barreda, se pur molto dolorante, riesce a concludere la tappa in prima posizione. Barreda centra così la sua terza vittoria in questa edizione della Dakar (dopo le tappe 2 e 5). Seconda posizione per Adrien Van Beveren, a 2'51", e terzo posto per Kevin Benavides, a 8'02".

    Con la vittoria di oggi Joan Barreda rosicchia minuti importanti nella classifica generale, ma la leadership passa a Adrien Van Beveren, secondo classificato di giornata. Scivola in seconda posizione Kevin Benavides, a 3'14", e terzo troviamo appunto Joan Barreda, a 4'45". Restano ora da verificare le condizioni fisiche del pilota Honda, per vedere se riuscirà o meno a continuare la sua Dakar. In seguito alla caduta infatti Barreda si è lesionato il ginocchio destro e se le condizioni fisiche non gli permetteranno di continuare, Joan sarà costretto ad abbandonare la Dakar. I medici dicono che non c'è nulla di rotto, ma che c'è del liquido nel ginocchio. Barreda, intenzionato a continuare, dovrà quindi fare i conti con il dolore. In fondo all'articolo trovate la classifica top ten di tappa e quella generale, per le classifiche complete cliccate qui.

    Di seguito trovate il video con gli highlights della settima tappa, cliccate qui invece per le foto.

    La Dakar tricolore

    Dakar 2018: Barreda vince la tappa 7, ma… è a rischio la sua gara!

    Purtroppo, nel corso della settima tappa, è costretto al ritiro il nostro Gabriele Minelli. Restano in gara dunque sette piloti italiani: Alessandro Botturi (Yamaha 450 F n° 18), Alessandro Ruoso (KTM 450 Rally n° 41), Maurizio Gerini (Husqvarna 450 n° 42), Jacopo Cerutti (Husqvarna 450 Rally Replica n° 52), Fausto Vignola (Husqvarna Rally 450 n° 108), Alberto Bertoldi (KTM 450 Rally n° 110), Gabriele Minelli (KTM 450 EXC-F n° 134) e Livio Metelli (KTM 450 Rally n° 141).

    Nella settima tappa il più veloce tra gli italiani è Alessandro Botturi. Il "gigante di Lumezzane" chiude la giornata al 22° posto, con un ritardo di 44'25" da Barreda. Attualmente Botturi è anche l'azzurro messo meglio in classifica generale: 24° a 2h08'21" dal leader. Poco più in basso trovate le classifiche e i tempi.

    La prossima tappa: da Uyuni a Tupiza

    Domani i piloti affronteranno l'ottava tappa di questa Dakar, che li porterà da Uyuni a Tupiza; si resta quindi in Bolivia. Il percorso complessivo è di 585 km, ma ben 498 di questi sono di prova speciale, si tratta della prova cronometrata più lunga di questa edizione delle Dakar. Come se non ciò non bastasse, a complicare le cose ai piloti in gara ci saranno le difficilissime dune di sabbia dell'altopiano boliviano e l'altitudine: la quota "base" della tappa saranno 3.800 metri s.l.m., ma si toccheranno vette più alte di 4.800 metri. Per il 78% del percorso i piloti metteranno le ruote su terra compatta, ma non mancherà la sabbia (15%) e l'erba (7%).

    Dakar 2018: Barreda vince la tappa 7, ma… è a rischio la sua gara!

    Dakar 2018, tappa 7 - Classifica Top 10 e tutti gli italiani

    Pos. Pilota Team Tempo Distacco Penalità
    1 5 JOAN BARREDA BORT MONSTER ENERGY HONDA TEAM 05H 11' 10''
    2 4 ADRIEN VAN BEVEREN YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 05H 14' 01'' + 00H 02' 51''
    3 47 KEVIN BENAVIDES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 05H 19' 12'' + 00H 08' 02''
    4 8 TOBY PRICE RED BULL KTM FACTORY TEAM 05H 19' 53'' + 00H 08' 43''
    5 10 PABLO QUINTANILLA ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 05H 20' 03'' + 00H 08' 53''
    6 2 MATTHIAS WALKNER RED BULL KTM FACTORY TEAM 05H 20' 26'' + 00H 09' 16''
    7 9 STEFAN SVITKO SLOVNAFT RALLY TEAM 05H 20' 40'' + 00H 09' 30''
    8 23 XAVIER DE SOULTRAIT YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 05H 21' 13'' + 00H 10' 03''
    9 19 ANTOINE MEO RED BULL KTM FACTORY TEAM 05H 23' 56'' + 00H 12' 46'' 00H 01' 00''
    10 20 RICKY BRABEC MONSTER ENERGY HONDA TEAM 05H 24' 58'' + 00H 13' 48''
    22 18 ALESSANDRO BOTTURI BOTTURI ALESSANDRO 05H 55' 35'' + 00H 44' 25''
    33 52 JACOPO CERUTTI MOTO RACING GROUP (MRG) 06H 08' 38'' + 00H 57' 28''
    29 42 MAURIZION GERINI SOLARYS RACING TEAM 06H 05' 45'' + 00H 54' 35''
    40 41 ALESSANDRO RUOSO PROMOTORACING 06H 44' 54'' + 01H 33' 44''
    53 108 FAUSTO VIGNOLA SOLARYS RACING TEAM 07H 42' 00'' + 02H 30' 50''
    71 141 LIVIO METELLI - 08H 33' 35'' + 03H 22' 25''
    100 110 ALBERTO BERTOLDI BMS MOTO 15H 45' 48'' + 10H 34' 38'' 04H 00' 00''

    Dakar 2018: Barreda vince la tappa 7, ma… è a rischio la sua gara!

    Dakar 2018 - Classifica generale Top 10 (e tutti gli italiani) dopo la tappa 7

    Pos. Pilota Team Tempo Distacco Penalità
    1 4 ADRIEN VAN BEVEREN YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 21H 49' 18''
    2 47 KEVIN BENAVIDES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 21H 52' 32'' + 00H 03' 14''
    3 5 JOAN BARREDA BORT MONSTER ENERGY HONDA TEAM 21H 54' 03'' + 00H 04' 45''
    4 2 MATTHIAS WALKNER RED BULL KTM FACTORY TEAM 21H 57' 36'' + 00H 08' 18'' 00H 01' 00''
    5 8 TOBY PRICE RED BULL KTM FACTORY TEAM 22H 02' 52'' + 00H 13' 34''
    6 23 XAVIER DE SOULTRAIT YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 22H 05' 57'' + 00H 16' 39'' 00H 02' 00''
    7 19 ANTOINE MEO RED BULL KTM FACTORY TEAM 22H 07' 58'' + 00H 18' 40'' 00H 01' 00''
    8 10 PABLO QUINTANILLA ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 22H 10' 05'' + 00H 20' 47''
    9 3 GERARD FARRES GUELL HIMOINSA RACING TEAM. 22H 22' 45'' + 00H 33' 27''
    10 9 STEFAN SVITKO SLOVNAFT RALLY TEAM 22H 23' 11'' + 00H 33' 53'' 00H 01' 00''
    24 18 ALESSANDRO BOTTURI BOTTURI ALESSANDRO 23H 57' 39'' + 02H 08' 21''
    27 52 JACOPO CERUTTI MOTO RACING GROUP (MRG) 25H 05' 24'' + 03H 16' 06'' 00H 05' 00''
    33 42 MAURIZIO GERINI SOLARYS RACING TEAM 25H 54' 14'' + 04H 04' 56'' 00H 12' 30''
    40 41 ALESSANDRO RUOSO PROMOTORACING 27H 16' 47'' + 05H 27' 29'' 00H 03' 00''
    72 108 FAUSTO VIGNOLA SOLARYS RACING TEAM 34H 32' 44'' + 12H 43' 26'' 02H 17' 00''
    88 141 LIVIO METELLI - 45H 17' 37'' + 23H 28' 19'' 10H 02' 00''
    95 110 ALBERTO BERTOLDI BMS MOTO 54H 54' 22'' + 33H 05' 04'' 12H 12' 00''

    Dakar 2018: Barreda vince la tappa 7, ma… è a rischio la sua gara!
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime news
    Le ultime prove

    Sfida in Australia tra le maxienduro 2018. Qual è la migliore?

    Sfida in Australia tra le maxienduro 2018. Qual è la migliore?

    10 October 2018

    Ducati Multistrada 1260 Enduro: il nostro video test

    Ducati Multistrada 1260 Enduro: il nostro video test

    19 October 2018

    BMW R NineT vs Ducati Scrambler 1100 Sport

    BMW R NineT vs Ducati Scrambler 1100 Sport

    12 October 2018

    Kymco Xciting 400i S: connessione intelligente

    Kymco Xciting 400i S: connessione intelligente

    27 September 2018

    Royal Enfield Interceptor INT 650: entry level in salsa classica

    Royal Enfield Interceptor INT 650: entry level in salsa classica

    26 September 2018

    SWM Superdual X: pronta a tutto

    SWM Superdual X: pronta a tutto

    18 August 2018

    Sfida a 4: qual è la miglior café racer 2018?

    Sfida a 4: qual è la miglior café racer 2018?

    20 August 2018

    MV Agusta: la frizione automatica assistita dall'elettronica

    MV Agusta: la frizione automatica assistita dall'elettronica

    28 August 2018

    Qual è la miglior naked "media" del 2018?

    Qual è la miglior naked

    27 August 2018

    KTM Enduro 2019: il nostro test

    KTM Enduro 2019: il nostro test

    05 September 2018

    Harley-Davidson FXDR 114 2019: la "power-slider"

    Harley-Davidson FXDR 114 2019: la

    04 September 2018

    V85TT: attraente come una scrambler, pratica come una crossover

    V85TT: attraente come una scrambler, pratica come una crossover

    04 September 2018

    Ultime tag "MotoGP"