BMW F 800 S

Per uscire dalla media.

Com'è




Città, montagna, viaggi. Ecco  una bella stradale dal motore brioso e i consumi ridicoli. Questa versione con la mezza carena costa 8.950 euro.

La nuova BMW F 800 S è una vera svolta per la casa di Monaco. Semicarena, mezzi manubri e un motore tutto nuovo (vedi l’approfondimento) è la moto che darà l’assalto alle concorrenti nella fascia di mercato - quella delle medie naked e sportive - praticamente sconosciuta a BMW.
Alcuni componenti sono di qualità “economica” rispetto agli standard cui la Casa di Monaco ci ha abituati.


Le doti dinamiche di questa bicilindrica sono di assoluto riferimento.
Il merito è di una ciclistica equilibrata e di un motore brioso.



Il twin sviluppato in collaborazione con
Rotax è, in pratica, lo stesso della grande routière ST con le carene più sviluppate (ve di).
Non ha il vigore ai bassi regimi tipico dei bicilindrici a V
e “non strappa le braccia”. Però è rapido a prendere giri e allunga bene fino all’intervento del limitatore, a 9.000 giri. A 140 km/h si viaggia a 5.000 giri/min e per un sorpasso non è necessario scalare marcia.

La struttura del telaio è di tipo a ponte, realizzato in profilati di alluminio. Una scelta razionale e semplice, che contribuisce a contenere i costi produttivi. Bellissimo il forcellone monobraccio, pure in alluminio.
Forcella e monoammortizzatore hanno entrambi una taratura di compromesso: non eccessivamente rigidi, per filtrare le piccole asperità cittadine, ma nemmeno troppo cedevoli.
Comode le regolazioni
di precarico (inglobato nel fianchetto destro) e di estensione, posto alla base del mono.

Come va





Più che buono il confort. Il busto è inclinato in avanti, con il peso che grava lievemente sui polsi, ma non in modo affaticante.

La protezione offerta dal basso cupolino permette lunghi trasferimenti senza affaticarsi troppo. Ma chi pensa di macinare tanti chilometri può pensare al cupolino più protettivo offerto in opzione.
La sella è ampia e consente agevoli spostamenti per cambiare spesso posizione durante i viaggi.
Anche il passeggero non se la cava male: la seduta è comoda e ci sono solide maniglie cui attaccarsi.

La moto disegna traiettorie precise.
Più che buona anche la maneggevolezza e la stabilità.
Le gomme sono di sezione degna di una maxi
.
Ma quella posteriore (una Continental ContiAttack) non ci ha convinti del tutto a causa della sensazione di scarsa aderenza.
Il freno a doppio disco anteriore da 320 mm con pinze a quattro pistoncini offre staccate sicure. Molto bene la resistenza alla fatica.

Nel corso della nostra prova abbiamo macinato anche più di 300 km prima di fermarci a fare rifornimento: tenendo conto della capacità del serbatoio (16 litri), l’autonomia è da considerarsi ottima.

In sintesi





LA SCHEDA



Motore
: a 4 tempi, bicilindrico parallelo, alesaggio per corsa 82x75,6 mm, cilindrata 798 cc, rapporto di compressione 12,0:1, distribuzione a doppio albero a camme in testa con comando a catena, 4 valvole per cilindro, lubrificazione a carter secco, raffreddamento a liquido, potenza max 85 CV (62,5 kW) a 8.000 giri, coppia max 8,7 kgm (86 Nm) a 5.800 giri.

Alimentazione
: iniezione elettronica, diametro dei corpi farfallati 46 mm; capacità serbatoio carburante 16 litri compresa la riserva.
Accensione
: elettronica digitale; candele NGK DCPR8E.
Avviamento
: elettrico.
Impianto elettrico
: batteria 12V-14Ah.
Trasmissione
: primaria a ingranaggi a denti dritti, rapporto 1,943 (68/35); finale a cinghia, rapporto 2,353 (80/34).
Cambio
: a 6 marce, valore rapporti: 2,462 (32/13) in prima, 1,750 (28/16), in seconda, 1,381 (29/21) in terza, 1,174 (27/23) in quarta, 1,042 (25/24) in quinta, 0,960 (24/25) in sesta.
Frizione
: multidisco in bagno d’olio.

Telaio
: a ponte in profilati di alluminio; inclinazione cannotto di sterzo 26,2°, avancorsa 94,6 mm.
Sospensioni
: anteriore forcella idraulica con steli da 43 mm, escursione ruota 140 mm; posteriore forcellone monobraccio oscillante con ammortizzatore idraulico, escursione ruota 140 mm.
Ruote
: cerchi in lega di alluminio, anteriore 3,50x17”, posteriore 5,50x17”; pneumatici tubeless, anteriore 120/70-17, posteriore 180/55-17.
Freni
: anteriore a doppio disco da 320 mm con pinze a 4 pistoncini; posteriore a disco da 265 mm con pinza a pistoncino singolo.

Dimensioni (in mm) e peso
: lunghezza 2.082, larghezza 860, interasse 1.525, altezza sella 820 (optional 790), peso a vuoto 182 kg.
Prestazioni
: velocità max oltre 200 km/h.
Manutenzione

Tagliando: programmato ogni 10.000 km. Lubrificazione: olio multigrado 10W40; sostituzione ogni 10.000 km. Distribuzione: gioco valvole a freddo: aspirazione 0,18-0,26 mm; scarico 0,27-0,35 mm. Trasmissione: controllo cinghia ogni 10.000 km, sostituzione cinghia ogni 40.000 km. Pneumatici: pressione di gonfiaggio, ant 2,3 bar, post 2,5 bar (in coppia post 2,7 bar).

Dati anagrafici Costruttore:
BMW-Motorrad, Hufelandstrasse 4, D-80937 Munchen, Germania.
Importatore: BMW-Motorrad Italia S.p.A., via della Unione Europea 1, 20097 S. Donato Milanese (MI), tel. 02-51610111,
www.bmw-motorrad.it. Gamma colori: giallo, rosso.
Inizio vendite: aprile 2006. Garanzia: 2 anni.
Prezzo:
8.950 euro chiavi in mano.
Optional
: manopole riscaldabili, ABS, computer di bordo, indicatori di direzione bianchi, antifurto, cavalletto centrale, portapacchi, copertura sella passeggero, cupolino alto.

Il banco





Il grafico mostra una curva di coppia non particolarmente regolare, con vistose flessioni tra 4 e 5.000 giri e tra 5 e 6.000. Questi flessi, tuttavia, sono inavvertibili su strada.

Le misure caratteristiche solo leggermente superquadre portano a una velocità media del pistone di oltre 22 m/s, piuttosto elevata.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA