DB9 Brivido e DB10 B.Motard

Il responsabile sviluppo Bimota spiega il perché di certe scelte tecniche adottate sulla DB9 Brivido, come il disco perimetrale o l’impostazione ciclistica votata alla maneggevolezza. Anticipazione sulla DB10 B.Motard

Db9 brivido e db10 b.motard

 

La Bimota DB9 Brivido è una moto inusuale, Nella guida (video test), per estetica (qui la video intervista al designer) e tecnica. Ne parliamo col responsabile sviluppo e collaudatore, Massimo Gustato, che ci svela come si è arrivati alla decisione di usare l’inconsueto e particolare disco perimetrale, quali sono i vantaggi che offre e in che modo Bimota si differenzia da chi ha già usato questa soluzione (Buell, Ghezzi & Brian).

 

La motard che verrà

Dopo aver parlato della DB9 Brivido, con Gustato andiamo a conoscere la DB10 B.Motard, una motardona che fa il verso alla Ducati Hypermotard (video) ma con soluzioni tecniche tipicamente Bimota, come il forcellone a traliccio, il telaio composito con piastre d’alluminio e ovviamente delle scelte ciclistiche che rimangono segrete ma che, dicono a Rimini, rendono la guida ben più gustosa rispetto a quanto faccia la rivale bolognese (il motore è in entrambi i casi un Ducati raffreddato ad aria da 95 CV). La DB10 è già in vendita e costa 20.990 euro chiavi in mano.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA