SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Test SBK Aragon 2015: Hayden debutta sulla CBR, record ufficioso per la Kawasaki di Rea

I test di Aragon, andati in scena il 16 e il 17 novembre, hanno coinvolto i principali team del Mondiale SBK, con il debutto di Honda e di Nicky Hayden. Il campione del Mondo in carica Rea fa segnare un nuovo record (non ufficiale) del Motorland Aragon di Alcaniz. Presenti anche Ducati e Yamaha, oltre ad alcuni piloti della Supersport 600 tra cui PJ Jacobsen. Tempi, info e foto

Tutti dentro... ma non subito!

Il terzo appuntamento dei test invernali SBK si è tenuto in questo inizio settimana al Motorland Aragon di Alcaniz. Al test caratterizzato dalla prima discesa in pista del Team Honda, erano presenti tutti principali team che correranno nel 2016: Ducati, Yamaha, Kawasaki e Honda, che ha debuttato con la nuova coppia di piloti, Michael Van der Mark e il campione del Mondo MotoGP 2006 Nicky Hayden. Presenti anche alcuni partecipanti al Mondiale Supersport, tra cui Jacobsen della scuderia CORE Motorsport Thailand e il team DS Junior di David Salom con il pilota Ilya Mikhalchik, “prelevato” dal campionato STK 600. La fitta nebbia e le basse temperature del primo giorno hanno scoraggiato i piloti, ma il meteo clemente di martedì ha permesso ai team di concludere il lavoro. Potete vedere la gallery di questo penultimo turno di test invernali cliccando qui

Honda al debutto

Lunedì 16 gli occhi sono tutti puntati su Nicky Hayden, che ritorna sulle derivate di serie con cui ha iniziato la propria carriera (campione AMA SBK 2002), un ritorno dopo 13 anni passati nella classe regina, con tanto di titolo mondiale vinto nel 2006. Lo statunitense e il suo compagno di squadra, l’olandese Michael Van der Mark, dopo alcuni scatti per la stampa, sono accolti dalla nebbia. Van der Mark è l’unico pilota del team ad entrare in pista, effettuando in tarda mattinata un solo giro.

Il secondo giorno, martedì 17 novembre, lo statunitense Hayden continua a lavorare con il capo meccanico e la squadra sulla posizione in sella della sua CBR1000RR, sull'elettronica e sul settaggio dell'avantreno, concludendo 83 tornate. L'olandese (80 giri) si concentra invece su nuovi materiali messi a disposiziione dal team, come nuove pastigllie dei freni, nuovo software, piccole modifiche al carattere del motore. Lavoro anche sulle gomme da qualifica e sul comportamento della moto a serbatoio pieno. Di seguito le dichiarazioni dei piloti:

Nicky Hayden: “Oggi siamo stati in grado di fare miglioramenti rispetto a ieri (causa clima avverso, n.d.r.). Ci siamo soffermati un po’ di più sulla fase riguardante le prestazioni vere e proprie, ma dopodiché siamo stati in grado di andare avanti e migliorare la frenata e l’ingresso in curva. Ora abbiamo un’idea su dove migliorare; abbiamo usato due moto con configurazioni differenti e mi sono piaciute caratteristiche sia dell’una che dell’altra, così ora è solo questione di mettere le cose insieme e vedere se il feeling generale migliora. È ancora presto e sicuramente il meteo non ha aiutato ma mi è piaciuto guidare la moto e lavorare con la squadra. Ora abbiamo una settimana per analizzare i dati raccolti prima di Jerez, e io ho la concentrazione rivolta al prossimo appuntamento. È un tracciato completamente diverso rispetto a questo e vedremo cosa accadrà”
 
Michael Van der Mark: “Il test era ok. È stato difficile solo perché nel primo giorno abbiamo dovuto aspettare a lungo prima che la nebbia si diradasse e che le temperature si alzassero. Oggi ho percorso 70 giri e ho provato un sacco di accorgimenti diversi ma tutto è andato troppo di fretta. Abbiamo trovato alcune cose positive altre negative ma per me l’obiettivo era dare più informazioni possibili ai ragazzi. Ora guardo a Jerez; sperando in un meteo migliore. La moto lavora molto bene e solo più tardi abbiamo segnato buoni risultati. È importante continuare a lavorare duro e acquisire dati utili prima della pausa invernale. 

Tempi
  • Michael Van der Mark: 1’51”5
  • Nicky Hayden: 
1’51”8

Ducati continua lo sviluppo

Per il Team Aruba.it, i test iniziano alle ore 14 di lunedì, quando il clima permette a Chaz Davies di scendere in pista, la quale va via via asciugandosi. Per il britannico c’è tanto da fare sulla sua Panigale R, in primis il lavoro sul motore e sulla ciclistica della Panigale R in configurazione 2016.

Il lavoro continua il martedì grazie al miglioramento delle condizioni meteo, che permette a Davies (71 giri) e Xavi Fores (98 giri) di ultimare i progressi sulla Rossa di Borgo Panigale. Già, Forès: Davide Giugliano deve infatti ancora recuperare. Assente ad Alcaniz, potrebbe essere in pista a Jerez settimana prossima. Ecco le dichiarazioni dei piloti:

Chaz Davies: “Sono stati due giorni importanti nonostante il meteo che ci ha fatto perdere gran parte del primo giorno e quasi metà del secondo. Nonostante questo però siamo riusciti a provare gran parte dei nuovi componenti con sensazioni generalmente positive. Sono quindi contento anche se non abbiamo avuto il tempo di perfezionare tutti gli aspetti al 100%. Volevo fare un’ultima uscita per spingere a fondo ma anche per questo il tempo è stato tiranno. Sono fiducioso perché ora ci concentriamo sul prossimo test di Jerez forti delle sensazioni positive avute qui.”

Xavi Forés: “Sono molto contento di questi due giorni, sono stati positivi ed ho potuto percorrere i primi kilometri della nuova stagione. Peccato per il meteo che ci ha fatto perdere tempo prezioso, ma abbiamo lavorato bene e abbiamo raccolto molti dati e buone info. Sono stato contento anche dei tempi perché ho migliorato il mio miglior riferimento di gara. I nuovi componenti che Ducati ha portato hanno dato feedback positivi sia lato veicolo che lato motore. Ringrazio ancora una volta Ducati per questa possibilità.”

Tempi
  • Xavi Fores: 1’51”"3

  • Chaz Davies: 1’51”0

Lowes e Guintoli familiarizzano con la Yamaha R1

Il team della Casa dei Tre Diapason continua sulla linea dei di Jerez andati in scena settimana scorsa. Alex Lowes e Sylvain Guintoli, campione SBK 2014, non devono provare nuove componenti, ma semplicemente approfondiscono la conoscenza e lo sviluppo della YZF-R1. Il britannico Lowes è assistito dal Crew Chief Ian Prestwood, con cui ha vinto il BSB nel 2013. Per il britannico c'è anche una simulazione gara, con un totale complessivo di 88 giri. Guintoli si ferma invece a 56 per un problema tecnico.

Tempi:                                                         
  • Sylvain Guintoli: 1’52”5
  • Alex Lowes: 1’51”1


Kawasaki: Rea continua a dare spettacolo

Il team KRT trova difficoltà a scendere in pista il lunedì: Sykes non gira, mentre il campione del Mondo in carica Jonathan Rea lo fa solo negli ultimi 30 minuti. Rea testa una diversa posizione di guida sulla Ninja ZX-10R, oltre ad alcune modifiche a telaio e motore

Giornata importante invece quella di martedì, dove il lavoro dei due piloti Kawasaki continua regolarmente come da programma. Rea fa registrare un 1’50"4 con la nuova ZX-10R: nonostante il tempo ottenuto non sia ufficiale, il passaggio segnato dal britannico sarebbe il nuovo record annuale del MotorLand.

Tempi
  • Jonathan Rea: 1’50”3

  • Tom Sykes: 1’51”1

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA