Aprilia: “Giusti 175 CV per la Tuono V4. La Tuareg? Sarà una vera offroad"

Abbiamo intervistato Cristian Romeo Barelli, Product Marketing Manager di Aprilia, per approfondire la conoscenza della Tuono V4 2021 e chiedere notizie sull’arrivo della Tuareg 660. Ecco cosa ha risposto alle nostre domande

1/11

Aprilia Tuono V4 Factory 2021

In questo 2021 abbiamo visto una RSV4 profondamente rivista, con anche un piccolo aggiustamento nella cilindrata. Quanto cambia invece la Tuono rispetto a prima?

“Anche lei è cambiata altrettanto, nuovo forcellone, nuova estetica, nuova elettronica, schermo TFT. Quello che non è cambiato sono i contenuti della guida, perché la Tuono vive di quell’equilibrio tra prestazioni e guidabilità, che non abbiamo voluto modificare”.

Non vi siete fatti tentare dalle hypernaked oltre i 200 CV, perché?

“È stato fonte di discussione quando siamo partiti con il progetto, per capire dove potevamo arrivare, perché con la Tuono X da 221 CV Aprilia Racing ha dimostrato che è fattibile. Ma ci ha anche fatto capire che lo è per un determinato utilizzo. Per una moto che deve essere fruibile su strada, godibile, secondo noi 175 CV sono la quota giusta”.

I rapporti del cambio e la finale sono gli stessi?

“Per la Factory sì, mentre la Tuono V4 ha una finale più lunga di due denti alla corona”.

L’aggiornamento alla Euro 5 ha costretto a rifare lo scarico e ad adottare il nuovo catalizzatore ceramico. È stato sufficiente o avete dovuto intervenire su altri componenti del motore?

“L’Euro 5 è stata una sfida abbastanza tosta da mettere in piedi, perché al di là delle emissioni un aspetto molto sfidante è legato alla rumorosità meccanica e qui è stato più complicato rispetto alla RSV4, avendo meno carene. Sono stati fatti dei micro aggiustamenti per rientrare nei limiti. E poi abbiamo alzato il limitatore di 300 giri, sostituendo i bicchierini delle valvole con quelli, più leggeri, della RSV4”.

1/2

Aprilia Tuareg 660 2021 

Ne approfittiamo per chiederti della Tuareg 660 (qui sopra alcune foto spia). Cosa puoi anticiparci? Avrà ruote 21”-18”?

“Sì, sarà molto orientata all’offroad, per questo avrà anche ruote da 21” anteriore e 18” posteriore. C’è stato un grande lavoro per avere un peso contenuto. La piattaforma 660 nasce con contenuti di sportività e divertimento. Anche la Tuareg seguirà quell’impronta”.

Dai rumors intorno alla moto abbiamo percepito che avrà un serbatoio non da grandi raid (quello magari si vedrà più avanti in future versioni Tuareg Rally), proprio per essere piccola e agile. Il suo prezzo sarà giusto per i contenuti tecnologici della moto, quindi baricentrico tra i 10.000 euro di una Ténéré 700 e i 14.400 di una KTM 890 Adventure R. Ultima domanda, quando la vedremo dai concessionari?

“Sarà un modello 2022, ma sarà disponibile già verso la fine del 2021”.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA