I segreti della ciclistica dell’Husqvarna Norden 901

Andiamo a vedere nel dettaglio com’è fatta la Husqvarna Norden 901. Vi parliamo di telaio, serbatoio, sospensioni, impianto frenante…

1/19

Spogliata delle sovrastrutture, la Husqvarna Norden 901 svela la sua parentela con le 890 Adventure. Telaio, telaietto e forcellone sono in comune. Il primo, realizzato in tubi di acciaio, sfrutta il motore come elemento stressato. Ciò significa che il bicilindrico contribuisce attivamente a realizzare la rigidezza dell’insieme. Il forcellone è a doppio braccio in alluminio. L’ammortizzatore, molto inclinato, è azionato senza leveraggi. Il telaietto, imbullonato, è realizzato con un traliccio di tubi di acciaio. Identiche a quelle delle Kappa le ruote. Si tratta di cerchi a raggi tubeless con canale anodizzato. L’anteriore misura 21x2,5”, il posteriore 18x4,5”. Le gomme di primo equipaggiamento sono Pirelli Scorpion Rally STR in misura 90/90 - 150/70.

Invariato nel layout il caratteristico serbatoio a omega. Stranamente, nonostante i tecnici della Casa ci abbiano confermato essere identico a quello usato sulle KTM, viene dichiarata una capacità di 19 litri contro i 20 litri dichiarati per le 890 Adventure. È fissato elasticamente al telaio in quattro punti e va rimosso per lavorare sul motore. Il suo particolare sviluppo, che KTM sfrutta da tempo sia sulle moto da rally, sia sulle globetrotter (ricordiamo tutti la mitica serie 950/990 Adventure), presenta secondo la Casa vari vantaggi: abbassare il centro di gravità e realizzare, pur con una capacità elevata, un’ergonomia ideale, con una vita stretta e la possibilità di avanzare verso l’avantreno senza ostacoli.

Relativamente alle sospensioni, la Norden si pone a metà tra 890 Adventure e 890 Adventure R sia in termini di escursione (200 mm sui due assi per la prima, 240 mm per la seconda), sia di possibilità di regolazione (forcella non regolabile per la 890 “base”, sospensioni completamente regolabili per la seconda). La forcella è una WP Apex con steli di 43 mm di diametro, regolabile in compressione ed estensione, e garantisce alla ruota 220 mm di escursione. Piastre e perno di sterzo sono in alluminio forgiato. Il monoammortizzatore è un WP Apex regolabile nel precarico attraverso un registro a pomello e nella velocità di estensione. L’escursione che garantisce alla ruota è di 215 mm. Questi valori si riflettono su misure quali la distanza minima da terra e l’altezza della sella (regolabile su due posizioni), di nuovo a metà tra le due Kappa. La 890 Adventure ha 233 mm di luce a terra e un’altezza della sella dichiarata di 830-850 mm. La 890 R ha 263 mm di luce a terra e la sella a 880 mm dal suolo. La Norden ha un’altezza da terra di 252 mm e la sella dista dal suolo 854-874 mm.

Inclinazione del cannotto di sterzo, avancorsa e interasse misurano, rispettivamente, 25,8°, 106,9 mm e 1.513 mm (25,9°, 107,8 mm e 1.509 mm per la 890 Adventure; 26,3°, 110,4 mm e 1.528 mm per la 890 Adventure R). Il peso dichiarato è di 204 kg con tutti i liquidi tranne la benzina. L’impianto frenante, identico a quello delle due Kappa, è prodotto dall’azienda spagnola (di proprietà di Brembo) J.Juan e marchiato Husqvarna. Davanti ci sono dischi di 320 mm di diametro abbinati a pinze radiali a quattro pistoncini, dietro c’è un disco di 260 mm con pinza flottante a due pistoncini.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA