19 October 2016

Ecco il prezzo del nuovo Yamaha X-Max 300

Yamaha X-Max 300 è il nuovo scooter sportivo di Yamaha che va ad inserirsi tra l'X-Max 250 e il TMax, che fornisce... filosofia e concetti di design. Dettagli, foto, prezzo e video del nuovo scooter Yamaha, acquistabile da maggio

DISPONIBILE DA MAGGIO

Lo scorso autunno Yamaha ha presentato il nuovo X-Max 300, quello che potremmo definire l’anello di congiunzione tra X-Max 250 e il TMax. Il nuovo scooter da 300 cc è caratterizzato da motore Euro 4, forcella a doppia piastra, controllo di trazione, avviamento senza chiave, fari a Led... trovate tutti i dettagli più sotto nell’articolo.
 
Ora la Casa di Iwata comunica che il nuovo X-Max 300 sarà disponibile in tutte le concessionarie a partire dal mese di maggio, ad un prezzo di 5.940 euro c.i.m.*. Tre le livree disponibili: Matt Grey, Milky White e Quasar Bronze; cliccate qui per le foto

* il prezzo è da intendersi con la formula "chiavi in mano" (c.i.m.), in cui il prezzo finale si ottiene aggiungendo al prezzo di listino "franco concessionario" le spese per la messa in strada, che Motociclismo quantifica in 250 euro. 

premessa

Guardando i dati italiani del mercato scooter 2015 e dei primi 9 mesi del 2016, si nota che le migliori performance tra i modelli Yamaha sono appannaggio di due modelli: il TMax e l’X-Max 250. In entrambi i periodi di analisi, i due scooter di Iwata si piazzano rispettivamente al 6° e 9° posto, col “maxi” al top nella categoria “oltre 500 cc” e il fratello al 4° posto nella classe “250-350 cc”, ma al 1° in quella dei 250 cc puri (130.000 esemplari venduti in 11 anni).
Ma il mercato si orienta sempre più verso i 300 e questa cilindrata attualmente manca nel listino Yamaha, con i 250 e dei 400 cc a… girarci attorno. Facile quindi pensare alla volontà di Iwata di presidiare la categoria con un modello declinato in quella cilindrata, uno scooter che racchiuda il meglio dei propri best seller, tra l’altro ampliando e completando la gamma “Max”, che vanta modelli di 125, 250, 400 e 530 cc.

ECCO IL VIDEO UFFICIALE

Ecco quindi il nuovo X-Max 300, scooter disponibile da maggio 2017, che prende le basi dal 250 ma presenta nuovo motore, nuova ciclistica, design parecchio rivisto e varie chicche che migliorano la vita a bordo e la sicurezza. Il tutto con l’ormai imprescindibile omologazione euro 4.
Prima di addentrarci nei dettagli, ecco le foto e il video ufficiale.

faccia da TMax

Partiamo dalle innovazioni nel design. Tutto parte dal DNA sportivo di famiglia, quel certo look da TMax che ha improntato un po’ tutta la categoria dei maxi (a tal punto che molti vedono somiglianze in certi prodotti della concorrenza…). Tra poco il TMax verrà rinnovato drasticamente, ma il carattere del modello attuale non sparisce e lo ritroviamo appunto nell’X-Max 300. Il "muso" adotta due nuovi fari a Led ed un inedito proiettore centrale che regala un aspetto aggressivo e sottolinea il legame col fratello maggiore.
Legame evidenziato anche dai lati del tunnel centrale, dove troviamo il classico stile “a boomerang” della famiglia MAX, o dalle pulite ed inclinate verso l'alto del codone, nonché dal gruppo ottico posteriore.
Anche il design della nuova strumentazione high-tech s’ispira all’iconico maxi-scooter e prevede un elegante tachimetro ed un contagiri analogico, entrambi alloggiati dentro dei gusci che richiamano quelli delle auto sportive e circondano il display centrale.
A completare il design ci sono i nuovi fari a Led, col gruppo ottico anteriore a tre luci, molto caratteristico

Nuovo motore Blue Core da 300 cc, performante ed efficiente

La sportività in uno scooter è qualcosa di un po’ relativo, ecco perché un motore nuovo, come il Blue Core montato sull’X-Max 300 (300 cc a 4 tempi, 4 valvole monoalbero in testa, raffreddamento a liquido), deve garantire prestazioni brillanti ma anche assicurare rispetto per l’ambiente e consumi contenuti. I tecnici Yamaha hanno lavorato particolarmente sulla riduzione delle perdite di potenza, sulla distribuzione e sull’efficienza della combustione col disegno e la fasatura delle valvole ottimizzati e la compatta camera di combustione semisferica con un rapporto di compressione elevato. L'offset dei cilindri, già adottato dai modelli della famiglia MT, permette invece di minimizzare le perdite meccaniche. Per migliorare l'efficienza del raffreddamento è stato adottato un cilindro DiASil, con il raffreddamento del pistone a getto d'olio. Non manca il raffreddamento forzato dell'aria che assicura un funzionamento del motore più costante. Il nuovo motore è omologato Euro 4 ma offre prestazioni superiori rispetto alla versione da 250 cc, grazie anche alla nuova iniezione: a posizione e l'angolazione degli iniettori a 12 ugelli sono state ottimizzate per nebulizzare le particelle atomizzate di carburante verso la parte posteriore della testa. Il nuovo disegno della camera di combustione e del condotto di aspirazione creano invece una turbolenza che permette una combustione rapida ed efficiente che offre più coppia ai bassi e medi regimi. Per assicurare una buona accelerazione, un'eccellente guidabilità e dei consumi ridotti, la mappatura 3D in tempo reale controlla con precisione il volume di carburante e la fasatura delle valvole.

nuova forcella a doppia piastra

Sempre parlando di sportività, da sempre il TMax si contraddistingue per una ciclistica che permette una guida davvero molto efficace e divertente. Praticamente inevitabile, per Yamaha, portare sull’X-Max 300 alcune delle caratteristiche vincenti del 530. La forcella di tipo motociclistico, ad esempio, adottata per la prima volta su uno scooter proprio dal TMax e ora presente anche sull’X-Max 300. “Di tipo motociclistico” significa che ha due piastre di sterzo, al posto di quella singola normalmente usata per gli scooter. Ne consegue una migliore stabilità e una maggiore precisione in curva. Dietro c’è un doppio ammortizzatore, le ruote sono da 15” davanti e da 14” dietro, con un impianto frenante che sfrutta dischi rispettivamente da 267 mm e da 240 mm di diametro. Come obbligatorio per tutti i nuovi mezzi di oltre 125 cc in configurazione 2017, l’ABS è di serie.

Controllo di trazione (TCS)

In tema di elettronica finalizzata alla sicurezza, l’X-Max 300 ha il controllo di trazione di serie (TCS). Attraverso appositi sensori, quando viene rilevata una perdita di trazione, il sistema elettronico interviene per una maggiore confidenza sui fondi bagnati o scivolosi e con poca aderenza.

Ergonomia e funzionalità

Tra le attenzioni che Yamaha riserva alla qualità della vita del pilota e del passeggero in sella all’X-Max, segnaliamo l’avviamento senza chiave “Smart Key” e la nuova sella con uno dei più capienti vani portaoggetti della categoria (può contenere due caschi integrali ed un computer portatile). Il vano è inoltre, è predisposto per poter essere suddiviso in maniera anche asimmetrica, con poche manovre. Nel vano sinistro del retro scudo è presente una presa da 12 V, utile per caricare o dare corrente ai dispositivi elettronici.

Nuova strumentazione gestibile dal manubrio

La nuova strumentazione dispone di un tachimetro e di un contagiri analogici che forniscono informazioni chiare e semplici da capire. Il display LCD centrale multifunzione è ora più ampio rispetto al precedente, rendendo così i dati ancora più leggibili. Per facilitare le operazioni, i comandi al manubrio permettono di scorrere le varie funzioni senza dover staccare le mani dal manubrio. 

Gamma di Accessori Originali

Yamaha mette inoltre a disposizione per X-Max 300 una ricca gamma di Accessori Originali dedicati per consentirne la personalizzazione. La collezione completa di accessori sarà disponibile immediatamente dopo l'arrivo del nuovo sport scooter nei Concessionari Ufficiali tre diapason. Sarà possibile, inoltre, utilizzare l’innovativa App My Garage per creare virtualmente il proprio mezzo sul proprio smartphone o tablet.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli