SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

Kawasaki Z900: due video ci mostrano la supernaked in azione e i dettagli

Kawasaki Z900 2017: info e foto. La Casa di Akashi presenta al Salone di Milano la nuova Naked da 900 cc, erede della vecchia Z1. Il propulsore è un quattro cilindri raffreddato a liquido che trova alloggio all'interno del telaio a traliccio in tubi. La supernked di Akashi sarà disponibile a partire da febbraio 2107

VEDIAMOLA NEI DETTAGLI

PRONTA AL DIVERTIMENTO!

Kawasaki al Salone di Milano

La Casa di Akashi sceglie il Salone di Milano per presentare tre nuovi prodotti. In particolare, Kawasaki porta le nuove naked Z650 e la Z900. Qui ci occupiamo della 4 cilindri: ​cliccando qui potete vedere la gallery con le foto della nuova Z900, che sarà disponibile nei concessionari a partire da febbraio 2017.

essenziale e cattiva, ma anche elegante

Kawasaki presenta a EICMA 2016 la sua nuova supernaked, frutto della volontà di unire potenza e maneggevolezza. Nata come discendente della vecchia Z1000, è spinta da un motore a quattro cilindri di 948 cc studiato per dare il meglio di sè già dai bassi e medi regimi. A ospitare il propulsore è un telaio a traliccio in tubi e braccio oscillante estruso. Secondo quanto dichiara la Casa di Akashi i punti forza della nuova Supernaked giapponese risiedono in un motore tanto sportivo quanto divertente e in un'agilità da prima della classe.

Dicevamo che il motore della Z900 è un nuovo 4 cilindri in linea da 948 cc, cilindrata scelta per avere tiro ai bassi e anche allungo. Il nuovo propulsore è basato proprio su quello della Z1000, con misure di alesaggio/corsa di 73,4 x 56,0 mm: 3,6 mm di alesaggio in meno rispetto alla “millona”, con corsa invariata. La cubatura scende di 95 cc, mentre la potenza passa da 142 a 125,4 CV. I corpi farfallati sono perpendicolari e misurano 36 mm di diametro, contro i 38 della Z1000 (ci sono le farfalle doppie). Il diametro delle valvole è di 29 mm per quelle di aspirazione e di 24 mm per quelle di scarico. I pistoni sono realizzati con la stessa tecnica usata per quelli della H2/H2R (simile alla forgiatura), i cilindri sono “open deck”, mentre l’albero motore alleggerito consente al propulsore di prendere i giri velocemente. Le vibrazioni sono contrastate da un contralbero, ma una parte è stata mantenuta, per trasmettere il carattere del motore. L’inedito design dei carter e dei coperchi degli accessori contribuisce a sottolineare la compattezza e la novità del propulsore.
Una cura particolare è stata posta allo studio del suono. L’impianto di scarico 4-in-1 deve rispettare la Euro 4 (fortunatamente il silenziatore è abbastanza compatto, il lavoro… sporco lo fa la precamera), quindi i tecnici Kawasaki hanno studiato un sistema di aspirazione che compensa la silenziosità del terminale “ululando” e cambiando tonalità a seconda del regime di giri.
La trasmissione vanta un cambio con rapporti ravvicinati dalla prima alla quinta, con sesta overdrive: al semaforo la Z900 non avrà complessi di inferiorità! Dalle corse arriva la frizione assistita e antisaltellamento, che non c’era sul modello precedente e sfrutta due tipi di camme, ognuna dedicata a ciascuna funzione. La strumentazione ha l’indicatore del cambio marcia regolabile (ma anche il tachimetro che offere tre modalità di visualizzazione).


Completamente nuovo il telaio, che passa da un’unità a doppio trave in alluminio ad una a traliccio: la H2/H2R ha fatto scuola! La struttura pesa solo 13,5 kg, addirittura 1,5 kg meno che il telaio della Z650. La filosofia costruttiva del traliccio è identica a quella del telaio della media bicilindrica: leggerezza, maggior rettilineità possibile dei tubi, motore come elemento stressato. Il forcellone è estruso in alluminio e pesa solo 3,9 kg, quasi un chilo meno che quello della Z650, mentre il telaietto posteriore è anch’esso in tubi.
La forcella è una USD con steli da 41 mm di diametro, regolabile nel precarico (stelo sinistro) e nell’idraulica in estensione (i registri sono posti sui tappi superiori della forcella); il monoammortizzatore, regolabile nel precarico e nell’estensione, è posto quasi orizzontalmente sopra al forcellone, per centralizzare le masse e allontanare l’ammortizzatore dal calore dello scarico. Le tarature standard sono di compromesso tra sportività e comfort.
I dischi dei freni anteriori sono a margherita e hanno diametro di 300 mm (250 il posteriore), morsi da pinze assiali a 4 pistoncini. L’impianto frenante è assistito dall’ABS Nissin.

Anche lo stile della Z900 si ispira al Sugomi Design che già impronta le linee della Z1000, ma tutto è visivamente più leggero, essenziale, con carrozzeria meno estesa e più attillata, che lascia in vista telaio e motore esaltando l’aspetto meccanico, tecnologico e sportivo della moto. A ciò contribuisono anche il serbatoio, scultoreo ma elegante e più sinuoso che sulla Z1000, e le cover inferiori del 4 cilindri, disegnate per sembrare parte del motore.
Alcune caratteristiche distintive della Z1000 sono state mantenute, come il gruppo ottico anteriore a doppia luce bassissimo e poco sporgente. Lo è anche la strumentazione (contagiri digitale che ne simula uno analogico, con tre tipi di fondo selezionabili dal pilota, indicatore di marcia inserita e flashh di cambiata; il tutto a sormontare un grande schermo LCD a fondo scuro, che offre moltissime informazioni, compresa l’indicazione di guida economica), rifinita in carbon look e vestita da una cover anch’essa compatta e attillata ma integrata col gruppo faro meglio che in passato. Anche la coda è più sinuosa di quella della Z1000, pur mantenendo una linea sportiva che punta in alto. Confermato anche sulla Z900 il caratteristico faro posteriore a Led a forma di “Z”.

La posizione di guida è leggermente più rialzata rispetto a quanto offerto dalle attuali Z800 e Z1000, con il triangolo sella/pedane/manubrio (montato su silent block e con leve regolabili) studiato per massimizzare feeling e maneggevolezza. L’ampia area di seduta dista 794 mm da terra, è anteriormente rastremata e, insieme ai fianchi stretti della parte centrale della moto, aiuta piloti di tutte le taglie a poggiare facilmente i piedi al suolo. Le pedane hanno tamponi in gomma e, quelle del pilota, contrappesi anti vibrazioni e paratacchi montati su silent block.
La Z900 sarà disponibile nelle colorazioni Pearl Mystic Gray/Metallic Flat Spark Black, Candy Lime Green/Metallic Spark Black, Metallic Flat Spark Black/Metallic Spark Black, Candy Plasma Blue/Metallic Graphite Gray. Quest’ultima è una colorazione riservata alla versione Special Edition, che avrà anche grafiche dedicate e dotazione di serie più ricca.

A proposito di accessori, ecco alcuni di quelli disponibili nella lista degli optional:

  • Coprisella monoposto
  • Sella alta (+ 20 mm), con rivestimento bicolore e logo Kawasaki
  • Cover strumentazione maggiorata
  • Borsa da serbatoio
  • Presa di corrente
  • Cover radiatore
  • Tamponi para telaio
  • Tamponi mozzi
  • Para serbatoio
  • Modanature per carter motore

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA